Rea: “Devo accettare come sono andate le cose questo weekend”

Jonathan Rea chiude il round di Misano senza nemmeno una vittoria, ma è comunque soddisfatto al termine di un weekend complicato in cui limita i danni e mantiene le leadership del campionato.

Rea: “Devo accettare come sono andate le cose questo weekend”

Per la prima volta in questa stagione, Jonathan Rea archivia un round senza aver vinto una gara. Il campione del mondo in carica colleziona tre terzi posti a Misano, un bottino che lo mantiene ancora al comando della classifica generale, ma con un distacco molto ridotto dal secondo, Toprak Razgatlioglu.

Nel weekend di Rinaldi e del pilota Yamaha, Rea raccoglie il massimo che può e limita i danni dopo un inizio in salita, in cui ha perso del tempo prezioso ai box per un problema alla sua ZX-10RR. Alla luce delle difficoltà incontrate nel weekend, il portacolori Kawasaki è soddisfatto di quanto raccolto: “Devo accettare come sono andate le cose in questo fine settimana. Nella prima sessione non avevo grip, abbiamo limitato i danni per il campionato. Non abbiamo buttato via nessun punto, ho finito dove dovevo, ho fatto il massimo e inoltre ieri sono stato molto fortunato, quindi bisogna essere felici di questo”.

Dopo la grande fortuna di ieri, Rea è contento anche dell’esito di Gara 2, complicata anche dalle gomme: “Ho montato l’opzione più dura, ma ad un certo punto mi mancava un po’ di stabilità a causa delle alte temperature. Ma ero lì e lottavo per esserci, Toprak aveva un grande ritmo. In una fase della gara Rinaldi mi era molto vicino, ma commetteva qualche errore all’ultima curva e ho pensato che forse potevo superarlo alla curva uno, ma lui riusciva a recuperare”.

Leggi anche:

Dunque la lotta principale non è stata tanto con Razgatlioglu, che nelle fasi finali ha preso margine, quanto con Rinaldi, che invece gli era sempre molto vicino: “Ero lì, ma negli ultimi tre o quattro giri, dopo l’avvertimento di ieri, ho deciso di accettare la posizione. Eravamo vicini a fare un grande azzardo con la moto, che magari ci avrebbe aiutato ad avere più fiducia sull’anteriore. Ma in realtà, dopo aver guadagnato nelle curve 2, 3 e 4 sono stato penalizzato nelle curve successive, dove perdevo tutto quello che guadagnavo prima. Ho avuto degli avvertimenti, ma sono riuscito a controllarli e alla fine a conquistare un podio. Sono contento perché comunque penso che abbiamo tratto il massimo dalla moto. Per fare grandi risultati bisogno essere proprio in armonia con la moto. Guardare il modo in cui Michael ha condotto il weekend, è impressionante”.

Rea dunque si è piegato a Rinaldi prima e a Razgatlioglu poi, a dimostrazione di quanto in Superbike si stia assistendo ad un ricambio generazionale importante: “È bello, perché ci sono tanti ragazzi più grandi nel paddock che hanno molta esperienza. Ma ci sono anche dei ragazzini molto forti che vengono dalle classi minori e che meritano di essere promossi. Manuel Gonzalez per esempio è un grande talento e merita di essere qui. Nel caso della Superbike, ci sono Michael e Toprak, che non sono ragazzini, ma sicuramente fanno parte della nuova generazione e hanno molto talento”.

Archiviato il round di Misano, la Superbike volerà a Donington fra due settimane, dove però Rea è determinato a ristabilire le gerarchie: “Ora non vedo l’ora di arrivare a Donington, dove sulla carta dovremmo andare meglio. Sono felice di arrivare al round inglese con questi tre podi. Credo che la cosa principale che ci è mancata questo weekend sia stata il fatto che la moto era molto pesante nei cambi direzione, quindi facevo grande fatica dalla Curva 1 alla 5. Se ero aggressivo, la moto si muoveva troppo e perdeva in accelerazione. Ma Donington è molto più fluida, quindi nei primi due settori possiamo andare forti, perché si adattano bene alla nostra moto. Invece questo weekend i due ragazzi davanti a me erano davvero più forti”.

condivisioni
commenti
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation
Articolo precedente

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prossimo Articolo

SBK, Mondiale Piloti: Toprak recupera tanto su Rea

SBK, Mondiale Piloti: Toprak recupera tanto su Rea
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021