Paffett: "Marciello impressionante nei test DTM"

condivisioni
commenti
Paffett:
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
19 dic 2015, 16:27

Il britannico ha eletto Raffaele e Magnussen quali piloti che più lo hanno sorpreso ai test di Jerez

Gary Paffett, Pascal Wehrlein, Ulrich Fritz, Maximilian Götz
Gary Paffett, Pascal Wehrlein
Raffaele Marciello, Trident
(Da sx a dx): Roberto Merhi, Manor Marussia F1 Team con Raffaele Marciello, Tester e Pilota di riser
Kevin Magnussen, McLaren Tester e terzo pilota
Kevin Magnussen, McLaren Tester e terzo pilota

I recenti young driver test effettuati sul tracciato di Jerez hanno avuto uno spettatore d'eccezione a bordo pista, Gary Paffett. Il britannico, campione della categoria nel 2005, ha osservato con curiosità i giovani piloti che si sono alternati al volante della Mercedes AMG C63 DTM, restando particolarmente colpito dalle perfomance di Raffaele Marciello e di Kevin Magnussen.

"Il pilota che più mi ha impressionato come velocità è certamente Marciello - ha dichiarato Paffett a Motorsport.come la sua performance non ha deluso le mie aspettative. Anche Kevin Magnussen ha ben figurato e sono rimasto colpito dal suo passo".

Sia l'italiano che il norvegese annunceranno a breve i loro programmi per la stagione 2016 dopo aver chiuso le esperienze rispettivamente con la Ferrari Driver Academy e la McLaren, e non è da escludere che uno dei due possa realmente approdare in DTM, specie considerando che la Mercedes non ha ancora ufficializzato la propria line up.

Paffett è consapevole che la giornata dei test riservata ai giovani piloti è un appuntamento molto intenso, dove in poco tempo si deve mostrare tutto il proprio talento senza commettere alcun errore: "E' sempre molto difficile per un pilota giovane dimostrare quanto valga in mezza giornata al volante di una vettura mai guidata prima. Si è sempre al limite e basta poco per compromettere tutto con una uscita di pista". 

Secondo il britannico, piloti con maggiore esperienza possono avere soltanto un leggero margine di vantaggio sui colleghi meno navigati: "Driver con più esperienza come Maro Engel o lo stesso Magnussen forse hanno meno difficoltà di adattamento alla vettura considerato che hanno guidato auto diverse in passato e conosco già il tracciato. Per i piloti più giovani e con meno esperienza è più complicato mettere in mostra tutto il loro potenziale". 

Paffett ha comunque visto qualcuno già in grado di ben figurare nel DTM: "Certamente c'è del talento. Alcuni ragazzi credo siano pronti per passare nella categoria, mentre ad altri serve un pò più di tempo".

Prossimo articolo DTM

Su questo articolo

Serie DTM
Piloti Gary Paffett, Kevin Magnussen, Raffaele Marciello
Autore Marco Di Marco
Tipo di articolo Ultime notizie