Michael Dunlop: "Stiamo lavorando nella direzione giusta"

condivisioni
commenti
Michael Dunlop:
Michele Salvatore
Di: Michele Salvatore
03 giu 2016, 11:20

Intervista al il rider dell'Ulster autore di tempi impressionanti in Superbike e Superstock ieri. Famoso per la sua determinazione, per lui i record sono già roba passata, oggi è un'altra storia, si corre dinuovo.

Michael Dunlop, Hawk Racing, BMW
Michael Dunlop, BMW, MD Racing
Michael Dunlop, BMW, MD Racing
Michael Dunlop, BMW, MD Racing
Michael Dunlop, BMW, MD Racing
Michael Dunlop, BMW
Michael Dunlop, BMW
Michael Dunlop, BMW

Al Touris Trophy si respira un’atmosfera d’altri tempi. Vedere il paddock dove spalla a spalla convivono i team più attrezzati con chi si fa bastare una tenda e pochi pezzi di ricambio è qualcosa di unico. Ma osservare uno dei favoriti come Michael Dunlop metterci direttamente le mani per trovarsi le regolazioni giuste ha qualcosa di romantico che appartiene solo al passato.

Ed è ancora con le mani sporche di grasso, mentre si sta preparando per la sessione di oggi, che l’11 volte vincitore del TT ha concesso un’intervista a Motorsport.com, senza mai staccare gli occhi dalle moto mentre ci parla...

Michael, ieri giro record in Superstock e primato sfiorato di un soffio in Superbike

"È andata bene. È il segno che con il team stiamo lavorando nella giusta direzione. Abbiamo fatto delle modifiche la set up della moto che alla fine si sono rivelate quelle giuste. Non ci resta che continuare su questa strada e spingere ancora di più".

Spesso ti si vede lavorare direttamente sulla moto, cosa inusuale. A cosa stavi lavorando adesso?

"Ma no, piccole cose. Parlo con i ragazzi del team, mi confronto sempre con loro per il set up e le regolazioni. È sulle mie moto, la BMW Superstock e la Yamaha R6 Supersport che smanetto un po’ di più, ma sulla BMW Superbike sono i meccanici che fanno tutto".

Fin ora Hutchinson è andato fortissimo: è lui il tuo avversario pricipale?

"Non guardo gli altri penso solo a me stesso e a cosa fare per andare più veloce".

Affronti il TT con tre moto diverse, ma ce n’è una con la quale preferisci girare al Mountain?

"Sono mezzi diversi, ognuno con il suo carattere e ti impongono di guidare in modo diverso. Ma non ne ho una preferita, adoro correre qui con ognuna di loro".

Proverai il TT Zero?

"Per ora non ci penso, non ho mai avuto modo di salire su una moto elettrica e adesso non mi incuriosisce. Sono concentrato su quello che faccio e penso solo alla gara".

Prossimo articolo Road racing
Tourist Trophy: Michael Dunlop, qualifiche da record

Articolo precedente

Tourist Trophy: Michael Dunlop, qualifiche da record

Prossimo Articolo

La colonna di Polita: "Non voglio più fermarmi"

La colonna di Polita: "Non voglio più fermarmi"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Road racing
Evento Isle of Man TT
Location Snaefell Mountain Course
Piloti Michael Dunlop
Autore Michele Salvatore
Tipo di articolo Intervista