Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Gara
MotoGP GP di Francia

MotoGP | Bezzecchi trionfa a Le Mans, Bagnaia si stende con Vinales

Seconda vittoria in carriera per il pilota della Mooney VR46, che torna ad un solo punto nel Mondiale da Pecco, caduto quasi subito in un contatto con Vinales. Marquez lotta per il podio fino alla fine, ma poi cade e ne approfittano Martin e Zarco per completare il podio con le Ducati Pramac. Quarto c'è un super Augusto Fernandez con la GasGas Tech3 davanti all'Aprilia di Espargaro. Paura per Marini e Zarco.

Marco Bezzecchi, VR46 Racing Team

E' successo veramente di tutto nel Gran Premio di Francia, quasi a voler celebrare la 1000esima gara della storia del Motomondiale. Il titolo però è tutto per Marco Bezzecchi, che a Le Mans ha sfoderato un'altra prova da campione, andando a centrare la sua seconda vittoria in carriera in MotoGP.

Un successo pesante, perché lo riporta ad un solo punto dalla vetta del Mondiale, visto che il leader Pecco Bagnaia che ha abbandonato la contesa quasi subito. Nel corso del quinto giro, il pilota della Ducati ha avuto un incrocio di traiettorie con l'Aprilia di Maverick Vinales a cavallo tra le curve 11 e 12 che è finito nel peggiore dei modi.

La sensazione comunque è che, anche se tra i due c'è stato pure qualche spintone nella ghiaia della via di fuga, il contatto sia stato quasi inevitabile, ma che sia arrivato senza una colpa specifica di uno dei protagonisti, che sono già stati puniti abbastanza con uno zero in una gara in cui entrambi sembravano avere in tasca delle buone carte da giocare. Il campione del mondo, tra le altre cose, è andato anche al Centro Medico per accertamenti perché era dolorante alla caviglia destra.

Questo però non deve togliere nulla alla grande impresa di Bezzecchi, che ha mostrato un passo onestamente insostenibile per il resto della concorrenza. All'inizio è stato Jack Miller a dettare il ritmo con la KTM, mentre più indietro il portacolori della Mooney VR si ritrovava costretto a restituire anche una posizione per un'entrata aggressiva alla curva 8 ai danni di un arrembante Marc Marquez.

Niente che però abbia spezzato le sue ambizioni, perché quando mancavano 17 giri si è preso la leadership e da quel momento è stato subito chiaro che non ce ne sarebbe stato più per nessuno. Il riminese ha allargato la forbice sugli inseguitori a suon di giri veloci e alla fine si è presentato sotto alla bandiera a scacchi con oltre quattro secondi di margine sugli inseguitori, regalando un'altra gioia enorme alla squadra di Valentino Rossi.

Alle sue spalle invece la battaglia è stata davvero serrata. Con il passare dei giri, Miller ha visto calare il ritmo della sua RC16 e alla fine la sua gara si è conclusa nella ghiaia della curva 4 dopo una scivolata. A tenere banco è stato quindi il duello tra Marquez ed un Jorge Martin protagonista di una rimonta fenomenale dopo un dritto alla curva 8 che nelle prime fasi lo aveva fatto precipitare addirittura decimo.

Il madrileno del Pramac Racing è stato bravissimo a mettere pressione all'otto volte campione del mondo, che ha provato in tutti i modi a resistergli. Forse anche troppo, perché nel corso del penultimo giro per provare a resistere all'esterno a Martin è finito ruote all'aria alla curva 7, vanificando quello che era stato un grande rientro dall'infortunio.

Ad approfittarne è stato quindi Johann Zarco, che aveva fatto da spettatore alla battaglia, e alla fine si è ritrovato sul gradino più basso del podio proprio nella gara di casa. Alle sue spalle, merita un bell'applauso anche Augusto Fernandez, perché il portacolori della GasGas Tech3 si ritrova ad essere il miglior pilota KTM al traguardo, dopo essere stato protagonista di una gara veramente degna di un campione del mondo della Moto2, stando per la prima volta nel gruppetto dei migliori.

La top 5 si completa con l'Aprilia di Aleix Espargaro, che non ha mai dato la sensazione di poter tenere il ritmo dei migliori. Stesso discorso che vale per Brad Binder, oggi portato fuori pista dopo poche curve e chiamato alla rimonta. Poi il sudafricano ci ha messo del suo, prendendo una long lap penalty per un lungo alla staccata della 9, quindi alla fine si è dovuto accontentare del sesto posto, che comunque gli consente di ridurre a 13 punti il ritardo da Bagnaia.

Nonostante i numerosi ritiri, Fabio Quartararo anche nella gara di casa si è dovuto accontentare del settimo posto, con una Yamaha che non è mai stata competitiva per tutto il weekend. Nella top 10 poi c'è spazio anche per Fabio Di Giannantonio, ottavo, e per Franco Morbidelli, decimo. Qualche punticino poi se lo portano a casa anche i sostituti Danilo Petrucci e Lorenzo Savadori, rispettivamente 11° e 12°.

Purtroppo al traguardo non c'è Luca Marini, che ha finito la sua corsa al Centro Medico per accertamenti alle mani dopo un brutto incidente con Alex Marquez: il pilota della Mooney VR46 ha perso l'anteriore in uscita dalla curva 4 nel corso del sesto giro, ma poi è riuscito a riprenderla. A quel punto era piantato in mezzo alla traiettoria e lo spagnolo non ha potuto fare nulla per evitarlo. Grande il rischio soprattutto per Alex, che si è ritrovato steso in mezzo alla pista con le moto che sopraggiungevano che lo hanno evitato davvero per un pelo. Tra i ritirati poi vanno citate anche le due Honda di Joan Mir ed Alex Rins, entrambe finite ruote all'aria senza conseguenze.

Leggi anche:
Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Italy Marco Bezzecchi Ducati 27 41'37.970     162.8 25
2 Spain Jorge Martin Ducati 27 41'42.226 4.256 4.256 162.5 20
3 France Johann Zarco Ducati 27 41'42.765 4.795 0.539 162.5 16
4 Spain Augusto Fernandez KTM 27 41'44.251 6.281 1.486 162.4 13
5 Spain Aleix Espargaro Aprilia 27 41'44.696 6.726 0.445 162.4 11
6 South Africa Brad Binder KTM 27 41'51.608 13.638 6.912 161.9 10
7 France Fabio Quartararo Yamaha 27 41'52.993 15.023 1.385 161.8 9
8 Italy Fabio Di Giannantonio Ducati 27 41'53.796 15.826 0.803 161.8 8
9 Japan Takaaki Nakagami Honda 27 41'54.340 16.370 0.544 161.7 7
10 Italy Franco Morbidelli Yamaha 27 41'55.798 17.828 1.458 161.6 6
11 Italy Danilo Petrucci Ducati 27 42'07.705 29.735 11.907 160.9 5
12 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 27 42'14.105 36.135 6.400 160.5 4
13 Germany Jonas Folger KTM 27 42'27.778 49.808 13.673 159.6 3
  Spain Marc Marquez Honda 25          
  Australia Jack Miller KTM 24          
  Spain Alex Rins Honda 14          
  Spain Joan Mir Honda 12          
  Italy Luca Marini Ducati 5          
  Spain Alex Marquez Ducati 5          
  Italy Francesco Bagnaia Ducati 4          
  Spain Maverick Viñales Aprilia 4          

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Ecco gli orari di Sky e TV8 del GP di Francia
Prossimo Articolo MotoGP | Bezzecchi: "Partire meglio la chiave. Grazie a Gigi per l'aiuto"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia