Dakar 2017: Marc Coma racconta le scelte fatte per tracciare il percorso

Il direttore sportivo della Dakar parla di una gara più votata alla navigazione ed imprevedibile, quindi non si sbilancia sui potenziali favoriti. Essendo già una Dakar molto dura, ha preferito inserire una sola tappa marathon.

Dakar 2017: Marc Coma racconta le scelte fatte per tracciare il percorso
Etienne Lavigne, Dakar director
mappa della Dakar 2017
Marc Coma, Sporting Director della Dakar
Atmosfera della presentazione
Joan Barreda, Honda
Foto di gruppo
Joan Barreda, Paulo Goncalves e Michael Metge, Honda
Mappa della Dakar 2017
Ignacio Casale
Matthias Walkner, Red Bull KTM Factory Racing , Toby Price, Red Bull KTM Factory Racing , Sam Sunder
Nasser Al-Attiyah, Toyota Gazoo Racing

Chi vincerà la prossima Dakar? La domanda presuppone non tanto un nome preciso, ma una sorta di descrizione, una ricerca precisa delle doti che il pilota dovrà possedere. Vincerà il pilota più veloce o quello che saprà navigare meglio degli altri? O ancora l'esperto che dimostrerà una maggiore, e migliore, attitudine?

Marc Coma non è molto convinto quando gli viene posta questa domanda: "Credo che sarà una gara molto varia e composta di tante incognite, più del solito. Giorno dopo giorno le diverse categorie in gara vivranno situazioni e condizioni differenti spesso non facili, e credo anche che questa novità che abbiamo introdotto nella navigazione (già nel Merzouga rally in maggio) renderà ancora più imprevedibile la corsa e il suo risultato".

Ma questo cambiamenti nei WPT renderà le cose più facili o più difficili per il pilota?
Ci pensa su un attimo: "Bè abbiamo scelto di apportare questo cambiamento proprio perchè vogliamo portare la navigazione ad un livello più alto che secondo la mia filosofia è quello giusto. Negli ultimi anni la navigazione ha perso un po' di importanza alla Dakar e questa novità si propone di riportare in auge la vera navigazione, la rilevazione sul posto".

Hai parlato di una sola tappa marathon?
"Sì, in effetti alla fine abbiamo deciso di fare solo una tappa marathon, e di farla uguale per tutte le categorie, quindi moto, quad, auto e camion. Sarà ad Uyuni, nel giorno dopo la tappa di riposo, ed è una giornata con la filosofia del parco di lavoro. Questo significa che tutti i piloti saranno insieme e potranno lavorare la notte sui propri mezzi. Inizialmente si era pensato a due tappe marathon ma poi ci siamo resi conto che siamo già ad un livello alto, abbiamo fatto un percorso troppo duro, o meglio, il ritmo da mantenere è sostenuto e non era il caso di esagerare".

Alla fine di questa Dakar 2017 potremmo dire che Marc Coma ha dato la sua impronta alla gara?
"Bè sì, in effetti sarà così. A poco a poco le cose si vanno trasformando secondo la mia filosofia, seguendo la mia maniera di vedere le cose per ricreare la Dakar che piace a me, in cui la navigazione gioca un ruolo importante. Una gara che è più un'avventura che non una gara in cui parti alla mattina al 100 per cento e arrivi al bivacco sempre nello stesso modo, cioè ancora al 100 per cento. No, in questa Dakar bisognerà saper gestire la navigazione, la meccanica... penso che siamo sulla buona strada, e sono molto contento di questo".

Da pilota a pilota che cosa consiglieresti in partenza, a livello di strategia?
"Questa è una cosa che non si sa mai. Non è mai facile capire quale sia il giorno giusto per attaccare. E' l'esperienza che te lo fa capire. La verità è che non si può pensare di attaccare dal primo all'ultimo giorno nella stessa maniera. Bisogna imparare a capire quando è il momento giusto".

Se dovesse piovere in Paraguay, la prima speciale potrebbe diventare una trappola, come accaduto nel gennaio 2016 in Argentina?
"No, se piove normalmente non dovrebbero esserci problemi. Il fondo è sabbioso e quindi non credo possa allagarsi. Bisogna sempre vedere di che pioggia stiamo parlando ma in condizioni normali la prima speciale è a posto, l'acqua non rappresenta una cosa di cui preoccuparsi".

Un'ultima curiosità. David Castera nelle sue ricognizioni era solito usare la moto da enduro per tracciare alcune zone delle speciali, tu lo hai mai fatto?
"No, ho tracciato sempre e solo in auto. Non ho mai preso la moto ma per un motivo molto semplice, avrei dovuto avere la mia moto al seguito mentre eravamo in ricognizione e questo non è semplice da organizzare a livello logistico. Al momento mi muovo solo con le vetture fuoristrada".

Il che tradotto, dovrebbe significare niente passaggi strettissimi o troppo enduristici.

condivisioni
commenti
Dakar 2017, Peterhansel: "Tante giornate in quota, sarà più dura"

Articolo precedente

Dakar 2017, Peterhansel: "Tante giornate in quota, sarà più dura"

Prossimo Articolo

La KTM rinnova Toby Price e Sam Sunderland fino al 2019

La KTM rinnova Toby Price e Sam Sunderland fino al 2019
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar 2017
Autore Elisabetta Caracciolo
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021