Mercedes rinuncia alla MGU-H per convincere VW, ma...

Toto Wolff, prima della riunione dei Costruttori in programma adesso a Monza, ha fatto sapere che la Stella è disponibile a rinunciare alla MGU-H se si troverà l'accordo su tanti altri punti di compromesso. Il manager austriaco cala un asso prima del meeting che deve decidere come dovranno essere le power unit del 2026.

Mercedes rinuncia alla MGU-H per convincere VW, ma...

La riunione dei Costruttori di power unit è in corso a Monza: sono coinvolti i vertici delle Case proprio come a Silverstone per definire come dovranno essere i propulsori dal 2026. Il meeting è in corso ma c’è chi ha pensato bene di uscire allo scoperto per indicare quale sarà la strada che nel Circus si vuole percorrere.

Audi e Porsche (e pare Renault) erano favorevoli a una rivoluzione introducendo un motore endotermico a quattro cilindri per azzerare la supremazia Mercedes e ripartire tutti da zero.

La Stella, invece, era dell’idea che non si potesse mettere in discussione lo status quo, iniziando l’analisi da un sei cilindri turbo più il sistema ibrido fatto di MGU-K e MGU-H.

Si dice che la Ferrari si sarebbe inserita in una via di mezzo, seguendo la Mercedes sull’architettura del motore, concedendo magari l’eliminazione della MGU-H, l’elemento più costo che finora non ha avuto un’importante ricaduta sul prodotto di serie.

La volontà è di ridurre l’impatto del propulsore termico a favore di una maggiore portata della parte elettrica (500 cavalli dai 6 cilindri turbo e 300 kW dall’ibrido).

Toto Wolff, da gran politico, ha pensato di fare una dichiarazione prima del meeting dei “capi” per condizionare la riunione, aprendo la porta all’ingresso di nuovi Costruttori con la possibile rinuncia all’MGU-H…

"La MGU-H verrà abbandonata se riusciamo a trovare l'allineamento su molti altri aspetti - ha detto Wolff - . Penso che sia un compromesso di cui non posso aggiungere altro, ma in Mercedes siamo pronti a facilitare l'ingresso del Gruppo Volkswagen in F1”.

"Ma ci sono molti altri argomenti in cui è necessario trovare un compromesso. E, se non sarà possibile trovare un compromesso, toccherà a chi ha la governance elaborare una proposta del regolamento 2026".

La partita, dunque, è apertissima, perché sarà interessante capire in quale modo si possa recuperare 300 kW di energia elettrica senza l’MGU-H: magari si proporranno i due motori elettrici da montare sul treno anteriore da aggiungere all’MGU-K, ma potrebbero non bastare.

C’è chi parla di incrementare la capacità delle batterie, ma significherebbe aumentare ancora il peso minimo delle monoposto e sarebbe un non senso. A meno che non si voglia tornare al punto di partenza, riproponendo magari una MGU-H uguale per tutti con un prezzo bloccato…

condivisioni
commenti
GP d'Italia, griglia di partenza: Max in pole, ma occhio a McLaren
Articolo precedente

GP d'Italia, griglia di partenza: Max in pole, ma occhio a McLaren

Prossimo Articolo

GP Italia: Gasly monta un motore nuovo e parte dalla pit lane

GP Italia: Gasly monta un motore nuovo e parte dalla pit lane
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021