WEC: ecco i dettagli del sistema di handicap della LMP1

Sono stati resi noti i dettagli del nuovo handicap legato ai successi che verrà introdotto nella classe LMP1 del FIA WEC in questa stagione.

WEC: ecco i dettagli del sistema di handicap della LMP1

Le singole vetture saranno penalizzate di 0,008 secondi al chilometro per ogni punto di vantaggio nel confronti dell'ultimo nella classifica iridata della LMP1.

Questo significa che la vettura che vincerà la gara di apertura a Silverstone questo fine settimana, potrebbe essere penalizzata di quasi un secondo nel secondo round del WEC 2019/2020, che si disputerà in ottobre al Fuji.

Non saranno applicate però ulteriori penalità alla vettura in testa al campionato quando il divario tra questa e l'ultima sarà superiore ai 40 punti. Anche se in ogni caso parliamo di un handicap di 1"44 su una pista di 4,5 km per fare un esempio.

Le vetture saranno rallentate in maniere differenti a seconda delle loro caratteristiche.

Per la Toyota TS050 Hybrid i criteri sono la velocità del flusso del carburante, la benzina consentita sul giro e sullo stint, la quantità di energia del sistema ibrido e la velocità con la vettura può fare rifornimento.

I critire per le vetture private invece sono il peso minimo, il flusso di carburante, la benzina per gli stint e la velocità con cui si può completare il rifornimento.

Il peso delle vetture non ibride non potrà andare oltre gli 870 kg, che era il peso minimo originale per la categoria. Attualmente, infatti, la Rebellion e la Ginetta pesano rispettivamente 824 ed 833 kg.

Se nessuna vettura LMP1 dovesse riuscire a terminare la gara di domani a Silverstone oltre a quella dei vincitori, e nel caso in cui questa dovesse fare anche il giro veloce, sarebbe penalizzata di 0"949 nella prossima gara.

Il bollettino ufficiale comunque che i fattori di correzione potrebbero anche essere modificati in futuro, anche perché parliamo di un sistema pensato per cercare di avvicinare tutte le vetture in griglia, più di quanto non sia possibile tramite l'Equivalence of Technology. L'idea sarebbe di avere un gap di massimo 0"250 al km tra tutte le vetture LMP1.

Questo sistema non sarà utilizzato in occasione della 24 Ore di Le Mans del prossimo anno, che chiuderà la stagione 2019/2020.

condivisioni
commenti
WEC, Silverstone: Toyota monopolizza la prima fila in qualifica

Articolo precedente

WEC, Silverstone: Toyota monopolizza la prima fila in qualifica

Prossimo Articolo

WEC: prima doppietta stagionale per la Toyota a Silverstone

WEC: prima doppietta stagionale per la Toyota a Silverstone
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021