Petrucci: "Farei gioco di squadra a Portimao. Per Dovi..."

Il vincitore di Le Mans ha spiegato il gesto del silenzio in un'intervista alla Gazzetta dello Sport, nella quale ha mandato diversi messaggi alla Ducati.

Petrucci: "Farei gioco di squadra a Portimao. Per Dovi..."
Carica lettore audio

"E' stata una grande liberazione". Danilo Petrucci è stato molto diretto quando a caldo ha parlato della bellissima vittoria conquistata domenica a Le Mans, arrivata a porre fine ad un periodo di profonda crisi, nella quale aveva visto piano piano svanire la fiducia intorno a sé, da quella della Ducati fino a quella degli addetti ai lavori.

Liberazione quindi forse era proprio la parola più adatta per descrivere quello che ha provato dopo essere passato per primo sotto alla bandiera a scacchi. Non è passato inosservato però anche un gesto che "Petrux" ha fatto una volta arrivato al parco chiuso, portandosi il dito indice alla bocca, come a dire di fare silenzio.

In molti hanno pensato che fosse rivolto a Gigi Dall'Igna, direttore generale di Ducati Corse, quindi il pilota di Terni ha cercato di spiegarlo un po' meglio in un'intervista che ha concesso alla Gazzetta dello Sport.

"Sì, ma era una battuta. Ognuno fa le proprie scelte e io ho rispettato molto la sua di mettere Jack al posto mio. Mi sarebbe piaciuto di più giocarmela, ma nel 2021 corro nella squadra dove avrei voluto andare, quindi non avrei potuto desiderare di meglio" ha spiegato Danilo.

Leggi anche:

Poi ha chiarito che era rivolto un po' a tutto il "rumore" che ha sentito intorno a lui da quando è entrato in difficoltà nella seconda metà della scorsa stagione.

"Ma quel gesto era per tutti, con quelle che ho sentito. Sono molto anti-social e leggo di tutti gli sport tranne che di moto, però magari vai al bar nella giornata in cui non vuoi sapere niente e il barista ti dice: 'oh però la prossima volta i punti prendiamoli...'".

"Al debrief di Misano ad ascoltarmi c'erano due giornalisti e quando ho detto che volevo tornare a vincere avevano delle facce... Magari vincere una sagra. E' stato per quello il zitti tutti".

Riguardo alle sue difficoltà, Petrucci ha ammesso anche che non sentire la fiducia all'interno della Ducati gli ha creato del malessere e per il futuro ha consigliato alla Casa di Borgo Panigale di pensare un po' di più alla persona che c'è dietro al pilota.

"Io credo che debba essere data importanza non solo al pilota, ma anche alla persona, mentre si tende a mettere attenzione solo sulla parte professionale".

"Non tutti i piloti possono essere trattati alla stessa maniera e a me, quando ho capito che non ero più io e non c'era la voglia da parte loro di credere in me, questo non ha fatto bene. Per loro la moto ha la stessa importanza del pilota".

Domenica tra i suoi avversari nella battaglia per la vittoria c'era anche il compagno Andrea Dovizioso, con il quale in questi anni ha instaurato un bel rapporto di amicizia.

Quando infatti gli è stato chiesto se sarebbe disposto a fare gioco di squadra nell'ultima gara a Portimao, ha detto che lo farebbe, lasciando intendere però che sarebbe un gesto più rivolto al forlivese che al team.

"Sì, lo aiuto. Vincere un Mondiale è una cosa grande e mi piacerebbe se lo vincesse Andrea. Se posso aiutarlo e servisse, io lo farei. Per Andrea".

condivisioni
commenti
Report MotoGP: Petrucci risorge, big alla deriva
Articolo precedente

Report MotoGP: Petrucci risorge, big alla deriva

Prossimo Articolo

Iannone aspetta il TAS: "Il giorno più importante della mia vita"

Iannone aspetta il TAS: "Il giorno più importante della mia vita"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021