Nani Roma: "C'è una differenza pazzesca tra il Buggy e la vecchia Mini"

Il pilota spagnolo, vincitore della Dakar 2014, torna a difendere i colori del team X-Raid e si sente pronto a lanciare la sfida alle Peugeot con il nuovo Buggy sviluppato dalla struttura di Sven Quandt.

Nani Roma: "C'è una differenza pazzesca tra il Buggy e la vecchia Mini"
MINI John Cooper Works Buggy
MINI John Cooper Works Rally and MINI John Cooper Works Buggy
MINI John Cooper Works Buggy
Nani Roma, Overdrive Racing Toyota
MINI John Cooper Works Buggy
MINI John Cooper Works Buggy
Jean-Marc Fortin and Nani Roma, Overdrive Racing
MINI John Cooper Works Buggy
Nani Roma, Overdrive Racing
MINI John Cooper Works Buggy
MINI John Cooper Works Buggy
MINI John Cooper Works Buggy

Nani Roma torna in X-Raid. Gli ultimi anni, o meglio le ultime Dakar non sono state semplici per il pilota catalano che ha vinto nel 2014, proprio con Mini e che poi ha collezionato una serie di sfortune dolorosa da ricordare. Nella Dakar del 2015 rimase a piedi nella prima tappa dopo solo dieci chilometri con il motore in panne – problemi di pressione dell’olio dissero - e terminò 41°. Nel 2016 incastrato nel fango delle prime prove speciali si trovò costretto a correre nelle retrovie recuperando fino ad un sesto posto finale. Nel 2017 il passaggio alla Toyota e la quarta posizione assoluta conquistata a fine gara, in un team dove l’ombra di Nasser Al Attiyah si faceva sempre più pesante.

"A fine Dakar Nani si è mosso e ha cominciato a telefonare – come racconta Sven Quandt, patron del team tedesco - alla ricerca di un volante". Quandt lo ha tenuto un po’ nell’anticamera e poi lo ha riabbracciato, come si fa con il figliol prodigo e oggi lo schiera come prima guida delle 4 Mini X-Raid che affronteranno la Dakar 2018.

"C’è sempre grande emozione quando si parte per una Dakar – ammetteva Joan "Nani" Roma alla conferenza di presentazione della Mini X Raid a Parigi, nel nuovo Mini Store di Boulevard Raspail – perché è una gara sempre piena di incognite, di cose nuove e diverse. Sono contento del nuovo progetto, della squadra e c’è grande motivazione in tutti noi, basta vedere Sven Quandt oggi per capirlo. Il team ha già vinto quattro volte e ha combattuto mille battaglie in tutti questi anni…".

Per Roma si tratta della 22esima Dakar, un bel traguardo per un pilota che ha debuttato in moto, vincendo nel 2004 ed è poi passato alle quattro ruote arrivando al successo proprio vent’anni dopo, appunto nel 2014.

"La voglia di correre non è passata, anzi. Ogni giorno sai che imparerai qualche cosa di nuovo in questa gara ed è anche questo che ti stimola e ti da la voglia di proseguire, ti fa sentire vivo. C’è sempre quella sensazione di avventura, di emozione e l’adrenalina è importante: la sentivo prima di vedere la vettura nuova, la sentivo quando ci sono salito sopra e l’ho messa in moto".

Nani Roma infatti è stato il primo a sedersi dietro il volante della nuova Buggy 2wd presentata ieri a Parigi: "A settembre l’ho guidata per la prima volta e c’è una differenza pazzesca rispetto alla Mini. In tutti i sensi: sensazione di guida, il galleggiamento a cui sei sottoposto per le sospensioni e i pneumatici così grandi, il comfort all’interno dell’abitacolo. Questo mezzo è più duro. Un giorno in Marocco ho girato nella stessa giornata con la Mini 2016, con la Mini versione 2017 con la nuova Mini 2018 e con il Buggy, proprio per provare le sensazioni diverse e poterle spiegare alla squadra, ricordo che ero allucinato, quattro vetture diverse in uno stesso giorno! La nuova Mini è fantastica, molto competitiva".

E parlando della prossima Dakar 2018, che verrà presentata oggi a Parigi, anticipa: "Spero che sia una Dakar difficile, molto difficile. In Marocco abbiamo visto che la Peugeot non è ancora al 100% e che quando tira forte in gara finisce per avere problemi di affidabilità. Per questo spero che sia una competizione tosta e che magari i Buggy che sono un po’ più delicati non siano troppo veloci, o almeno non in tutte le tappe. La Mini so già che sarà più resistente. Noi proveremo a vincere ma l’impresa non è facile perché non esiste una formula magica per farlo. La chiave di una Dakar non si sa dove sia, mai. Può essere nel prologo, oppure nella seconda tappa o nella decima, penso che sarà dura anche per il clima. All’inizio ci saranno le dune del Perù ma non farà caldo, ma poi in Argentina, nella seconda parte della gara in Catamarca il caldo ci annienterà e sarà insopportabile, con una sabbia più morbida".

condivisioni
commenti
Dakar 2018: la Mini sfida la Peugeot con un buggy 2 ruote motrici

Articolo precedente

Dakar 2018: la Mini sfida la Peugeot con un buggy 2 ruote motrici

Prossimo Articolo

Dakar 2018: l'edizione del quarantennale scatta dal Perù

Dakar 2018: l'edizione del quarantennale scatta dal Perù
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Presentazione X-Raid Team Mini
Sotto-evento Presentazione
Piloti Nani Roma
Team X-Raid Team
Autore Elisabetta Caracciolo
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021