Colpo di scena: prove libere cancellate per pioggia ad Ad Diriyah

condivisioni
commenti
Colpo di scena: prove libere cancellate per pioggia ad Ad Diriyah
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
15 dic 2018, 07:19

Un vero e proprio acquazzone si è abbattuto sul cittadino poco prima dell'alba, ritardando tutto il programma. Ora si spera di riuscire a portare a termine almeno un mini turno di 35 minuti prima delle qualifiche.

Il meteo ha giocato uno scherzetto divertente al round di apertura della Formula E 2018/2019, che vede il debutto delle monoposto Gen 2. Questa mattina è infatti accaduto quello che probabilmente non si sarebbe aspettato nessuno, con la pioggia che ha impedito lo svolgimento di entrambe le sessioni di prove libere ad Ad Diriyah.

Sicuramente l'Arabia Saudita non è un paese noto per la pioggia, ma un vero e proprio acquazzone si è abbattuto sul tracciato cittadino poco prima dell'alba, portando alla cancellazione della prima sessione da 45 minuti.

A questo punto è stato deciso di allungare alla durata di un'ora la seconda sessione, che avrebbe dovuto prendere il via alle 8:35 locali (le 6:35 in Italia). Tuttavia, pochi istanti prima del via è arrivato l'annuncio che sarebbe stata ritardata, perché i mezzi di servizio erano al lavoro per cercare di asciugare l'asfalto.

In particolare, c'erano delle pozzanghere piuttosto grandi in prossimità delle curve 9, 10 e 17. A quel punto c'è stata un'ispezione del direttore di gara Scot Eikins insieme a Sam Bird della Virgin Racing e successivamente diversi big della categoria hanno discusso dell'impatto che avrebbe avuto la cosa sul programma dell'ePrix.

Dopo qualche altro minuto d'attesa, la sessione è stata poi definitivamente cancellata, anche se alle 10:15 locali (8:15 in Italia), verrà fatto un altro tentativo di completare un turno di prove libere da 35 minuti, prima che le qualifiche prendano il via alle 10:50 locali.

Prossimo Articolo
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Evento eprix di Ad Diriyah
Location Riyadh Street Circuit
Autore Matteo Nugnes