Dakar: Barreda cade e perde conoscenza, ma non molla

A tre giorni dal termine lo squadrone Honda occupa quattro delle prime cinque posizioni. In testa c'è sempre Cornejo seguito da Benavides, vincitore di tappa. Brabec si ferma a soccorrere Price, ma guadagna due posizioni. Il fatto più singolare però è quello accaduto a Barreda.

Dakar: Barreda cade e perde conoscenza, ma non molla

Mancano tre giorni al termine della Dakar 2021 e per lo squadrone Honda le cose sembrano mettersi davvero bene. I quattro portacolori della Casa giapponese sono tutti nelle prime cinque posizioni. Dopo il ritiro di Toby Price, l'unica minaccia concreta è Sam Sunderland, terzo a 14'34" dal leader Nacho Cornejo.

Proprio il cileno è riuscito ad incrementare il suo gap in questa nona tappa. Pur dovendo aprire la pista, non si è fatto spaventare ed ha percorso al meglio i 465 km cronometrati dell'anello di Neom, chiudendo con il terzo tempo di giornata, alle spalle dei compagni Kevin Benavides e Ricky Brabec. Una prestazione che, complice il ko del diretto inseguitore Price, gli consente di comandare con 11'24" di margine sull'argentino.

Leggi anche:

"Oggi è stata una tappa molto dura, con tante rocce e molto lunga. Ho iniziato per primo e l'idea era di cercare di essere il più veloce possibile, per evitare che mi recuperassero troppo tempo", ha detto Cornejo a fine giornata.

Il leader ha rivolto un pensiero anche a Price, che nell'incidente di oggi si è fratturato una clavicola: "Toby purtroppo ha avuto una caduta e speriamo che non sia niente di grave. Queste sono le notizie che non vorremmo mai sentire, quando uno di noi cade o si infortuna. Gli auguro una pronta guarigione e spero che stia bene".

"Per quanto riguarda la tappa, sono riuscito ad aprire la pista tutto il giorno, per 465 km. E' stato stancante, ma credo di avere fatto un buon lavoro, perché non ho perso molto tempo sul pilota che ha vinto la tappa di oggi. Manca sempre meno alla fine, quindi ora devo riposarmi e concentrarmi sulla decima tappa", ha concluso.

Emozioni contrastanti per Kevin Benavides

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides

Photo by: Monster Energy Honda Team

Il vincitore di tappa è stato il suo compagno di squadra Kevin Benavides, che però ha vissuto una giornata difficile dal punto di vista emotivo. In primis perché oggi era l'anniversario della morte del suo amico Paulo Goncalves. Ma anche perché suo fratello Luciano è incappato in una caduta ed ha dovuto dare forfait a causa di una clavicola fratturata.

"E' stata una giornata difficile e speciale per me, perché è passato un anno dalla morte del mio amico Paulo. Sono partito per fare del mio meglio e questa vittoria è per lui", ha detto con emozione Benavides.

"Sono contento del lavoro che ho fatto, ma provo emozioni contrastanti, perché alla fine della tappa ho scoperto che mio fratello Luciano è caduto e si è fatto male. E' strano. Non posso essere completamente felice, anche se mi conforta il fatto che non si sia fatto nulla di male".

A tre giorni dal termine, il distacco di 11'24" dalla vetta autorizza a continuare a sognare: "Ora devo rimanere concentrato, mancano tre giorni e bisogna continuare a lottare, perché tutto può cambiare da un momento all'altro. Dobbiamo viverla ancora giorno per giorno".

Barreda cade e perde conoscenza, ma non si arrende

Tra i portacolori della Casa giapponese però quello che ha vissuto la giornata più particolare è stato Joan Barreda. Lo spagnolo aveva accusato un ritardo di 14 minuti, perdendone diversi nelle prime fasi e a fine giornata è stato lui a spiegare il motivo.

"Intorno al km 50 della speciale ho fatto una caduta che mi ha fatto perdere conoscenza per qualche istante", ha detto "Bang Bang". "Sono rimasto stordito per alcuni chilometri, ma ho potuto continuare e finire la speciale".

Il distacco di 29 minuti lo pone al quinto posto e inizia ad essere forse proibitivo da recuperare in ottica vittoria finale, quindi ora l'obiettivo più realistico è arrivare a Jeddah: "Mancano ancora tre giorni e l'importante è continuare la gara".

Brabec eroe di giornata: si è fermato a soccorrere Price

#1 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec

#1 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec

Photo by: A.S.O.

Ricky Brabec è stato il primo ad arrivare sul luogo dell'incidente di Price. Pur essendo in lotta per la vittoria di tappa, il californiano non ci ha pensato un secondo ed è rimasto accanto al rivale della KTM per oltre 20 minuti, attendendo insieme a Sam Sunderland che arrivasse l'elicottero del soccorso medico.

"Purtroppo Toby è caduto e sono rimasto seduto con lui una ventina di minuti o qualcosa del genere, aspettando che arrivasse l'elicottero. Stava lottando per la vittoria, ma queste cose succedono. Ogni mattina quando ci vestiamo sappiamo che questo può accadere, perché è il rischio che dobbiamo affrontare se vogliamo correre", ha detto Brabec.

Ovviamente la direzione gara a fine giornata gli ha restituito il tempo perso, permettendogli di chiudere secondo nella tappa e di risalire al quarto posto nella generale, a 17 minuti da Cornejo. In questa seconda parte di gara, dunque, il vincitore della passata edizione è stato forse il migliore e si aspetta ancora sorprese nei prossimi tre giorni.

"Questa seconda settimana è brutale. L'anno scorso abbiamo finito tra le dune di sabbia, ma quest'anno invece abbiamo iniziato da quella parte e finiremo nelle tracce rocciose. Guardate cosa è successo oggi, quindi bisogna rimanere concentrati perché mancano ancora tre giorni. Possono succedere ancora molte cose, quindi intanto pensiamo ad arrivare al traguardo", ha concluso.

#4 Monster Energy Honda Team: Jose Ignacio Cornejo Florimo

#4 Monster Energy Honda Team: Jose Ignacio Cornejo Florimo

Photo by: A.S.O.

condivisioni
commenti
Podcast Dakar: "Dune Mosse" - Tappa 9
Articolo precedente

Podcast Dakar: "Dune Mosse" - Tappa 9

Prossimo Articolo

Fotogallery Dakar 2021: ad un passo dal Mar Rosso a Neom

Fotogallery Dakar 2021: ad un passo dal Mar Rosso a Neom
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021