È pole position "monstre" per Sam Bird in Francia

A Parigi il britannico della DS Virgin Racing ha tolto il sorriso a un Lucas Di Grassi (ABT Schaeffler Audi Sport) che si immaginava già davanti a tutti e al coéquipier Jean-Éric Vergne.

Fra i due litiganti, il terzo gode. Almeno nelle qualifiche dell’ePrix di Parigi, settimo round stagionale del Campionato FIA di Formula E, su un tracciato cittadino che era inedito ai più.

È stato infatti Sam Bird, con la monoposto a doppio motore elettrico realizzata dalla collaborazione fra la Virgin Racing e la parigina DS Performance e con l’indubbiamente competitivo tempo di 1’01”616, assicurarsi la Super Pole e quindi la posizione al palo nella gara della Ville Lumière di sabato 23 aprile

 

Alle sue spalle, vittima di un divario contenuto in 316 millesimi di secondo, il leader di campionato Lucas Di Grassi (ABT Schaeffler Audi Sport) si è visto sottrarre la pole position da un giro monstre proprio in extremis: la performance dei rivali anglo-francesi ha spento il sorriso in bocca in diretta televisiva al brasiliano, che si è visto sottrarre non soltanto la posizione più avanzata sullo schieramento, ma anche tre preziosi punti in classifica.

Anche Jean-Éric Vergne ha esaltato i suoi natali parigini con la terza posizione assoluta e con una DSV-01 analoga a quella di Sam Bird, ma alle sue spalle hanno trovato posto altri due big francesi: Stéphane Sarrazin della Venturi, riemerso da un incidente nelle prove libere, e Nicolas Prost della Renault e.dams.

La coppia Bird-Vergne della DS Virgin Racing era cresciuta senza problemi particolari anche al termine dei quattro gironi di qualifica, con Sam autore del crono di 1’01”514 e Jean-Éric di 1’01”770.

Appena al di fuori della top five, Robin Frijns ha dimostrato di saper mantenere il proprio impressionante stato di forma con la sesta posizione sulla griglia di partenza per la Amlin Andretti, mentre il settimo crono di Oliver Turvey dà la misura della propria bravura di pilota e del costante miglioramento della NextEV TCR.

Sébastien Buemi, che si trova di appena una lunghezza dietro a Lucas Di Grassi (ABT Schaeffler Audi Sport) nella graduatoria a punti, si schiererà soltanto ottavo sullo schieramento dopo aver fallito il tentativo di ingresso in Super Pole con la Renault Z.E. 15.

Il campione in carica Nelson Piquet Jr inizierà la gara transalpina dal nono posto, avendo eguagliato il suo miglior risultato in qualifica della stagione, mentre è stato Antonio Félix Da Costa sulla Spark-Renault in assetto 2014 a completare la top ten.

La stagione altalenante della Dragon Racing è proseguita con un Jérome D'Ambrosio incapace di staccare una posizione migliore dell’undicesima e con il compagno di squadra Loic Duval che ha sofferto problemi di frenata nel proprio gruppo di qualifica, i quali hanno contribuito a una modesta 16esima piazza al via.

Simona De Silvestro, eroina a Long Beach col primo ingresso in zona punti nei colori di Michael Andretti, partirà 12esima davanti alla Mahindra M2Electro di Bruno Senna e a un Daniel Abt incapace di mascherare la delusione per un 14esimo posto ottenuto a dispetto del fatto di guidare un’ottima ABT Schaeffer FE01.

Scontro Heidfeld-Conway nel Gruppo 1

Nel primo Gruppo di qualifica Nick Heidfeld è finito in testacoda ed è andato a sbattere contro le protezioni all'ultima curva. Il tedesco è riuscito a muovere la propria Mahindra e toglierla dagli pneumatici a protezione del muro, ma quando ha cercato di rientrare in pista è stato immediatamente centrato dalla Venturi dell'inglese Mike Conway.

L'incidente ha spinto la Direzione Gara ad esporre la bandiera rossa, nonostante entrambe le vetture fossero riuscite ad entrare in corsia box. Purtroppo per entrambi nessuno dei due è stato in grado di riprendere la qualifica e così partiranno dal fondo della griglia rispettivamente, Mike Conway 17esimo e Nick Heidfeld 18esimo e ultimo.

Sicuramente è stato un colpo particolarmente amaro per l’innocente britannico, che puntava a far segnare il tempo più veloce del suo Gruppo dopo essere stato il più veloce nelle Libere 2.

Tutti i piloti hanno faticato con il riscaldare a sufficienza gli pneumatici ed i freni durante la sessione, visti i soli 12 gradi ambientali. Diversi hanno dovuto lottare con la macchina nei loro giri veloci, con Loic Duval (Dragon Racing) e Daniel Abt (ABT Schaeffler Audi Sport) impegnati in escursioni lungo le vie di fuga.

Il rookie della Formula E, Ma Qing Hua, scatterà per la sua corsa dalla 15esima posizione in griglia, dopo un grintoso giro finale in cui lo si è visto lottare con la vettura del Team Aguri, scivolando al posteriore nelle ultime due curve, riuscendo comunque a non toccare il muro esterno. La prima edizione del Paris ePrix scatterà questo pomeriggio, alle 16:00 ora locale.

Qualifiche:

PosPilotaTeamTempo
1 United KingdomSam Bird  United KingdomVirgin Racing 1:01.514
2 FranceJean-Eric Vergne  United KingdomVirgin Racing 1:01.770
3 FranceStéphane Sarrazin  MonacoVenturi 1:02.148
4 BrazilLucas di Grassi  GermanyTeam Abt 1:02.249
5 FranceNicolas Prost  FranceDAMS 1:02.339
6 NetherlandsRobin Frijns  United StatesAndretti Autosport 1:02.405
7 United KingdomOliver Turvey  ChinaChina Racing 1:02.492
8 SwitzerlandSébastien Buemi  FranceDAMS 1:02.661
9 BrazilNelson Piquet Jr.  ChinaChina Racing 1:02.685
10 PortugalAntonio Felix da Costa  JapanTeam Aguri 1:02.747
11 BelgiumJérôme d'Ambrosio  United StatesDragon Racing 1:02.797
12 SwitzerlandSimona de Silvestro  United StatesAndretti Autosport 1:02.888
13 BrazilBruno Senna  IndiaMahindra Racing 1:02.915
14 GermanyDaniel Abt  GermanyTeam Abt 1:03.081
15 ChinaMa Qing Hua  JapanTeam Aguri 1:03.655
16 FranceLoic Duval  United StatesDragon Racing 1:03.787
17 United KingdomMike Conway  MonacoVenturi 1:04.798
  Nick Heidfeld  Mahindra Racing  

 

 

 

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento ePrix di Parigi
Sub-evento Sabato, qualifiche
Circuito Streets of Paris
Piloti Lucas Di Grassi , Sam Bird , Jean-Éric Vergne
Team Virgin Racing , Audi Sport Team ABT
Articolo di tipo Qualifiche