Shanghai, 3° ora: Jani passa in testa

Corsa condizionata dalla pioggia e dalle differenti tattiche. Lo svizzero autore di una strepitosa

Shanghai, 3° ora: Jani passa in testa
#18 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#18 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#18 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#77 Dempsey Proton Competition Porsche 911 RSR: Patrick Dempsey, Patrick Long, Marco Seefried
#17 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#88 Abu Dhabi Proton Competition Porsche 911 RSR: Christian Ried, Earl Bamber, Khaled Al Qubaisi
#17 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#18 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#8 Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron quattro: Lucas di Grassi, Loic Duval, Oliver Jarvis
#8 Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron quattro: Lucas di Grassi, Loic Duval, Oliver Jarvis

Neel Jani protagonista assoluto della corsa e seconda e terza ora a Shanghai ancora scandite  dall'alternanza di pioggia forte e più lieve che ha costretto per lunghi tratti la corsa al regime di full course yellow. Sono state due uscite di pista nella seconda ora della Gibson di Kane e della Rebellion di Kraihamer, finite nella terra a spezzare il ritmo. La pista è molto scivolosa, gli errori si pagano a caro prezzo. I continui ricorsi al regime di bandiera gialla raffreddano le gomme e questo complica la vita a tutti quanti più del previsto.

È  tra la fine della seconda ora e l'inizio della terza che l'atmosfera si surriscalda, interrompendo anche l'apparente dominio della Porsche di Hartley. Le due Audi anticipano il pit stop. Di Grassi prende il posto di Jarvis, Treluyer di Lotterer. Hartley si ferma subito dopo dando la vettura a Bernhard mentre Jani ha rilevato Lieb e sta prodigandosi in una rimonta stupefacente.

La sosta della Porsche è lunga perché si cambiano le gomme, si sostituisce il pilota e si rifornisce. Così Bernhard quando rientra si ritrova l'Audi di Di Grassi attaccata. Tra i due inizia un duello che poi si trasforma in lotta a tre perché dietro risale anche la seconda Audi di Treluyer. Il trio procede compatto nella pioggia  con Bernhard che cerca di non prendere troppi rischi, anche perché per il gioco delle soste entro la fine dell'ora sa che potrebbe ritornare al comando. Dapprima il tedesco si fa sfilare da Di Grassi, poi non replica all'attacco di Treluyer che va a sua volta al duello con il compagno di squadra. Di Grassi, al limite, si fa da parte e lascia passare il francese che con il primo posto virtualmente ritorna al comando della classifica iridata riservata ai piloti. Ma non è finita:l'uomo più veloce in pista è Neel Jani che guadagna due secondi a tornata ai rivali. Lo svizzero della Porsche ha un ritmo contro il quale nessuno è in grado di lottare. Infatti passa dapprima Bernhard, poi Di Grassi e a poco a poco si avvicina all'Audi di Treluyer.

In LMP2 le condzioni meteo stanno favorendo la Morgan del team Pegasus che grazie alle Michelin si è portata al primo posto davanti alla Ligier di Derani mentre un errore ha penalizzato l'altra Ligier di Bird-Canal-Rusinov che ora è più staccata. In GTEPRO l'aumento della pioggia favorisce le Porsche: Christensen a una ventina di minuti dalla conclusione della terza ora si trova in 11.posizione dietro alle prime due LMP2!

Nel plotone di comando a quindici minuti dalla conclusione della terza ora cambia di nuovo la situazione: Neel Jani ormai ha raggiunto Benoit Treluyer che inizia ad avere problemi nella gestione delle gomme. Tra i due c'è un accenno di duello poi il transalpino fa sfilare la Porsche 919 Hybrid al comando della corsa. Al terzo posto è risalito Timo Bernhard che ha superato l'Audi di Di Grassi. Proprio allo scoccare della terza ora le due Audi si fermano ai box mentre le Porsche proseguono il cammino tornando ad occupare la prima e seconda posizione con Neel Jani che continua a lasciare a bocca aperta.

 

condivisioni
commenti
Shanghai,1° ora: comanda Hartley, giallo Lieb

Articolo precedente

Shanghai,1° ora: comanda Hartley, giallo Lieb

Prossimo Articolo

Shanghai, 4° ora: Bernhard e Jani allungano

Shanghai, 4° ora: Bernhard e Jani allungano
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021