Le Michelin tornano a causare qualche mal di testa in Australia

Sono state ben 13 le cadute che hanno caratterizzato l'ultima giornata, preoccupando i piloti che hanno nuovamente riperso un po' il feeling con l'anteriore.

Le Michelin tornano a causare qualche mal di testa in Australia
Pol Espargaro, Tech 3 Yamaha crash
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Pol Espargaro, Tech 3 Yamaha bike after the crash
Cal Crutchlow, Team LCR Honda
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Eugene Laverty, Aspar MotoGP Team crash
Tito Rabat, Marc VDS Racing Honda bike after the crash
Eugene Laverty, Aspar MotoGP Team

Nel primo test della pre-season della MotoGP, andato in scena appena due giorni dopo la conclusione del Mondiale a Valencia, quasi ogni pilota si era lamentato della mancanza di feeling con la gomma anteriore realizzata dalla Michelin. L'azienda francese però ha avuto una grande capacità di reazione e all'inizio del mese si è presentata con diverse nuove mescole in Malesia, ribaltando completamente l'opionione generale.

"Hanno lavorato molto e si vede, perché queste mescole sono parecchio migliori rispetto a quelle di Valencia" è stata l'opinione diffusa a Sepang. Ora, a distanza di due settimane, il panico è tornato ad affacciarsi quasi in ogni box a Phillip Island, dove nella terza ed ultima giornata dei test ci sono state ben 13 cadute, quasi tutte dovute al troppo ottimismo dei piloti nei confronti della gomma anteriore.

"Nel mio caso è stata colpa della gomma, ne sono sicuro, perché non avevo neanche iniziato a piegare la moto, ero sul rettilineo" ha spiegato Maverick Vinales, che ha distrutto la sua Suzuki. E il suo compagno di squadra Aleix Espargaro è stato ancora più critico: "Non è normale che accadano queste cose in MotoGP. 13 incidenti sono troppi".

Jorge Lorenzo è un altro piloti che non è rimasto impressionato positivamente in Australia: "Giovedì abbiamo pensato che alcuni set di pneumatici fossero difettosi e quindi li abbiamo riconsegnati. Forse ci siamo sbagliati ed andavano bene, quindi venerdì abbiamo chiesto di riaverli indietro, ma ormai non erano più nuovi. Con le Michelin sono già caduto tre o quattro volte in pochi giorni ed è un po' strano. Loro devono migliorare le gomme, ma anche noi dobbiamo fare del nostro meglio per adattarci".

Anche Marc Marquez non ha potuto evitare di registrare qualche anomalia: "Molti di noi sono caduti a causa della gomma anteriore. La Michelin è solo all'inizio, ma la cosa positiva è che stanno lavorando duramente. Fino ad oggi non ho mai spinto troppo forte sulla gomma, ma poi ho provato a fare un tempo e non ha tenuto. Il problema principale è che non ti avvisano. Quando ti rendi conto di averla persa, ormai siamo per terra".

A tutto questo va aggiunto un dato interessante: inizialmente la Michelin aveva chiesto alle squadre di non fare più di 25 giri con lo stesso set di gomme su un tracciato impegnativo come Phillip Island. Questo numero però è stato successivamente ridotto a 15.

condivisioni
commenti
Danilo Petrucci verrà operato lunedì

Articolo precedente

Danilo Petrucci verrà operato lunedì

Prossimo Articolo

Primi giri sulla KTM RC16 per Randy De Puniet a Jerez

Primi giri sulla KTM RC16 per Randy De Puniet a Jerez
Carica commenti
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021