Dakar | Oreca costruisce un'auto ibrida per l'edizione 2023

Il costruttore francese ha annunciato oggi che costruirà una vettura ibrida per correre nella categoria Auto della Dakar a partire dall'edizione 2023. I primi test sono fissati per il mese di aprile del 2022.

Dakar | Oreca costruisce un'auto ibrida per l'edizione 2023
Carica lettore audio

La Dakar 2022 è ormai alle porte, perché scatterà con il prologo previsto il 1 gennaio in Arabia Saudita, ma c'è chi pensa sì alla Dakar, ma a quella del futuro. Per la precisione stiamo parlando dell'edizione 2023 e, soprattutto, di Oreca.

Il costruttore francese, in collaborazione con SMG, ha messo in piedi ormai da qualche settimana il progetto per la Dakar: si tratta di una vettura ibrida che dovrà correre nella categoria Auto fra poco più di un anno.

Il prototipo, già in fase avanzata di progettazione e realizzazione, farà il suo esordio nei primi test di sviluppo nel mese di aprile. L'aspetto più interessante della vettura è che, così come Audi, sarà ibrida.

Il concetto, però, dovrebbe essere molto differente rispetto alla vettura di Ingolstadt che farà il suo esordio alla Dakar nel 2022. La RS Q e-tron avrà propulsione elettrica, con un motore termico 2.0 TFSI che servirà per ricaricare le batterie, aiutando il sistema brake-by-wire posto sia all'anteriore che al posteriore.

Per quanto riguarda la vettura dell'Oreca, la propulsione dovrebbe essere ibrida, dunque un mix tra motore termico e una MGU elettrica.

Vincent Garreau, project manager di Oreca, ha affermato: Per noi era far parte di una categoria che guarda al futuro. L'obiettivo era quello di poter dare una risposta a breve e a medio termine ai nostri clienti che intendevano partecipare alla Dakar".

"Le principali discipline del motorsport hanno una propulsione ibrida. Nelle gare di durata ci sono gli ibridi, nel WRC c'è l'ibrido, la Formula 1 è ibrida. Dobbiamo avere anche noi una soluzione del genre per i rally raid. Noi pensiamo abbia molto senso averla per gare come la Dakar".

L'obiettivo di Oreca è quello di utilizzare una MGU che riesca a dimezzare le emissioni, pur mantenendo lo stesso livello di prestazioni nel corso delle tappe.

"La scelta che è stata fatta è quella di realizzare una vettura ibrida e a spingere la vettura ci sarà un motore termico. una scelta abbastanza classica", ha affermato Philippe Gache di SMG.

"Poi ci sarà un motore elettrico che garantirà più coppia e più potenza, quindi avremo un motore termico non certo esagerato, un 4 cilindri turbo. L'obiettivo è realizzare una macchina competitiva tanto quanto le altre vetture spinte da un motore termico, ma abbiamo l'obiettivo di consumare la metà del carburante. Dunque, pari prestazioni con la metà delle emissioni".

condivisioni
commenti
Dakar | Marc Coma torna nell’edizione 2022 come consigliere KTM
Articolo precedente

Dakar | Marc Coma torna nell’edizione 2022 come consigliere KTM

Prossimo Articolo

Dakar 2022: perché l'Audi elettrica sfida il deserto?

Dakar 2022: perché l'Audi elettrica sfida il deserto?
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021