Coletti: “Sì, io punto a correre fra le elettriche...”

Il pilota monegasco, reduce dai test di Donington con il Team Aguri, lavora alla stagione 2015-2016

Stefano Coletti è un pilota che ha gareggiato in diverse categorie di vertice delle monoposto, compresa la GP2 Series e, più recentemente, la IndyCar. Dopo la sua apparizione con il Team Aguri nei test collettivi della Formula E a Donington Park la scorsa settimana, ci si chiede se la serie “full electric” possa essere la sua destinazione per la prossima stagione agonistica…

Come è maturata la possibilità di effettuare un “provino”, per così dire “a sorpresa”, con la squadra di Aguri Suzuki?

“Beh, io conosco i ragazzi abbastanza bene, sono di Monaco e loro possiedono un simulatore nel Principato. Ho usato la loro struttura per fare tutto il mio lavoro di simulazione funzionale alla GP2, ragione per cui sono tre o quattro anni che interagiscono con queste persone. Quando ho sentito parlare di una possibilità in Formula E, sono saltato sulla sedia. Ero lì con loro e ho detto 'hey, perché non mi date un passaggio laggiù?'…".

Hai un sacco di esperienza al volante di vetture a ruote scoperte di diverse categorie: in che cosa differisce la Formula E?

“Lo dico subito. È completamente diversa da tutto ciò ho guidato fino ad ora. Le vetture sono più pesanti e con meno potenza, quindi impongono un diverso approccio al conduttore. Non si può 'fermare' la macchina, mandarla in rotazione e guidarla come si fa con una monoposto della GP2 dove si hanno 620 cavalli. Qui è più difficile mantenere la quantità di moto per il tempo necessario e conservare la necessaria velocità in curva. Lo stile è completamente differente e, sicuramente, richiede un po' di tempo in più prima di abituarsi".

Il circuito permanente di Donington Park non è necessariamente rappresentativo dei tracciati cittadini visitati dalla categoria per i suoi ePrix: come pensi che si comporterà l'auto in condizioni diverse?

“È una macchina davvero divertente da portare in giro. Dà una strana sensazione quando la si guida e non la si può paragonare a nient'altro. Si arriva in curva con un sacco di velocità, ma non si vuole né si deve frenare troppo bruscamente per togliersi rapidamente d'impaccio. Dovrebbe essere piacevole condurla sulle strade urbane in mezzo ai muretti. Quando il rischio è elevato automaticamente, anche la velocità diventa più alta!".

È qualcosa che ti suggerisce di affrontare la F.E, che contribuisce all'idea di unirti alla serie?

"Ci sto lavorando, sì: questo è l'obiettivo. Voglio cercare di essere in Formula E nella prossima stagione e spero proprio che succeda".

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Piloti Stefano Coletti
Team Team Aguri
Articolo di tipo Intervista