Dakar 2022 | Moto
Topic

Dakar 2022 | Moto

Dakar | Agazzi racconta la sua creazione: il Racing Kit RS per Honda

Simone Agazzi è alla Dakar da team manager con un progetto per pensato per gli amanti della Casa giapponese: il Racing Kit RS che trasforma la Honda CRF 450 Rally da concessionario in quella per i rally raid.

Dakar | Agazzi racconta la sua creazione: il Racing Kit RS per Honda
Carica lettore audio

Guarda cosa manca e realizzalo. Bergamasco doc, Simone Agazzi, ha capito che sui rally internazionali mancava una vera alternativa a KTM per quanto riguardava il panorama moto. Si è così messo all’opera, forte della sua esperienza di pilota di rally raid e di concessionario di moto, realizzando un racing kit dedicato per la Honda CRF 450 Rally, vincitrice delle ultime due edizioni della Dakar con Ricky Brabec (2020) e Kevin Benavides (2021).

Terzo all’Africa Eco Race 2019 con il prototipo da lui stesso realizzato, Simone Agazzi, 45 anni, è oggi alla Dakar in qualità di team manager e proprietario del team RS Moto Racing che schiera ben cinque moto al via con gli italiani Francesco Catenese e Giovanni Gritti, lo svizzero Nicolas Monnin e i francesi Kevin Durand e Julien Barthelemy, tutti su Honda CRF 450 Rally RS.

Con due Dakar alle spalle, il podio all’Africa Eco race e tanti rally internazionali, come ci si sente da team manager?
"Il mio sogno nel cassetto era produrre qualcosa di mio per questa grande passione che si chiama rally raid. Vengo dall’enduro, ma mi sono formato alla scuola della Dakar e ho visto quello che serviva. La mia più grande soddisfazione è avere una squadra tutta mia di assistenza per piloti italiani, ma non solo. Il nostro è un team internazionale".

Quanto ti manca correre?
"Tanto, ma essendo un pilota so bene cosa occorre e per questo la mia più grande soddisfazione è vedere i piloti della RS Racing tranquilli e coccolati".

Quanto è grande la struttura?
"Per cinque piloti abbiamo due meccanici dedicati, un team manager, un responsabile della logistica e un massaggiatore che ha lavorato quindici anni in MotoGP con la Clinica Mobile del Dottor Costa. Abbiamo comprato un camion di assistenza 6x6 nuovo per dare assistenza fino a otto piloti".

Ad oggi non esiste in vendita una Honda Rally Replica prodotta dalla Casa giapponese. In cosa consiste il Racing Kit RS?
"Il Racing Kit RS mira a trasformare la Honda CRF 450 Rally disponibile in negozio in una moto per correre la Dakar e i rally raid in generale. Il Racing Kit RS consiste in quattro serbatoi per una autonomia di 28 litri (la moto di serie viene con un serbatoio da 8 litri), la torre di strumentazione, la ruota posteriore con parastrappi, il disco freno anteriore di 320 mm per una migliore frenata, un gruppo di scarico dedicato, rivestimento sella rally, protezioni in carbonio, pedane maggiorate e tanti altri particolari importanti".

Quanto sono state importanti le due vittorie consecutive di Honda alla Dakar nel 2020 con Ricky Brabec e nel 2021 con Kevin Benavides?
"Hanno dato una spinta enorme al progetto con richieste provenienti da tutto il mondo. Nonostante il difficile 2020 per ovvi motivi, abbiamo già consegnato 30 RS Racing Kit. Il mercato principale resta l’Italia, ma abbiamo venduto dei kit in America, Canada, Giappone e Europa".

Il podio all’Africa Eco Race ha confermato l’affidabilità del progetto, interessante anche a livello di prezzo.
"La mia idea nasce dalla volontà di offrire un’alternativa valida alla Casa austriaca. Con due vittorie consecutive, la Honda CRF 450 rally ha dimostrato di essere veramente la moto da battere. C’è interesse e domanda e abbiamo voluto essere competitivi anche nel budget. Una Honda nuova completa di kit, quindi pronta per correre una Dakar, costa 23.000 euro [10.000 euro meno della KTM Racing Replica], così un concorrente può utilizzare i diecimila euro risparmiati per l’iscrizione alla gara, per esempio. Il kit completo da solo costa invece 14.000 euro".

Che clima si respira al bivacco?
"La Dakar sta diventando una gara sempre più importante a livello mondiale. Sono cresciuti i budget e secondo me il rischio è quello di diventare un po’ snob e lontana dal pilota privato. La mia struttura vuole essere una seconda famiglia sulla Dakar. Un riferimento. Un posto dove sentirsi a casa. Oltre al reparto per lavorare sulle moto, c’è un angolo hospitality, la tenda del massaggiatore. Ci sediamo insieme per un briefing, ma anche per un caffè o mangiare insieme. Si ride, si scherza, e si lavora".  

Atmosfera alla Dakar
Atmosfera alla Dakar
1/5

Foto di: Maria Guidotti

Atmosfera alla Dakar
Atmosfera alla Dakar
2/5

Foto di: Maria Guidotti

Atmosfera alla Dakar
Atmosfera alla Dakar
3/5

Foto di: Maria Guidotti

Atmosfera alla Dakar
Atmosfera alla Dakar
4/5

Foto di: Maria Guidotti

Assistenza ai piloti
Assistenza ai piloti
5/5

Foto di: Maria Guidotti

condivisioni
commenti
Dakar | Auto, Tappa 2: Loeb regala la prima vittoria a BRX
Articolo precedente

Dakar | Auto, Tappa 2: Loeb regala la prima vittoria a BRX

Prossimo Articolo

Dakar 2022 | Camion, Tappa 2: Karginov ci riprova

Dakar 2022 | Camion, Tappa 2: Karginov ci riprova
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021