Patrick Carpentier: "Le Formula E paiono auto da 800 cavalli!"

condivisioni
commenti
Patrick Carpentier: "Le Formula E paiono auto da 800 cavalli!"
Di:
Tradotto da: Chiara Rainis, Motorsport.com Switzerland
30 lug 2017, 12:00

Il pilota NASCAR Cup e portavoce ufficiale del primo ePrix del Canada ha effettuato alcuni giri sul circuito cittadino di Montréal al volante di una monoposto elettrica e si è detto entusiasta dell’esperienza...

Patrick Carpentier
Patrick Carpentier
Patrick Carpentier
Patrick Carpentier viene intervistato dai media
Stéphane Sarrazin, Techeetah
Patrick Carpentier in pista
Patrick Carpentier in pista
Il casco di Patrick Carpentier
Patrick Carpentier in pista
Patrick Carpentier in pista
Patrick Carpentier in pista
Patrick Carpentier
Patrick Carpentier

Lo scorso venerdì pomeriggio "l’enfant du pays" Patrick Carpentier ha avuto la chance di provare un’auto da corsa "full electric". Il driver attivo nella serie NASCAR si è infilato casco e tuta e ha effettuato alcune tornate sul tracciato di 2,745 km che nel weekend ha visto i protagonisti della Formula E darsi battaglia per il titolo. 

“È una pista piuttosto tecnica”, ha commentato parlando con Motorsport.com. “Non si tratta di un tipico cittadino con i tornantini, ma presenta curve in salita o in discesa, piuttosto che strette e rapide. Inoltre, in alcune zone sembra di aver molto spazio a disposizione, mentre in altre è l’opposto. Prendere bene la curva conclusiva è essenziale per lo spunto sul rettilineo principale. A mio avviso la maggior parte dei sorpassi avverrà alla curva 1”, aveva spiegato alla vigilia.

Il 45enne, non certo un novellino delle monoposto, essendosi laureato campione di Formula Atlantic nel 1996 e avendo vinto cinque gare in IndyCar, ha riconosciuto il valore delle vetture cosiddette “verdi”. 

 

“Ho percorso due tornate in modalità 'full course', dunque con potenza dimezzata, e devo dire che, a differenza di un normale motore termico, quello elettrico è immediato in termini di erogazione”, ha proseguito nel racconto delle sue impressioni.

“In seguito sono passato al full power e il potenziale mi ha meravigliato. Sembrava di guidare una macchina da 800 CV. Anche per questo ritengo fondamentale la gestione dell’acceleratore. Ho notato, poi, che le gomme Michelin impiegano due giri per andare in temperatura e una volta raggiunta l’aderenza l’auto si trasforma". 

 

"Visto che il propulsore non è molto rumoroso avverti chiaramente il suono delle gomme in frenata o nei cambi di direzione. È stato davvero impressionante. Le Formula E sono decisamente divertenti e veloci”, la conclusione di Carpentier.

Prossimo Articolo
La rabbia di Sébastien Buemi ha sorpreso i rivali

Articolo precedente

La rabbia di Sébastien Buemi ha sorpreso i rivali

Prossimo Articolo

Di Grassi al top anche nelle Libere 3 dell’ePrix di Montréal

Di Grassi al top anche nelle Libere 3 dell’ePrix di Montréal
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula E
Evento ePrix di Montréal
Location Streets of Montréal
Piloti Patrick Carpentier
Autore René Fagnan