Per la BMW la velocità non è determinante in Formula E

Jens Marquardt, direttore della Motorsport bavarese, ha affermato che la serie “full electric” deve investire sull’interazione con i fan e sulle gare virtuali, anche a scapito delle performance di potenza.

Per la BMW la velocità non è determinante in Formula E
Jens Marquardt, BMW Motorsport Director
Stefan Reinhold, BMW Team RMG and Jens Marquardt, Direttore BMW Motorsport
Antonio Felix da Costa, Amlin Andretti Formula E Team
La partenza
Sébastien Buemi, Renault e.Dams
Robin Frijns, Amlin Andretti Formula E Team
Antonio Felix da Costa, Amlin Andretti Formula E Team
Antonio Felix da Costa, Amlin Andretti Formula E Team

Jens Marquardt, direttore della BMW Motorsport, ritiene che la Formula E non abbia bisogno di preoccuparsi di rendere le proprie vetture più veloci in futuro, pensando che la serie “full electric” dovrebbe invece concentrarsi sulla crescita del settore virtuale.

Il Marchio bavarese è stato coinvolto ufficialmente nella categoria per la prima volta in questa stagione attraverso un legame con il team Andretti Autosport, circostanza peraltro confermata dalla presenza di un pilota legato esplicitamente al costruttore tedesco, come Antonio Félix Da Costa, al fianco di Robin Frijns. 

Una delle critiche più comuni che deve affrontare questa fiorente specialità riguarda infatti la sua velocità di punta relativamente bassa rispetto ad altre formule, dal momento che le monoposto sono limitate elettronicamente a 225 km orari (140 miglia l’ora).

Anche se la Formula E contempla modesti aumenti di potenza nelle prossime stagioni, Jens Marquardt crede non vi sia alcuna necessità di aumentare drammaticamente la velocità, soprattutto in considerazione dei vincoli alle corse esistenti nei centri urbani.

Il manager tedesco ha inteso evidenziare che il potenziale di crescita più grande per il Campionato FIA consiste nel rendere al massimo le opportunità offerte da settori quali l'interazione con i tifosi e le competizioni virtuali.

"È importante che la Formula E mantenga la propria USP (“unique selling proposition” o “argomentazione esclusiva di vendita”, un concetto del marketing e della pubblicità, coniato negli Anni 40 da Rosser Reeves, che allude alla caratteristica propria di un prodotto che non è appannaggio della concorrenza, ndr), con corse nelle grandi città dove le persone effettivamente abitano e trascorrono il loro tempo", ha insistito l’alto dirigente della Casa di Monaco. "Il programma degli eventi, breve ma emozionante, si adatta peraltro perfettamente alla vita moderna”.

"Inoltre, serve generare il massimo dell’interazione con i tifosi, i simulatori e i nuovi concetti dello sport virtuale. Qui è dove si trova il vero potenziale della Formula E: non lo si trova cercando di andare più veloci o volendo sembrare più grandi e importanti di quello che si è”.

E ancora: "Il vero punto della questione è il seguente: le auto non possono essere molto più veloci di così su questo tipo di tracciati, con le misure di sicurezza attualmente in vigore. Ma non devono neppure essere più rapide di ora, secondo me. A mio parere, il vero potenziale della categoria è il settore virtuale”.

"Magari, fra pochi anni, i tifosi potranno essere nella condizione di correre una gara di Formula E accanto ai loro beniamini, che sono impegnati in pista nella corsa reale. Questa possibilità è molto più importante della differenza che passa tra l’andare a 250 o a 180 km/h sui rettilinei".

Un motore BMW nella quinta stagione

Jens Marquardt ha anche chiarito che la BMW vorrebbe avere un proprio propulsore nella categoria “full electric” in tempo per la quinta stagione di esistenza della categoria nel 2018, quando la Formula E bandirà definitivamente il cambio vettura a metà gara e prevederà corse disputate con una sola monoposto per pilota.

"Stiamo lavorando insieme al team Andretti e la collaborazione procede sempre meglio", ha detto il dirigente teutonico. "Stiamo imparando molto, il che è importante nell’ottica della stagione cinque, quando vogliamo avere assolutamente il nostro motore, un BMW, in macchina”. 

"C'è un sacco di cose sulle quali dobbiamo ancora prepararci al fine di essere pronti per quel preciso istante. Al momento, stiamo aiutando la squadra americana dal nostro quartier generale di Monaco di Baviera con costanti simulazioni ed elaborazione dei dati”.

"Inoltre, abbiamo delle persone dislocate in loco presso il team per aiutarlo e sostenerlo. Una persona sempre è lì, a volte anche due o tre. Dipende dalle circostanze…", ha concluso Jens Marquardt.

Informazioni aggiuntive di Stefan Ehlen

condivisioni
commenti
Ecco perché la Mercedes-Benz è così interessata alla F.E

Articolo precedente

Ecco perché la Mercedes-Benz è così interessata alla F.E

Prossimo Articolo

Las Vegas, definiti gli ultimi sei sfidanti dei piloti F.E

Las Vegas, definiti gli ultimi sei sfidanti dei piloti F.E
Carica commenti
Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento Prime

Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento

L'E-Prix nel Principato ha messo a nudo le inferiorità tecnico-velocistiche delle monoposto elettriche, che però hanno regalato una corsa molto bella sfruttando al meglio le proprie caratteristiche su un tracciato che non è stato pensato apposta per loro.

Formula E
11 mag 2021
Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro Prime

Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro

Lontana dai centri cittadini la Formula E ha evidenziato tutte le sue lacune. L'esperimento di Valencia servirà da lezione per gli organizzatori della categoria che hanno ottenuto un richiamo mediatico enorme, ma per i motivi sbagliati...

Formula E
27 apr 2021
Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma Prime

Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma

Nel weekend dell'E-Prix di Roma il pilota della DS Techeetah ed il belga della Mercedes sono riusciti a conquistare due vittorie dopo due incidente che avrebbero potuto gettare tutto al vento. Scopriamo come è stato possibile.

Formula E
13 apr 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E Prime

Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E

La Casa giapponese ha confermato il proprio impegno nella categoria elettrica anche per i prossimi anni e questo è un chiaro segno che denota come la Formula E non sia solo una ottima piattaforma di marketing.

Formula E
1 apr 2021
Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili! Prime

Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili!

Con la nuova stagione di Formula E che ha preso il via in Arabia Saudita, il campionato è sembrato cercare di recuperare il tempo perduto con un eccesso di azione e polemiche dentro e fuori la pista. Mentre alcuni punti di discussione potrebbero avere gravi ripercussioni, è stata un'apertura di 2021 esplosiva per molte ragioni.

Formula E
4 mar 2021
Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi Prime

Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi

Stelle di altri mondi è la rubrica in cui Roberto Chinchero, prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta la carriera nel motorsport di piloti che la F1 non hanno potuto fare altro che sognarla nonostante il grande talento o che nel Circus iridato sono state talentuose meteore. Buon ascolto!

Formula E
18 feb 2021
Formula E in crisi: perché ora le Case fuggono? Prime

Formula E in crisi: perché ora le Case fuggono?

Dopo diverse stagioni da catalizzatrice di Case sfruttando l'onda della propulsione elettrica che ha travolto l'automotive, la Formula E si trova a dover far fronte ai recenti addii di Audi e BMW. Ecco quali sono i motivi di questa crisi e quali sono gli scenari futuri per la serie full electric del motorsport.

Formula E
12 feb 2021