Annullata Gara 2 della Superbike in Qatar, niente record per Rea!

condivisioni
commenti
Annullata Gara 2 della Superbike in Qatar, niente record per Rea!
Di: Lorenzo Moro
27 ott 2018, 17:10

Le condizioni della pista sono state ritenute troppo pericolose per far correre Gara 2 della Superbike che, con i titoli già assegnati, rischiava solo di essere un inutile pericolo. Appuntamento quindi per i primi test invernali nei quali finalmente vedremo la famigerata Panigale V4.

Dopo una giornata in cui  la pioggia ed il vento sono stati i veri protagonisti sulla pista di Losail, in Qatar, è arrivata la saggia decisione della direzione gara di annullare Gara 2 della Superbike per evitare, a titoli assegnati, inutili rischi ai piloti della massima categoria destinata alle derivate di serie. 

Nel corso della gara della Supersport, fatta correre per poter assegnare il titolo (andato a Sandro Cortese), si sono visti, in almeno quattro punti del tracciato, dei veri e propri fiumiciattoli attraversare la pista, obbligando i piloti ad addrizzare a centro curva o sentendo le moto andare al limitatore nell'attraversare questi pericolosi rivoli. Proprio uno di questi è stato "fatale" per Jules Cluzel che ha perso aderenza sull'acqua per poi recuperarla repentinamente sull'asciutto con il risultato di un violento high-side che lo ha scaraventato con forza a terra obbligandolo ad un trasporto al centro medico per una probabile contusione (si spera) alla caviglia.

È in una situazione di pericolo come questa che la direzione gara ha deciso, a titoli (piloti e costruttori) assegnati, di sospendere Gara 2 della Superbike e di chiudere quindi così il mondiale 2018 senza la possibilità di poter sentire, per un'ultima volta almeno, il rombo del bicilindrico di Borgo Panigale risuonare possente nell'aria attorno al circuito.

In questo modo Jonathan Rea, con 17 vittorie nella stagione 2018, non ha avuto modo di segnare lo storico record di 18, per il quale dovrà impegnarsi a partire dalla prossima stagione. Chaz Davies, per un altro anno ancora, si accontenta della seconda posizione in classifica mondiale davanti alla vera sorpresa di questo 2018, Michael van der Mark e la sua Yamaha R1.

Peccato anche per Xavi Forés che, a dispetto di quanto avevamo scritto ieri, non era né caduto né aveva commesso errori in Gara 1. Mentre il pilota spagnolo era quinto a due giri dal termine è stato sventolata la bandiera dell'ultimo giro e quindi lui, un po' come fece "Frankie" Chili qualche anno addietro, si è trovato a rallentare convinto che la gara fosse finita ad un giro dalla bandiera a scacchi.

Peccato quindi perché oggi, in Gara 2, Forés avrebbe potuto far vedere, un ultima volta almeno, il suo vero potenziale ed il fatto che merita a pieni voti una Superbike per la stagione 2019. Occasione sfumata anche per Marco Melandri, da oggi ufficialmente fuori dalla SBK dopo esser stato preferito ad Alvaro Bautista dalla Ducati per la prossima stagione.

Con l'annullamento di Gara 2 di Losail possiamo definitivamente considerare chiuso il discorso mondiale Superbike 2018, a questo punto l'appuntamento è per i primi test invernali quando finalmente vedremo in azione la attesissima Ducati V4 e quando finalmente avremo modo di sapere il destino dei molti piloti ancora senza una moto per il prossimo anno oltre a Forés, ovvero Laverty, Savadori e, qualora non andasse in America come si vocifera, Melandri.

Prossimo Articolo
Troppa pioggia a Losail: posticipate le gare della Superbike e della Supersport

Articolo precedente

Troppa pioggia a Losail: posticipate le gare della Superbike e della Supersport

Prossimo Articolo

Melandri vicino al ritiro: "Non avrei voluto chiudere così la mia carriera"

Melandri vicino al ritiro: "Non avrei voluto chiudere così la mia carriera"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Losail
Autore Lorenzo Moro
Tipo di articolo Ultime notizie