Yonny Hernandez trova il feeling con la GP14.2

In casa Pramac invece Danilo Petrucci non è contento della classifica, ma il suo passo è buono

Yonny Hernandez trova il feeling con la GP14.2
Carica lettore audio

Il secondo giorno dei test invernali in Qatar si chiude con indicazioni tutto sommato positive per i piloti di Pramac Racing.

Yonny Hernandez ha confermato i progressi mostrati nella prima giornata di test spingendo forte fin dall'inizio e realizzando dopo 13 giri il tempo di 1'55"772 che gli ha permesso di chiudere 11° a soli 2 decimi dalla quarta posizione di Jorge Lorenzo. La condizione fisica del pilota colombiano è in forte crescita e l'infortunio alla spalla sembra ormai recuperato. Anche l'intesa con la moto sta crescendo giorno dopo giorno.

Per Danilo Petrucci un'intensa giornata di lavoro che gli ha permesso di recuperare fiducia dopo le cadute di sabato. Il pilota di Terni ha lavorato esclusivamente sul passo gara senza pensare alla prestazione ed ha chiuso con il tempo di 1'56"762 mantenendo comunque un buon ritmo nei 32 giri percorsi.

Yonny Hernandez: "Penso che sia stata una buona giornata di test. Ho trovato subito un buon feeling con la moto. Posso solo ringraziare la squadra che mi ha permesso di prendere tanta fiducia per spingere forte. Abbiamo lavorato tanto con la gomma dura e questo è un dato importante. Con la gomma morbida ho fatto solo pochi giri ed alla fine il tempo era quasi lo stesso. A causa dell'umidità e delle condizioni della pista ho preferito chiudere la sessione un po' in anticipo per non rischiare in vista dell'ultima giornata di test e soprattutto della gara di apertura qui in Qatar. Mi sento molto meglio rispetto alla Malesia, il recupero dall'infortunio sta andando molto bene. L'ultima sarà un'altra intensa giornata di lavoro in cui proveremo anche a migliorare il tempo".

Danilo Petrucci: "Il primo obiettivo era quello di riprendere fiducia dopo la difficile giornata di ieri e da questo punto di vista sono soddisfatto. Abbiamo lavorato molto sul passo gara, senza cercare il tempo dopo aver deciso di non usare le gomme morbide. Tutto sommato è stata una sessione positiva anche se alla fine ho avuto dei problemi con la gomma nuova: quando sono rientrato in pista per gli ultimi giri ho sentito che qualcosa non andava ed i dati lo hanno confermato. Il tempo e soprattutto il passo non sono male anche se la classifica non mi può soddisfare. Le due cadute di sabato hanno forse un po' influito sulla prestazione. I test, però, non danno i punti. Devo solo concentrarmi per migliorare in vista della gara anche perchè troveremo un circuito pieno di trabocchetti".

condivisioni
commenti
Crutchlow: "La caduta è stata tutta colpa mia"
Articolo precedente

Crutchlow: "La caduta è stata tutta colpa mia"

Prossimo Articolo

Miller: "Piano piano ci avviciniamo ai primi"

Miller: "Piano piano ci avviciniamo ai primi"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021