Gattuso e Malucelli si impongono in gara 1 a Misano

Doppio podio per la Scuderia Baldini 27, ma seconda c'è l'Audi. In GT Cup vittoria per i Pastorelli

Il Marco Simoncelli di Misano Adriatico si è scaldato con i piloti del Campionato Italiano Gran Turismo, emozioni, contatti, sorpassi a non finire. Allo Start subito scintille con Vito Postiglione che si infila in prima fila tra Gattuso e Beretta passando al comando, mentre Gianmaria sfrutta l’ottimo spunto e recupera una posizione.

Dietro alla testa della classifica Amici, mentre Viberti si infila su Beretta con Di Amato che tiene il passo dei primi. Nella Cup Desideri conduce la classifica davanti a Valori e Nicola Pastorelli. Colpo di scena per il contatto tra tra Lucchini e Monfardini, mentre Postiglione inizia a spingere, segnando 1’34”172.

Gianmaria inizia a pressare l’Audi di Amici con Postiglione scatenato che continua ad abbassare il record con 1’33”883. Al settimo passaggio Gai pressa la Porsche di Thomas Biagi mentre Magli entra in contatto con la Porsche di Romani. Al giro successivo Desideri va in testacoda e perde la leadership tra le Cup con Perel terzo.

Al nono passaggio continuano i problemi di assetto per la Corvette di Sini che vede la sagoma della Ferrari di Berton negli specchi. Postiglione continua la sua cavalcata al decimo passaggio, portando il suo vantaggio a 3”582. Ancora un colpo di scena, l’equipaggio Postiglione-Donativi sono ammoniti con cinque secondi di penalità per lo Start, tempo che è stato aggiunto alla classifica finale.

Continuano i sorpassi con Rizzato che passa Calamia ma si innesca un testacoda che coinvolge anche Monfardini. Alla dodicesima tornata sorpasso di Carina Lima su Minetti, mentre Perel passa Pastorelli. Al tredicesimo giro si apre la finestra per il cambio piloti con Monfardini che procede lentamente. Entra Gattuso che lascia il volante a Malucelli, mentre Di Amato pressa Giammaria, Capello entra per Zonzini.

Le sorprese non sono finite con Viberti che tocca pesantemente Carina Lima che procedeva a velocità ridotta, con i detriti in pista l’ingresso della Safety Car è stato inevitabile. Al ventesimo passaggio si riaccende il semaforo verde sulla corsa con Donativi leader, due giri più tardi Mapelli passa Necchi. Subito dopo Mapelli e Mugelli entrano in contatto nel tentativo di sorpasso, di questo ne approfittano Malucelli e Casè.

Più avanti Desideri torna leader della Cup passando Comi, con Zonzini alle spalle di Casè. Schirò con la sua Ferrari cerca un varco sulla Corvette, mentre Zonzini in gran forma pressa Casè e lo passa. Lotta corpo a corpo tra Frassineti e Mugelli con il pilota della Ombra che attacca e passa all’esterno della prima curva. Al ventottesimo passaggio Malucelli rompe gli indugi e si porta in testa alla gara, mentre al giro successivo Zonzini in grande spolvero passa Donativi al Carro e si porta secondo.

Sotto la bandiera a scacchi vincono Malucelli-Gattuso davanti a Zonzini-Capello, salgono al terzo posto Casè-Giammaria con Postiglione-Donativi in quarta piazza dopo aver scontato la penalità. In GT Cup il duo Pastorelli si impone davanti a De Castro-Valori e Matteo Desideri che ha recuperato dopo il testacoda. Buona la prova di Massimo Mantovani che ha preso parte alla gara: il pilota di Antonelli non aveva disputato una sessione di qualifica, causa la rottura dell’alternatore. Doppio podio per la Scuderia Baldini con l’Audi tra le due Ferrari. Classifica ancora aperta e domani c’è gara due.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT Italiano
Evento Misano
Circuito Misano Adriatico
Piloti Stefano Gattuso , Matteo Malucelli
Articolo di tipo Ultime notizie