Un monomarca Jaguar per accompagnare la Formula E

condivisioni
commenti
Un monomarca Jaguar per accompagnare la Formula E
Di:
Tradotto da: Gabriele Testi, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland
12 set 2017, 15:21

Nella stagione 2018-2019 esordirà una nuova specialità in dieci appuntamenti riservata a venti identiche I-PACE a motore elettrico, una delle quali riservata a un VIP, che faranno da damigelle d’onore al Campionato FIA.

Jaguar I-PACE eTROPHY
Jaguar I-PACE eTROPHY
Jaguar I-PACE eTROPHY
Jaguar I-PACE eTROPHY
Jaguar I-PACE eTROPHY
Jaguar I-PACE eTROPHY
Jaguar I-PACE eTROPHY car
Jaguar I-PACE eTROPHY car
Jaguar I-PACE eTROPHY car
Jaguar I-PACE eTROPHY car
Jaguar I-PACE eTROPHY car
Jaguar I-PACE eTROPHY car
Jaguar I-PACE eTROPHY car
Jaguar I-PACE eTROPHY car

Prima o poi doveva succedere, ed è accaduto. Nella quinta stagione di esistenza in vita, il Campionato FIA di Formula E vedrà finalmente un trofeo monomarca accompagnarne le gesta e le gare lungo tutto il proprio cammino agonistico. Si tratta del Jaguar I-PACE eTROPHY, che verrà lanciato dalla Casa britannica il cui esordio nella stessa serie “full electric” data all'estate del 2016.

Anche se le specifiche tecniche, il calendario e il costo di partecipazione non saranno confermati fino al prossimo anno, la Marca del Giaguaro è stata in grado di annunciare che il programma consterà di dieci appuntamenti e che ciascuno di essi sarà in concomitanza con la Formula E. 

 

La partecipazione sarà limitata a 20 macchine, fra le quali quella destinata a un ospite VIP per ciascuna tappa, mentre il formato comprenderà una sessione di prove libere, un turno di qualifica e una corsa della durata di 30 minuti.

La Jaguar Racing ha anche rivelato che sta predisponendo un pacchetto “chiavi in mano” per i futuri concorrenti che comprenderà tassa d’iscrizione, supporto tecnico e logistico, ricambi, ospitalità e altro ancora.

La specialità, svelata al mondo in occasione del Salone dell'Automobile di Francoforte, coinciderà con il lancio della I-PACE, il primo veicolo elettrico della Jaguar Land Rover che si vedrà sul mercato nella seconda metà del 2018. 

Il reparto operativo veicoli speciali del gruppo JLR costruirà le versioni Racing della sportiva cinque posti a trazione integrale, che dovrebbe iniziare i test in pista all'inizio del prossimo anno.

La Jaguar Racing, che già gestisce il programma di Formula E, si occuperà del funzionamento e della gestione delle macchine sui circuiti internazionali.

Il brand d’oltre Manica, attualmente di proprietà indiana, aveva aderito alla serie lo scorso anno e si è classificato ultimo fra le 10 squadre presenti, ma aveva effettivamente messo in campo una stagione interlocutoria e mira a fare un passo in avanti significativo in vista del campionato 2017-2018. 

 

Con una dichiarazione preconfezionata, si è informata la stampa che la decisione "rafforza l'impegno Jaguar Land Rover per l'elettrificazione", e arriva a una settimana di distanza dall’annuncio che tutte le nuove linee dei modelli JLR conterranno tecnologie ibride o batterie a partire dal 2020.

Gerd Mauser, JLR Chief Marketing Officer e Presidente del team Jaguar di Formula E, ha affermato: "In quanto storica squadra britannica, siamo orgogliosi di annunciare oggi il lancio del primo campionato mondiale per vetture di produzione con veicoli elettrici". 

"Abbiamo sempre detto che vogliamo dimostrare le nostre tecnologie di elettrificazione sulle piste, e questa ne è la concreta riprova”.

"Non vedo l'ora di vedere una griglia di partenza completa di Jaguar I-PACE da corsa alla fine del 2018, subito dopo l’esordio in commercio del modello stradale”.

"In ultima analisi, questa serie innovativa rafforzerà la tecnologia presente nei veicoli elettrici che intendiamo produrre e che certamente gioverà ai nostri clienti".

Gerd Mauser ha aggiunto che "ci aspettiamo che la nostra serie 'spacchi' e rappresenti un entusiasmante evento sportivo di respiro internazionale". 

 

Gli organizzatori della Formula E e la FIA da qualche tempo avevano iniziato ad esplorare la possibilità di una serie di supporto per la categoria, ma non era accaduto nulla.

Ad onor del vero, la stagione inaugurale venne accompagnata dalla “Formula E School Series”, una categoria addestrativa supportata dal Greenpower Education Trust nell’ambito della quale gli allievi delle scuole delle località circostanti una sede di gara erano soliti costruire piccole monopostine elettriche da una base di materiale da montare. 

A Hong Kong, nella scorsa stagione, a corollario delle due gare era stato organizzato un evento agonistico riservato a Volkswagen Golf a propulsione elettrica, la prima volta in cui berline stradali avevano accompagnato un evento di Formula E.

Jean Todt, il Presidente FIA che più di tutti ha spinto in direzione del motorsport sostenibile, ha sottolineato il significato connesso alla possibilità di aggiungere al pacchetto una lodevole categoria di supporto alla Formula E, mentre il fondatore di quest’ultima serie Alejandro Agag ha detto che è "felice" che ciò "avvenga in sinergia con un marchio Premium come Jaguar". 

 

Prossimo Articolo
Ecco perché Nelson Piquet Jr. dovrebbe firmare per la Jaguar

Articolo precedente

Ecco perché Nelson Piquet Jr. dovrebbe firmare per la Jaguar

Prossimo Articolo

La Techeetah sceglie Keith Smout come direttore commerciale

La Techeetah sceglie Keith Smout come direttore commerciale
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula E
Autore Scott Mitchell