10 tappe per 5.000 km: svelato il percorso tutto peruviano della Dakar 2019

In realtà per il momento sono state ufficializzate solamente le date e le città che saranno toccate dalla maratona sudamericana, anche se queste permettono di iniziare a fare qualche ipotesi sulla gara.

10 tappe per 5.000 km: svelato il percorso tutto peruviano della Dakar 2019

Il percorso della 41esima edizione della Dakar, al cento per cento in Perù, è stato presentato ieri, o meglio reso noto, in sordina. Niente comunicati stampa, neanche sul sito istituzionale, niente conferenze, ma solo un post composto di una sola cartina sui principali Social Media.

Un profilo molto basso, come da qualche settimana sta tenendo ASO, società organizzatrice della competizione che si correrà il prossimo gennaio dal 6 al 17. Più che di percorso si parla di città sedi di tappa, tanto è vero che sulla cartina pubblicata non c'è neanche una traccia. Però le città possono ovviamente aiutare a capire qualche cosa di più.

 

Il percorso ripercorre le tracce di quello 2018 visto che dopo la partenza dalla capitale, il 7 gennaio, la carovana della Dakar, che si prevede molto esigua, punterà a Sud, verso Pisco che già in questa 40esima edizione aveva ospitato la gara per i primi due giorni. Il giorno dopo si scende ancora, esattamente come quest'anno, verso San Juan de Marcona e tutti ricordano perfettamente i due anelli di inizio Dakar e la sabbia friabile e ingannevole di quelle zone.

Il 9 gennaio da San Juan de Marcona alla partenza della quarta tappa 2018 si registravano già 16 ritiri fra le due ruote, 4 per i quad, 15 auto e ben 20 camion tutti concorrenti che con grosse probabilità potrebbero non ripresentarsi al via nel 2019, ben conoscendo le insidie di quel tratto di percorso. Un totale di 55 ritiri in soli 4 giorni, su un totale di 332 veicoli, un 17 per cento circa.

Da San Juan de Marcona, ancora ricopiando il 2018, destinazione Arequipa e i piloti troveranno qui ad attenderli una prima tappa marathon per tutte le categorie in gara: moto e quad avranno un bivacco tutto per loro a Moquegua mentre gli altri si ritroveranno – assistenze escluse – a Tacna il punto più a sud di tutta la competizione. Da lì si ripartirà per la seconda parte della marathon che li riporterà tutti ad Arequipa per il giorno di riposo: in questo modo le assistenze non si muoveranno per tre giorni dalla cittadina del Perù.

Dal 13, dopo la giornata di riposo il 12, si riparte raggiungendo di nuovo San Juan de Marcona, che ospiterà anche una tappa ad anello il 14 per la settima tappa, mentre il 15 gennaio si ritornerà a Pisco, di nuovo una tappa ad anello e poi via verso il traguardo, di nuovo a Lima.

Tutto qui verrebbe da chiedersi? Sì, tutto qui. Niente esplorazione verso il nord del Paese, verso quell'Ecuador che il prossimo anno, 2020, ha promesso di esserci e di voler fermamente entrare a far parte della famiglia della Dakar. Chissà se la mancanza di un direttore sportivo, ininfluente secondo il direttore generale della Dakar, Etienne Lavigne, invece si è fatta sentire in questa prima fase di tracciatura di un percorso che ora ospiterà le equipe di scouting per disegnare il road book, stando alle voci ancora affidato allo spagnolo Xavi Colomer.

Lo scorso anno la Dakar in Perù, in sole cinque tappe aveva percorso poco meno di 4.000 chilometri, dopo però, fra Bolivia e Argentina, ne aveva fatti altri 4.500. Questo calcolo è importante perchè se in cinque giorni aveva fatto circa 3.500 chilometri e nel 2019 ne farà 5.000 nel doppio dei giorni significa, e basta un semplice calcolo matematico, che le tappe saranno davvero contenute.

Un ripasso? Nel 2018: 1. tappa Lima-Pisco 272 km, 2. tappa Pisco-Pisco 278km, 3. tappa Pisco – San Juan de Marcona 501km, 4. tappa San Juan de Marcona – San Juan de Marcona 444km, 5. tappa San Juan de Marcona-Arequipa 770 km (questo per le moto perchè auto e camion avevano avuto tappe anche da 932 km).

Ovviamente è ancora presto per conoscere i dettagli delle tappe, in termini di fondo – comunque sabbioso al 70 per cento – e chilometri ma è facile ipotizzare prove speciali non più lunghe di 300 chilometri e una navigazione difficile, visti i tanti passaggi nelle stesso zone e l'enorme numero di tracce presenti in terra, senza contare il deterioramento delle piste e delle dune dopo tanti passaggi... qualcuno ricorda la prima Dakar in Sud America nel 2009 ? La friabilità delle dune e i tanti passaggi dei mezzi in gara finirono per sgretolare il fondo sabbioso al punto che non si riusciva più ad affrontare le salite neanche a piedi, o a quattro zampe, come diversi video testimoniano ancora oggi.

condivisioni
commenti
La Dakar 2019 è salva: il Perù la dichiara "Evento d'interesse nazionale" e ASO conferma il via il 6 gennaio

Articolo precedente

La Dakar 2019 è salva: il Perù la dichiara "Evento d'interesse nazionale" e ASO conferma il via il 6 gennaio

Prossimo Articolo

Carlos Sainz ha scelto il Buggy due ruote motrici della X Raid per la Dakar 2019

Carlos Sainz ha scelto il Buggy due ruote motrici della X Raid per la Dakar 2019
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021