Horner: "Il GP a Monza ha mostrato che 3 motori per stagione sono pochi"

condivisioni
commenti
Horner: "Il GP a Monza ha mostrato che 3 motori per stagione sono pochi"
Di:
Tradotto da: Giacomo Rauli
6 set 2017, 09:39

Il boss della Red Bull critica la regola che entrerà in vigore dalla prossima stagione, quando ogni pilota dovrà disputare il Mondiale con appena 3 motori. "Sarebbe il caso di usarne 5", ha aggiunto.

Christian Horner, Team Principal Red Bull Racing
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08 leads at the start of the race
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08, Esteban Ocon, Sahara Force India F1 VJM10, Lance Stroll, Willia
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08, Esteban Ocon, Sahara Force India F1 VJM10, Lance Stroll, Willia
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13, Carlos Sainz Jr., Scuderia Toro Rosso STR12, Stoffel Vandoor
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13

Da questa stagione tutti i team di Formula 1 devono gestire 4 motori per pilota nel corso dei 20 Gran Premi che compongono il calendario 2017. Eppure già tanti hanno dovuto ricorrere alla quinta unità, mentre una parte di questi ne hanno usati molti di più.

Per questo Christian Horner è intervenuto al termine del gran premio d'italia svolto nel fine settimana terminato da poco per dare una propria opinione su qyesta regola e anche su quella che dal prossimo anno la sostituirà. Nel 2018 ogni pilota non avrà più a disposizione 4 motori per disputare una stagione intera, bensì 3 e le gare da effettuare non saranno 20 ma di più.

Sin dall'inizio dell'anno Horner ha tentato di eliminare la regola dei 3 motori per una sola stagione dal 2018 nel corso della riunione dello Strategy Group, ma senza successo.

Dopo Monza, però, Horner ha ribadito il concetto, affermando che i vertici della F.1 dovrebbero cambiare le regole per affrontare al meglio le sempre più complicate power unit e garantire uno spettacolo all'altezza.

"Penso che le power unit non abbiano fatto nulla di positivo per la F.1 da quando sono state introdotte", ha dichiarato il team principal della Red Bull. "Quello che mi preoccupa è che il prossimo anno ogni pilota avrà a disposizione appena 3 motori. Per me questo argometo dovrebbe essere posto all'ordine del giorno al prossimo Strategy Group".

"Ho cercato di far cambiare la regola nella riunione precedente fatta a inizio anno, ma non ho trovato alcun supporto. Spero che ora il risultato sia differente, con molto team che andranno incontro a ulteriori sanzioni dal prossimo GP sino al termine della stagione".

Nuove sanzioni in griglia

Oltre a una nuova regola riguardo ai motori, Horner pensa che sia necessario pensare e attuare un nuovo sistema di sanzioni in griglia di partenza, perché quella attuale rende impopolare la F.1 agli occhi dei tifosi.

"E' abbastanza difficile per noi comprendere la regola. E' confusa. A Monza abbiamo cercato di capire se dovessimo partire in 12esima o 13esima posizione, perché Sergio Perez aveva preso a sua volta una penalità ma non sapevamo in che posizione dovesse mettersi. E' una cosa troppo confusionaria".

"Penso che ci sia bisogno di pensarci seriamente e vedere se ci sono modi migliori di penalizzare un team o un pilota. E' una vergogna vedere questo campionato deciso dalle penalità in griglia".

Falsa riduzione dei costi

L'idea di ridurre il numero di motori utilizzati per pilota in una sola stagione era originariamente intesa come un modo per contribuire a ridurre i costi. Tuttavia i Costruttori hanno potuto notare come la consegna di componenti a lunga durata non si sia rivelata essere conveniente.

Horner ha suggerito che la F.1 potrebbe essere migliore facendo utilizzare ai piloti un numero più alto di motori per tutta la stagione.

"Lo scopo di questa limitazione riguardo i motori è legata alla riduzione dei costi per i team. Così, però, i costi non vengono affatto abbattuti. I motori vengono utilizzati e in realtà stanno causando penalità. Questo è il risultato. Inoltre se ne usano molti di più perché questi si rompono"-

"Forse dobbiamo trovare un equilibrio più equo. Una regola che possa essere stabile e che permetta ai team di trovare il giusto compromesso tra spese e resa. Forse 5 motori per stagione è il numero giusto, piuttosto degli attuali 4 e dei 3 che dovrebbero essere usati l'anno prossimo".

Prossimo Articolo
Fotogallery: i team radio del GP d'italia

Articolo precedente

Fotogallery: i team radio del GP d'italia

Prossimo Articolo

Hamilton ha capito la lezione: domani parteciperà ai test Pirelli

Hamilton ha capito la lezione: domani parteciperà ai test Pirelli
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Jonathan Noble