Masi: "I track limits in Austria non saranno un problema"

Curva 9 e 10 gli unici punti critici per i piloti, che però dovranno andare oltre il cordolo con 4 ruote per incorrere in una sanzione. Curva 6 modificata con la ghiaia ora molto più vicina alla sede della pista.

Masi: "I track limits in Austria non saranno un problema"

I track limits non saranno un problema al Red Bull Ring. O, comunque, non dovrebbero esserlo. E' ciò che si aspetta Michael Masi, direttore di gara della Formula 1, in vista del doppio appuntamento austriaco che porterà i piloti ad affrontare prima il GP di Stiria e poi il GP d'Austria sulla stessa pista nell'arco di due weekend consecutivi.

Così come nel 2020, gli unici rischi legati ai limiti della pista che potrebbero trovare i piloti sono legati alle curve 9 e 10, ovvero le ultime prima del rettilineo principale, quello di partenza e arrivo.

"Quello che abbiamo qui alle curve 9 e 10 è ciò che abbiamo visto sia nel 2019 che nel 2020", ha dichiarato Masi a Motorsport.com. "Ovviamente nel 2019 avevamo i dossi gialli in quei punti, che però nel 2020 abbiamo rimosso".

"I dossi in questione erano dietro ai cordoli e per la velocità che si raggiungeva in quel tratto non ci sembravano affatto adatti. Ecco perché sono stati tolti".

"Essendo uguali allo scorso anno, penso proprio che i limiti della pista non rappresenteranno problemi per i piloti. Dovrebbero essere a loro agio".

Anche in questo fine settimana le infrazioni ai track limits saranno monitorate elettronicamente in entrambe le curve, quindi non ci sarà la possibilità di avere zone grigie nell'interpretazione di un'eventuale irregolarità.

"Ci sono sensori dedicati per entrambe le curve. Abbiamo dato ai piloti il cordolo bianco e rosso come tolleranza extra, chiamiamola così. Quindi per incorrere in penalità i piloti dovranno andare oltre al cordolo con tutte e 4 le ruote. Qualora dovesse accadere, il tempo sul giro sarà cancellato perché si potrebbe guadagnare in velocità in uscita di curva verso il rettilineo d'arrivo".

Non figura come problema legato ai track limits curva 6, perché in quel tratto la ghiaia è stata avvicinata alla pista dopo l'eliminazione dei dossi giallo al di là dei cordoli.

"In uscita da curva 6 abbiamo stretto i cordoli e portato la ghiaia molto più vicino al bordo del tracciato", ha proseguito Masi. "Prima c'era di fatto un doppio cordolo. Si trattava di cordoli rossi e bianchi, vedi e bianchi poi i dossi gialli. E sono stati rimossi. Ora non c'è più alcun problema in quella curva dopo le modifiche apportate alla pista per questa stagione".

condivisioni
commenti
Podcast: Un cavallino rampante di troppo
Articolo precedente

Podcast: Un cavallino rampante di troppo

Prossimo Articolo

Leclerc: "I problemi? Sappiamo dove sono, ma non come risolverli"

Leclerc: "I problemi? Sappiamo dove sono, ma non come risolverli"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021