Misano, Warm Up: Jonathan Rea ancora mattatore nella domenica mattina della Superbike

condivisioni
commenti
Misano, Warm Up: Jonathan Rea ancora mattatore nella domenica mattina della Superbike
Di: Lorenzo Moro
08 lug 2018, 08:15

Continua a non esserci storia: Jonathan Rea continua a fare storia a se con tempi inavvicinabili per gli altri che però sono tutti molto vicini e compatti nella speranza di una gara con una bella bagarre.

Continua a non esserci gara. Anche nella domenica mattina di Misano Jonathan Rea è salito sul pulpito della Superbike obbligando tutti i suoi avversari a mettersi in fila dietro di lui. Suo il miglior tempo anche nel warm up condotto dall'inizio alla fine: l'unico che è riuscito a fare meglio di Jonathan Rea è... Jonathan Rea che ogni volta che è sceso in pista ha migliorato il suo precedente crono.

1'34"237 è il tempo del miglior giro della mattina per il cannibale che quindi ha chiuso il warm up staccando il secondo, il compagno Tom Sykes, di quasi mezzo secondo (+0"446). Terzo Chaz Davies, primo dei piloti Ducati ufficiali, a 509 millesimi dal diretto rivale in classifica. 

Se dal primo i distacchi sono piuttosto rilevanti c'è da dire che, qualora le forze in gioco dovessero rimanere quelle del warm up, in gara si vedrà una bella lotta per i due gradini del podio più bassi (a meno di eventualità sfortunate la fuga di Rea è abbastanza scontata, bisogna solo vedere quanto ci metterà a guadagnare la testa della corsa).

A partire infatti da Tom Sykes gli altri piloti sono tutti molto vicini con i primi 12 staccati l'uno dall'altro di anche meno di un decimo. Dietro Davies (+0"063 da Sykes) hanno infatti chiuso il warm up Alex Lowes (a terra ieri in Gara 1) con un distacco di 171 millesimi davanti a Xavi Forés su Ducati privata (+0"093 da Lowes) e Leon Camier su Honda CBR (+0"020 da Forés).

Settimo Loris Baz che ha messo la sua BMW a 4 millesimi dalla Fireblade ma seguito a ruota da Michael Van der Mark a 18 millesimi il quale a sua volta è incalzato da Lorenzo Savadori a soli 16 millesimi. Molto vicino anche Eugene Laverty che, dopo il bel terzo posto di ieri, ha chiuso il warm up a solo 28 millesimi dal primo e davanti a Marco Melandri, primo pilota ad avere un secondo di ritardo dal primo e 11esimo al termine delle prove della domenica mattina.

Insomma, escluso Rea, c'è un certo equilibrio in pista, con i piloti molto vicini tra di loro e tutti abbastanza livellati e staccati l'uno dall'altro di molto poco. La norma "salva show" della griglia invertita prevede che Rea scatterà dalla nona posizione in Gara 2 con davanti a se piloti che sono sempre stati circa mezzo secondo più lenti di lui, il rischio quindi di vedere una gara a senso unico è alto ma, come detto, con un gruppo di inseguitori così compatto, lo spettacolo potrebbe essere in agguato.

Di seguito il tabellone dei tempi al termine del warm up:

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 1 United Kingdom Jonathan Rea  Kawasaki 8 1'34.237     161.439
2 66 United Kingdom Tom Sykes  Kawasaki 9 1'34.683 0.446 0.446 160.679
3 7 United Kingdom Chaz Davies  Ducati 9 1'34.746 0.509 0.063 160.572
4 22 United Kingdom Alex Lowes  Yamaha 8 1'34.917 0.680 0.171 160.283
5 12 Spain Javier Fores  Ducati 9 1'35.009 0.772 0.092 160.127
6 2 United Kingdom Leon Camier  Honda 8 1'35.029 0.792 0.020 160.094
7 76 France Loris Baz  BMW 8 1'35.063 0.826 0.034 160.037
8 60 Netherlands Michael van der Mark  Yamaha 8 1'35.081 0.844 0.018 160.006
9 32 Italy Lorenzo Savadori  Aprilia 8 1'35.097 0.860 0.016 159.979
10 50 Ireland Eugene Laverty  Aprilia 8 1'35.125 0.888 0.028 159.932
11 33 Italy Marco Melandri  Ducati 7 1'35.264 1.027 0.139 159.699
12 21 Michael Ruben  Ducati 9 1'35.410 1.173 0.146 159.454
13 45 United States Jake Gagne  Honda 8 1'35.810 1.573 0.400 158.789
14 36 Argentina Leandro Mercado  Kawasaki 8 1'35.869 1.632 0.059 158.691
15 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu  Kawasaki 8 1'35.929 1.692 0.060 158.592
16 94 Italy Niccolo Canepa  Yamaha 8 1'36.030 1.793 0.101 158.425
17 99 United States Patrick Jacobsen  Honda 8 1'36.116 1.879 0.086 158.283
18 81 Spain Jordi Torres  MV Agusta 3 1'36.149 1.912 0.033 158.229
19 68 Colombia Yonny Hernandez  Kawasaki 8 1'36.561 2.324 0.412 157.554
20 40 Spain Roman Ramos  Kawasaki 7 1'36.569 2.332 0.008 157.541
21 24 Alessandro Andreozzi  Yamaha 7 1'37.656 3.419 1.087 155.787
Prossimo Articolo
Laverty: “Sapevamo di poter lottare per il podio”

Articolo precedente

Laverty: “Sapevamo di poter lottare per il podio”

Prossimo Articolo

Misano, Gara 2: Rea vince al termine di una difficilissima rimonta su van der Mark e Melandri

Misano, Gara 2: Rea vince al termine di una difficilissima rimonta su van der Mark e Melandri
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Misano
Autore Lorenzo Moro