Le monoposto di F.E resteranno Spark Racing Technology

condivisioni
commenti
Le monoposto di F.E resteranno Spark Racing Technology
Sam Smith
Di: Sam Smith
Tradotto da: Gabriele Testi, Direttore Responsabile Svizzera
25 ago 2016, 10:33

La factory francese, che si avvale dell’aiuto della Dallara Automobili per la realizzazione della monoscocca e di importanti elementi, ha vinto il bando FIA per la stagione 2018-2019 e seguenti.

Le auto 11 Spark-Renault STR_01E
Spark-Renault STR_01E centralina
Spark-Renault STR_01E centralina
Spark-Renault STR_01E centralina
Nelson Piquet Jr., NEXTEV TCR Formula E Team
Lucas di Grassi, ABT Schaeffler Audi Sport
Felix Rosenqvist, Mahindra Racing
Maro Engel, Venturi

La Spark Racing Technology, attuale fornitore delle monoposto utilizzate nel Campionato FIA di Formula E, continuerà a realizzare le vetture della categoria “full electric” nella nuova fase regolamentare destinata a iniziare fra due anni esatti.

Motorsport.com ha infatti appreso che le squadre della specialità, che avevano indetto una riunione del Gruppo di Lavoro Tecnico mercoledì 24 agosto nel paddock di Donington Park, sono state informate dagli organizzatori che sarà ancora la SRT a progettare e costruire la prossima generazione di monoposto di F.E, le quali faranno il loro debutto nella stagione 2018-2019.

L'offerta è stata ufficialmente presentata e ricade completamente sotto il brand della Spark Racing Technology, ma si ritiene che sarà ancora l’italiana Dallara Automobili ad avere un coinvolgimento importante nel design e nella fabbricazione della monoscocca.

La nuova vettura sarà la prima a consentire la partecipazione con un solo esemplare a pilota in ogni gara, in armonia con la road map della specialità lanciata nel 2014 da Alejandro Agag e dal suo staff molto competente con base a Londra. 

Parlando con Motorsport.com nella sua qualità di responsabile tecnico della Renault Sport questa settimana, Vincent Gaillardot aveva dichiarato che la scelta di dare continuità al rapporto con la SRT ha un proprio senso logico.

"Di sicuro è stato molto interessante vedere concetti diversi e inediti espressi da altre aziende", ha affermato l’ingegnere francese. "Ma penso che la Spark abbia erogato finora alle squadre un buon prodotto e un buon servizio e quindi sarebbe stato un grosso rischio e un peccato optare alla cieca per qualcun altro”.

"Conosciamo e apprezziamo le persone e le capacità di chi lavora in quell’azienda, e con l’interrogativo davvero grande che riguarda l’alimentazione delle batterie a cominciare dalla stagione cinque credo che tutti siano d'accordo nel rimanere su un terreno già battuto e nel dare nuovamente fiducia alla Spark".

A quanto risulta a Motorsport.com, il bando di gara per la nuova batteria è invece ancora oggetto di monitoraggio da parte di un panel di esperti elettrotecnici per volere espresso della FIA. 

La decisione doveva essere resa pubblica alla fine del mese di giugno, tuttavia è stato necessario un “tempo supplementare” a causa dell'importanza e della delicatezza dell’argomento, che riguarda il futuro a lungo termine dello stesso campionato.

La Federazione Internazionale dell’Automobile e la Formula E Holdings sono infatti desiderosi di evitare gli stessi problemi che minacciarono l'inizio della Formula E nel periodo 2013-2014, quando il fornitore iniziale delle batterie non fu in grado di realizzare prodotti capaci di rispettare le specifiche corrette e in tempo.

Prossimo articolo Formula E
Vergne: “Nelle prestazioni pure siamo già al top...”

Articolo precedente

Vergne: “Nelle prestazioni pure siamo già al top...”

Prossimo Articolo

Amore a prima… pista tra nuove Michelin e piloti di F.E

Amore a prima… pista tra nuove Michelin e piloti di F.E
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Autore Sam Smith
Tipo di articolo Ultime notizie