Sakhir, Libere 2: Faessler e Duval vanno al comando

Primi due posti per i piloti delle Audi. Long run per le Porsche mentre le Ferrari dominano in GTE PRO e AM

Sakhir, Libere 2: Faessler e Duval vanno al comando
#2 Toyota Racing Toyota TS040 Hybrid: Alexander Wurz, Stéphane Sarrazin, Mike Conway
#2 Toyota Racing Toyota TS040 Hybrid: Alexander Wurz, Stéphane Sarrazin, Mike Conway
Pistole ad aria
Bahrain, l'atmosfera
#1 Toyota Racing Toyota TS040 Hybrid: Sébastien Buemi, Anthony Davidson, Kazuki Nakajima
#1 Toyota Racing Toyota TS040 Hybrid: Sébastien Buemi, Anthony Davidson, Kazuki Nakajima
Alexander Wurz, Toyota Racing
#1 Toyota Racing Toyota TS040 Hybrid: Sébastien Buemi, Anthony Davidson, Kazuki Nakajima
Toyota Racing team area
Bahrain, il paddock

Tempi abbastanza alti anche nella seconda sessione di prove libere valide per la 6 Ore del Bahrain. Nel turno iniziato alle 19,30 locali a farla da padrone, almeno dai dati del cronometro, sono state le due Audi, con l'esemplare in lotta per il campionato mondiale riservato ai piloti che Marcel Faessler ha portato fin da subito in prima posizione con 1'42'133, migliorando di quasi sette decimi il tempo fatto registrare nel pomeriggio dal compagno Lotterer. La seconda Audi con Loic Duval ha conquistato la piazza d'onore, dopo che il francese ha montato gomme nuove mentre hanno svolto prove di set up le due Porsche 919 che non solo sono state dietro le cugine di Ingolstadt ma non hanno abbattuto la barriera dell'1'43", cosa che nelle libere iniziali era sembrato abbastanza agevole. Addirittura la seconda 919, quella affidata a Jani,Lieb e Dumas si  trova alle spalle a soli tre decimi la Toyota di Conway-Sarrazin e di Alexander Wurz che proprio in Bahrain concluderà la propria carriera agonistica dopo 26 stagioni ad altissimo livello.

In casa Porsche, comunque, sono sembrati sufficientemente tranquilli perché nel corso della sessione si è cercato soprattutto il passo di corsa e non è un caso che le due vetture abbiano percorso 44 giri quella di Bernhard-Webber-Hartley e ben 47 quella di Lieb-Jani-Dumas contro i 37 e 39 delle due Audi prime classificate.

In una sessione condizionata dal gran traffico in pista c'è stata la conferma delle due Ferrari di Bruni-Vilander e Calado-Rigon tra le GTE-PRO. Entrambe hanno abbattuto la barriera dei 2'00 girando in 1'59"402 e 486 con la Porsche di Malowiecki e Pilet che è stata l'unica del lotto a reggere il ritmo delle vetture del cavallino. La 991 di Richard Lietz, invece, ancora una volta non è andata oltre al sesto posto di classe, dietro non solo alle Aston Martin Vantage di Sorensen e Rees, ma anche alla Ferrari di Andrea Bertolini, prima tra le GTE-AM, e la Porsche di Marco Seefried, secondo tra gli AM. Terza in questa classifica la Corvette di Ruberti-Roda-Poulsen mentre sulle rispettive vetture sono saliti i due debuttanti italiani del WEC: Marco Mapelli, che ha sostituito Bamber, impegnato a Macao, sulla Porsche, e Matteo Cressoni chiamato all'improvviso sulla 458 guidata da Collard e Perrodo prendendo il posto di Rui Aguas, vittima di un incidente in motocross mentre si trovava in Portogallo. Per la cronaca Cressoni ha girato con una tuta prestatagli da Vilander.

In LMP2 sono cambiate le gerarchie rispetto al pomeriggio. In pole provvisoria è salita la Ligier della G Drive di Gonzalez-Derani-Yacaman che ha preceduto l'Oreca di Tandy-Howson, protagonista di un testacoda alla curva 12 verso la fine, e Bradley mentre è scesa al terzo posto l'Alpine di Dillman-Chatin-Panciatici. Buoni anche i tempi della BR01 con l'unica aggravante che il russo Marzokov ha preso .....per ben tre volte la bandiera a scacchi alla conclusione delle libere.

Domani si farà sul serio con le ultime prove libere, che si disputeranno alle 11 locali, 9 italiane, e soprattutto con le qualifiche che avveranno in notturna alle 17 del Bahrain, ovvero le 15, con la prima parte dedicata, come sempre, alle GTE, chiamate forse alla sfida più affascinante del week end:quella che deciderà sia il titolo piloti PRO, AM e soprattutto il campionato marche, dove, è bene ricordarlo, Ferrari e Porsche sono divise da soli quattro punti. Considerando che entrambe le vetture schierate prendono punti e che la pole ne vale uno la situazione è ancora apertissima.

condivisioni
commenti
Sakhir, Libere 1: il primo acuto è di Bernhard
Articolo precedente

Sakhir, Libere 1: il primo acuto è di Bernhard

Prossimo Articolo

Sakhir:la Vantage 2016 in pista domenica

Sakhir:la Vantage 2016 in pista domenica
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021