Morbidelli: “Il contratto Petronas parla di moto ufficiale nel 2022”

Franco Morbidelli arriva a Le Mans forte dello splendido podio di die settimane fa a Jerez, ma in condizioni meteo che prevedono pioggia non pensa di essere tra i favoriti sul tracciato francese. Ad ogni modo si ritiene soddisfatto del lavoro svolto fino ad ora e punta a migliorare ancora anche in vista del 2022, che lo vedrebbe finalmente equipaggiato di una moto ufficiale.

Morbidelli: “Il contratto Petronas parla di moto ufficiale nel 2022”

Due settimane dopo Jerez, la MotoGP si sposta a Le Mans, dove andrà in scena questo fine settimana il quinto appuntamento della stagione. Franco Morbidelli arriva in Francia forte della splendida prestazione della scorsa gara in Spagna, uno stratosferico podio conquistato a margine di una gara solida.

La terza posizione di due settimane fa lo ha portato in ottava posizione a 33 punti, esattamente la metà del connazionale Francesco Bagnaia, attuale leader della classifica generale: “È un risultato importante, perché è un podio in MotoGP e per tutto quello che stiamo vivendo. Quel podio ha avuto un sapore speciale, diverso per me. È stata una sensazione grandiosa e ho avuto un’esplosione dopo la bandiera a scacchi. Credo che tutto sia dovuto al fatto che ci sono state tante emozioni che si sono raccolte dentro di me e tutto è venuto fuori dopo un grande risultato”.

Nonostante il campionato sia ancora all’inizio e Le Mans possa rappresentare una pista forte per la sua M1, il pilota del team Petronas non si proietta nella lotta al titolo, conscio dei mezzi di cui dispone nel box Petronas: “Le mie aspettative le ho già rivalutate a partire dalle prime due gare del Qatar. Mi sono subito reso conto che dovevo di nuovo alzare il mio livello se volevo restare in posizioni simili rispetto all’anno scorso. Era quello che volevo fare e ci siamo riusciti a Portimao e Jerez. Spero di continuare a farlo nel migliore dei modi con il mio staff, cercando di godermi le gare e di essere il miglior pilota che possa essere, sempre considerando che si può fare sempre di meglio”.

Il meteo in vista del weekend di Le Mans sembra essere tutt’altro che asciutto, ma questa condizione non favorirà le opzioni di Morbidelli, che si ritiene non un maestro sul bagnato: “Purtroppo non penso che avrò possibilità di vittoria maggiori, perché io non sono mai andato tanto veloce sul bagnato. Provo ad essere veloce, ma per qualche motivo non ci sono mai riuscito. Sul bagnato ho fatto un podio in carriera, ma poi mai più. Ci sarà la possibilità di cercare di migliorare sul bagnato e sarà anche l’opportunità di capire se quanto fatto nei test di Jerez funzionerà anche sul bagnato. Sarà utile cercare di ottenere un buon risultato, ma le mie ambizioni non crescono con la pioggia”.

“Nei test di Jerez abbiamo provato diverse cose – prosegue – il forcellone, le forcelle, setting e altre componenti tecniche. Sono stato soddisfatto, ma chiaramente i test del lunedì sono particolari e noi partiremo con la moto della gara di Jerez, non con quella dei test. Poi decideremo cosa provare a Le Mans anche in base al meteo”.

Ciò che però continua a suscitare ancora molto clamore è l’ingresso della VR46 in MotoGP a partire dal prossimo anno. E Morbidelli, che fa parte della Academy, commenta: “La VR46 è entrata in maniera poderosa in MotoGP, ha smosso molto gli animi e non solo, portando con sé un grandissimo sponsor e una grande immagine con Valentino Rossi. Ha smosso tutti gli animi della MotoGP, ci metto anche il mio. Detto questo, io ho un contratto con il team Petronas, dove c’è scritto che avrò una moto ufficiale per il 2022. Non si sa che moto sarà, ma sarà comunque una moto ufficiale”.

“Ad ogni modo, per me la cosa più importante è rispettare il mio contratto con Petronas e continuare il mio percorso con loro, perché è un team nel quale mi trovo bene, qui riesco a sentirmi bene e a guidare bene in pista. Le altre scelte dovranno essere ponderate in separata sede, sono scelte che spettano a chi di dovere, io dovrò concentrarmi di più sulla guida”. 

Proprio di contratti parla anche Valentino Rossi, che oggi si è pronunciato su Morbidelli: "Mi piacerebbe moltissimo che Franco corresse con il nostro team, ma si trova molto bene con il Team Petronas, quindi secondo me rimarrà lì. O comunque, se dovesse cambiare, penso che si meriti un team ufficiale. Quindi mi dispiace, ma penso che sarà difficile che possa correre con noi".

condivisioni
commenti
Quartararo: “Operazione necessaria, ma ora mi sento benissimo”

Articolo precedente

Quartararo: “Operazione necessaria, ma ora mi sento benissimo”

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Marquez potrebbe rientrare in lotta per il titolo"

Bagnaia: "Marquez potrebbe rientrare in lotta per il titolo"
Carica commenti
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021