Mate Rimac: “La '80 Race Day' perfetta per l'elettrico”

condivisioni
commenti
Mate Rimac: “La '80 Race Day' perfetta per l'elettrico”
Di: Gabriele Testi , Direttore Responsabile Svizzera
29 set 2015, 01:23

Il giovane costruttore croato ritiene il giro del mondo in 40.000 km attraverso 8 capitali un evento “necessario”

Mate Rimac, Chief Executive Officer della Rimac Automobili e creatore della supercar Concept_One completamente elettrica che è attualmente utilizzata dal Campionato FIA di Formula E come vettura del Direttore di Gara, ha fatto notare una volta di più che le nuove tecnologie abbisognano di un banco prova attendibile e che le corse sono il luogo giusto per questi scopi e i test di sviluppo. E trova che l'evento “80 Race Day” sia una delle piattaforme ideali...

Il giovane imprenditore e tecnico croato ritiene infatti che la comunità internazionale debba agire concretamente nella realtà se vuole puntare a disporre in un prossimo futuro di un ambiente migliore, in particolar modo dopo essersi accorta che il cambiamento è un processo continuo. "Nell'ultimo secolo, abbiamo viaggiato allo stesso modo e consumato energia in maniera immutabile. L'ultima generazione sta però approcciando le cose in forma totalmente diversa", ha affermato Mate Rimac, sottolineando come il nostro modo di comunicare e di trasportare è diventato più efficiente.

"Attualmente, stiamo ancora guidando autoveicoli nella stessa, identica maniera in cui i nostri genitori si sono spostati per decenni, ma non credo che i miei figli avranno una patente di guida. Il modo in cui ci muoviamo sta per cambiare e tutto questo ha bisogno di un terreno di prova. Le corse sono sempre state uno strumento per sperimentare nuove tecnologie e questa gara è il contesto giusto per saggiare cose del genere e per svilupparle".

Competizioni come la '80 Race Day' sembrano quindi importanti per il giovane Rimac. "Per noi, si tratta di dimostrare che la tecnologia è già qui oggi. In sostanza, che possiamo prendere la nostra auto e portarla in gara. E non è soltanto la nostra macchina che può farlo. Ci sono aziende come Tesla e Renault che stanno lavorando su auto elettriche di grande 'attualità'. La sfida finale è quella di riuscire a fare il giro del mondo con mezzi elettrici".

Mate ha continuato con grande convinzione: "La tecnologia è lì davanti a loro, i consumatori e gli automobilisti devono essere informati del fatto che la tecnologia funziona, che è preziosa e che si può utilizzare per fare il giro del mondo. E, allora, perché non potrebbe essere usata per recarsi ogni giorno al lavoro e tornare?".

La “80 Race Day” sono un concorso e, allo stesso tempo, una competizione ispirati al più noto romanzo d'avventura di Jules Verne, “Il giro del mondo in ottanta giorni", e ha lo scopo di dimostrare che è possibile circumnavigare il pianeta in un identico lasso di tempo, equivalenti a 40.000 chilometri. L'evento inizierà a Parigi e comprenderà almeno altre sette trasferte verso alcune delle principali città. La Rimac Automobili è una delle squadre candidate a prendervi parte quando si disputerà nel 2017...

Prossimo articolo Speciale
Ferdinando d'Asburgo: “Le corse sono tutta la mia vita”

Articolo precedente

Ferdinando d'Asburgo: “Le corse sono tutta la mia vita”

Prossimo Articolo

Piloti di livello nel programma F.1 Clienti Ferrari

Piloti di livello nel programma F.1 Clienti Ferrari
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Speciale
Evento Mate Rimac e la 80 Race Day
Sotto-evento Intervista
Autore Gabriele Testi
Tipo di articolo Ultime notizie