Spa, 18a Ora: doppia leadership Ferrari, Lamborghini-FFF recupera

La Ferrari #51 continua a comandare sull'Audi-WRT #32 e la Aston #95, Mapelli è riuscito a sbarazzarsi della Porsche-KCMG salendo quarto. MadPanda gestisce in Silver, le Ferrari volano in PRO-AM.

Spa, 18a Ora: doppia leadership Ferrari, Lamborghini-FFF recupera

La Ferrari 488 #51 della Iron Lynx continua a comandare a livello assoluto e in Classe PRO la 24h di Spa-Francorchamps, con i protagonisti di GT World Challenge Europe - Endurance Cup ed Intercontinental GT Challenge che ora devono affrontare l'ultimo 'quarto' di gara.

Alessandro Pier Guidi/Côme Ledogar/Nicklas Nielsen stanno gestendo il buon margine che li vede davanti all'Audi R8 #32 di Dries Vanthoor/Kelvin Van Der Linde/Charles Weerts (Team WRT), che a sua volta ha un discreto vantaggio sulla Aston Martin Vantage #95 della Garage 59 (Nicki Thiim/Ross Gunn/Marco Sørensen).

Tutte e tre hanno approfittato di un periodo di Full Course Yellow/Safety Car alla 16a ora (uscita della Lamborghini #16 di GRT) per effettuare il pit-stop obbligatorio con cambio freni, mantenendo le medesime posizioni al rientro in pista.

Grandissimo duello invece per la quarta posizione, tornata ora alla Lamborghini #63 dell'Orange 1 FFF Racing Team (Andrea Caldarelli/Marco Mapelli/Mirko Bortolotti) dopo aver raggiunto e tallonato per diversi giri la Porsche 911 GT3-R #47 di KCMG (Maxime Martin/Nick Tandy/Laurens Vanthoor), in questo momento sesta.

Fra l'altro la squadra di Hong-Kong sta anche correndo con solo Martin e Tandy perché Vanthoor è finito in ospedale. Il belga era nel paddock dopo il suo turno di guida ed è stato investito da un meccanico su un quad, cadendo rovinosamente e battendo la testa. Soccorso immediatamente, Laurens ha riportato escoriazioni al volto e un forte trauma cranico che i medici hanno preferito controllare più approfonditamente, per cui l'idolo locale non potrà essere più della partita.

Audi che ha altre tre macchine in Top10, con la #66 della Attempto Racing condotta da Mattia Drudi/Dennis Marschall/Christopher Mies quinta, la #37 del Team WRT (Nico Müller/Robin Frijns/Dennis Lind) settima e la #25 di Saintéloc Racing (Markus Winkelhock/Patric Niederhauser/Christopher Haase) scesa nona.

Ottava c'è invece la McLaren 720 S #38 della Jota (Rob Bell/Oliver Wilkinson/Ben Barnicoat), con Top10 che annovera anche la seconda Porsche di KCMG (#18 Edoardo Liberati/Alexandre Imperatori/Josh Burdon), passata davanti alla Mercedes-AMG #89 di AKKA ASP (Lucas Auer/Timur Boguslavskiy/Felipe Fraga).

Leggi anche:

In Classe Silver Cup nessun problema per la Mercedes-AMG #90 di MadPanda Motorsport (Ezequiel Perez Companc/Ricardo Sanchez/Patrick Kujala/Rik Breukers), che continua ad amministrare sulla Aston Martin #159 di Garage 59 (Tuomas Tujula/Alex MacDowall/Valentin Hasse Clot/Nicolai Kjaergaard).

Ancora terza l'Audi #99 di Attempto Racing (Fabien Lavergne/Max Hofer/Alex Aka), sale quarta la Ferrari #33 della Rinaldi Racing (Benjamin Hites/Fabrizio Crestani/David Perel) avendo alle spalle le Mercedes di Toksport WRT (#7 Berkay Besler/Oscar Tunjo/Paul Petit/Marvin Dienst) e SPS Automotive Performance (#40 Miklas Born, Jordan Love/Yannick Mettler/Lance David Arnold).

Seguono le AMG le Audi di Team WRT (#31 Ryuichiro Tomita/Frank Bird/Valdemar Eriksen e #30 James Pull/Franco Colapinto/Benjamin Goethe), e Saintéloc Racing (#27 Alexandre Cougnaud/Lucas Legeret/Louis Prette/Aurelien Panis).

In Classe PRO-AM prosegue la cavalcata delle Ferrari di AF Corse. Con l'ultima girandola di soste, la #53 di Duncan Cameron/Rino Mastronardi/Matt Griffin/Miguel Molina si è presa il primo posto, che poco prima era della #52 di Louis Machiels/John Wartique/Andrea Bertolini/Alessio Rovera, superata dalla Lamborghini #77 della Barwell Motorsport (Miguel Ramos/Leo Machitski/Henrique Chaves/Sandy Mitchell).

Quarta c'è la Ferrari #93 di Sky Tempesta Racing (Jonathan Hui/Chris Froggatt/Matteo Cressoni/Eddie Cheever), più staccata la Porsche #61 di EBM Giga Racing.

Infine in Classe AM un contatto alla "Bus Stop" con l'Audi #31 di Eriksen ha costretto la Porsche #166 della Haegely by T2 Racing (Pieder Decurtins/Dennis Busch/Manuel Lauck/Marc Basseng) a tornare ai box per le riparazioni. Fuori nell'incidente sopracitato la Porsche #23 di Hubert Motorsport (Jacob Schell/Ivan Jacoma/Niki Leutwiler/Nico Menzel).

condivisioni
commenti
Spa, 15a Ora: Ferrari-Iron Lynx allunga, rimonta Audi-WRT

Articolo precedente

Spa, 15a Ora: Ferrari-Iron Lynx allunga, rimonta Audi-WRT

Prossimo Articolo

Crash 24H di Spa: Aitken, fratture a clavicola e a una vertebra

Crash 24H di Spa: Aitken, fratture a clavicola e a una vertebra
Carica commenti