Mercedes: no party (mode), no problem

Il divieto nell'uso della mappatura da qualifica deciso dalla FIA avrebbe dovuto colpire la Mercedes e, invece, le due frecce nere hanno fatto la differenza su tutti gli altri come e più che in passato, segno che la superiorità del motore di Brixworth non è stata scalfita dal provvedimento FIA. Helmut Marko che credeva di veder ridurre il gap delle Red Bull sulle W11 ha dovuto abbozzare.

Mercedes: no party (mode), no problem

La prima notizia che arriva dal sabato del Gran Premio d’Italia è che le nuove direttive FIA in materia di power unit non hanno avuto alcun impatto sulla Mercedes. Questo è ciò che si deduce dall’analisi dei dati stampati dalle qualifiche di Monza, che parlano di performance assoluta.

Alla vigilia della trasferta monzese c’era molta curiosità in merito all’atteso calo di performance che avrebbe dovuto penalizzare la Mercedes, che per la prima volta dalla prima gara del 2014 ha dovuto affrontare un sabato senza party-mode, ma la differenza non si è vista.

Anzi, la superiorità con cui Lewis Hamilton e Valtteri Bottas hanno dominato le qualifiche è sembrata ancora più marcata del solito. Sette giorni fa, sul circuito di Spa, Max Verstappen aveva mancato la prima fila per meno di un decimo, mentre oggi a Monza un eroico Carlos Sainz (terzo) si è beccato più di sette decimi da Bottas, a sua volta distante 69 millesimi dal poleman Hamilton.

Lewis ha fatto suo anche il giro con la media più altra nella storia della Formula 1 (264,362 km/h) con il crono ‘monstre’ di 1’18”887.

Le speranze di Helmut Marko, che aveva visto nella nuova direttiva FIA una chance per poter ambire alla prima fila, sono naufragate. Se la Mercedes ha lasciato per strada un po' di potenza, la concorrenza ha sofferto nella stessa misura, se non di più, come apparso nel caso della Honda. Servirà, ovviamente, la conferma su altre tipologie di piste, ma Monza (storico banco prova per i motoristi) ha già emesso un verdetto importante. Ma Marko lascia ancora vive delle speranze in cui sono in pochi rimasti a crederci.

“Non è detto che Monza sia necessariamente la pista più significativa – ha commentato dopo le qualifiche il consulente della Red Bull valutando il post party-mode - il salto di potenza tra Q1, Q2, Q3 non è stato così sorprendente come quando c’era la modalità party. Se ci fosse ancora stato, probabilmente sarebbe stato ancora più indietro, ma vediamo. Noi sappiamo di avere una modalità per percorrere senza problemi la gara di domani, vedremo”.

L’ultima chance, per chi spera che la Mercedes possa uscire da Monza un po' ridimensionata dalla nuova direttiva tecnica, è un’ipotetica difficoltà in gara sul fronte affidabilità. Teorie a cui Hamilton risponde con un sorriso:
“Abbiamo detto la scorsa settimana, quando hanno introdotto questa regola per rallentarci, che non avrebbe fatto la differenza, perché abbiamo una grande, grande macchina e siamo migliori in altre aree. E devo dire che finora questo è il weekend in cui abbiamo il miglior feeling da inizio stagione, credo di avere messo la macchina in un’ottima condizione in vista della gara”.

“No party, no problem”, ha commentato il team Mercedes sui suoi canali social, una risposta ironica ma significativa a tutti coloro che avevano preannunciato un momento difficile per il team campione del Mondo.

La gara è domani, ed è li che saranno assegnati i punti per la classifica di campionato, ma le premesse avvalorate dagli esiti delle qualifiche, non sembrano davvero preannunciare (per gli avversari degli ex-grigi) nulla di diverso rispetto a quanto visto fino a Spa.

condivisioni
commenti
Sainz: "Ho rischiato tanto e l'azzardo ha pagato!"
Articolo precedente

Sainz: "Ho rischiato tanto e l'azzardo ha pagato!"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: le Qualifiche del GP d'Italia a Monza

Fotogallery F1: le Qualifiche del GP d'Italia a Monza
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021