Bagnaia: "Il terzo posto il miglior risultato possibile"

Il pilota della Ducati ha vissuto un GP dai due volti. In crisi all'inizio per mancanza di grip, Pecco è riuscito a rimontare nel finale sino a chiudere sul terzo gradino del podio.

Bagnaia: "Il terzo posto il miglior risultato possibile"

Dopo aver illuso tutti ieri con una pole sensazionale ed inaspettata è arrivata oggi la doccia gelata per Pecco Bagnaia. Il pilota della Ducati è riuscito a mettere una pezza ad una gara diventata subito complicata ed ha concluso sul terzo gradino del podio dopo una grande rimonta messa in mostra nel finale.

Dopo due vittorie consecutive, Bagnaiai si è dovuto accontentare di un piazzamento alle spalle di Marquez e Quartararo e proprio il secondo posto del francese consente al pilota della Yamaha di potersi giocare il primo match point iridato tra tre settimane a Misano.

Pecco, a fine gara, ha spiegato i problemi che l’hanno rallentato nelle battute iniziali ma ha sottolineato come abbia avuto la pazienza necessaria per entrare in confidenza con la sua Ducati e risalire dalla sesta alla terza piazza.

 “Sono partito abbastanza bene, ma Marc è stato fortissimo al via. Io non ho provato una staccata esagerata anche perché non avevo lo stesso grip di ieri. Ho aspettato che la gomma iniziasse a funzionare e quando è entrata nella corretta finestra ho aspettato che calasse il ritmo degli altri. Era davvero facile arrivare a fine gara senza gomma posteriore ed ho anche finito l’anteriore”.

“Sia Marc che Fabio mi hanno detto che la loro gomma ha offerto grip sin da subito come capitato a me a Misano, mentre con la mia faticavo soprattutto nelle curve a destra. Sono cose che possono capitare, ma dobbiamo capire perché”.

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Oltre al poco grip iniziale, Pecco ha anche lamentato una difficoltà fisica nell’affrontare i 20 giri in programma. Affrontare il primo settore ricco di curve e controcurve si è rivelato più complicato del previsto a causa della scarsa agilità della Ducati.

“Le condizioni di oggi sono state le più estreme del weekend. È stata dura, ma il terzo posto era il miglior risultato possibile. Fabio è stato fortissimo, mentr Marc è stato intoccabile. Noi più di così non potevamo fare e dobbiamo essere contenti del risultato”.

Leggi anche:

“Era veramente difficile guidare perché la pista era fisicamente devastante. La nostra moto, soprattutto nel primo settore, era veramente impegnativa. Quando superavo le prime curve tiravo un sospiro di sollievo. Fare i cambi di direzione era molto pesante, ma stiamo lavorando su questo aspetto”.

Ovviamente Bagnaia ha guardato anche alla classifica mondiale che vede adesso Quartararo in vantaggio di 52 punti. Il pilota della Ducati è consapevole che le speranze di titolo sono ridotte al lumicino, ma non è apparso particolarmente demoralizzato.

 “Purtroppo ho perso molti punti in campionato ed adesso è davvero dura, ma non mi sento giù di morale. Questo weekend non è stato facile per noi e la nostra moto era in crisi negli avvallamenti a differenza della Honda. È un aspetto sul quale stiamo lavorando”.

Pecco ha poi voluto sottolineare come abbia preferito non spruzzare lo champagne sul podio in rispetto della famiglia di Dean Berta Vinales scomparso la scorsa settimana.

“Mi sembrava rispettoso nei confronti della famiglia di Vinales non festeggiare con la champagne. Credo sia stato corretto così”.

condivisioni
commenti
MotoGP: Marquez è ancora lo "sceriffo" di Austin, Bagnaia terzo

Articolo precedente

MotoGP: Marquez è ancora lo "sceriffo" di Austin, Bagnaia terzo

Prossimo Articolo

Quartararo: "Un secondo posto posto più bello di una vittoria"

Quartararo: "Un secondo posto posto più bello di una vittoria"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021