Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Intervista
Formula 1 GP di Gran Bretagna

F1 | Vasseur: "Ecco perché siamo stati aggressivi nelle strategie"

Il team principal della Ferrari ha commentato l'ennesimo fine settimana deludente della Ferrari, spiegando perché siano state prese decisioni aggressive sulla strategia di Leclerc.

Frederic Vasseur, Team Principal e General Manager, Scuderia Ferrari

Frederic Vasseur, Team Principal e General Manager, Scuderia Ferrari

Foto di: Ferrari

Frédéric Vasseur e la Ferrari si sono trovati a fare i conti con un altro fine settimana tutt'altro che buono a Silverstone, sede del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1.

Il quinto posto finale di Carlos Sainz e l'arrivo fuori dai punti di Charles Leclerc sono la perfetta fotografia di un momento di difficoltà di una squadra che, ormai da troppi anni, segue lo stesso tipo di canovaccio prestazionale. A buoni inizi fanno seguito prosegui tremendi, con gli aggiornamenti alle monoposto che stentano a funzionare nel modo sperato.

Vasseur, al termine della gara britannica, si è concesso ai microfoni di Sky Sport per commentare la gara, partendo immediatamente dalla spiegazione delle strategie così aggressive per la gara di Leclerc.

Vasseur, può spiegarci la strategia scelta per Leclerc? Le Intermedie sono state montate troppo presto...
"Dopo la gara è certamente più semplice fare le strategie. Noi abbiamo dato le stesse informazioni ai nostri piloti in quel momento, ma i nostri piloti erano in situazioni diverse. Carlos stava lottando con Verstappen e in quel frangente era anche più veloce di lui. Quindi stava copiando la gara di Max. Charles, il primo stint, l'aveva passato tutto dietro a Stroll ed era già 10 secondi più indietro. E questo spinge il team e Charles a prendere una decisione aggressiva. Nel giro in cui Charles è rientrato, Hamilton e Russell sono finiti fuori in curva 1, pensavamo potesse funzionare ma non è andata così".

Decisioni, dunque, frutto di circostanze?
"Abbiamo preso quel tipo di decisioni per le circostanze in cui ci siamo trovati, perché se da inizio weekend fossimo stati in posizioni migliori, in quelle di testa, certamente non avremmo preso decisioni così aggressive come invece abbiamo fatto".

Carlos Sainz, Ferrari SF-24

Carlos Sainz, Ferrari SF-24

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Oggi la gara è sembrata molto complessa. Vetture veloci sull'asciutto hanno faticato sul bagnato e vice versa...
"Oggi le condizioni e le difficoltà con le gomme sono state le stesse per tutti. Direi che era anche questione di quanta energia veniva messa nelle gomme nei primi giri. Carlos, nella prima parte di ogni stint, è stato conservativo e ha sempre avuto una seconda parte di stint buona. All'inizio era sempre più lenti di quelli di testa perché gestiva, poi è sempre stato un po' più veloce. Forse con Carlos saremmo dovuti rientrare un giro prima nell'ultimo pit stop. Ma nel complesso ha fatto un'ottima gara".

La situazione interna, con Cardile che sembra in procinto di lasciare Maranello, può essere un motivo di distrazione e disturbo?
"Il nostro problema non è che si sta parlando della posizione di Cardile o di Newey. Sono più le persone attorno al team che lo fanno. Noi non iniziamo mai i nostri debriefing parlando di questo, non è argomento di discussione per noi. Ma è altrettanto vero che gli ultimi 4 gran premi sono stati molto difficili per noi. In Canada abbiamo avuto problemi d'affidabilità, poi con l'introduzione del nuovo pacchetto in Spagna ci ha dato difficoltà. A Spielberg abbiamo fatto anche buone cose, ma eravamo in difficoltà. Qui è stata un po' la stessa cosa. Il potenziale non era così male se guardiamo la gara di oggi. Alla fine del primo stint, Carlos era a pochi decimi da Verstappen".

Dalla raccolta dati che avete fatto in questo fine settimana tra i pacchetti evolutivi, sapete già cosa userete in Ungheria?
"Decideremo più avanti quale specifica usare in Ungheria, ora non è un tema. Qui a Silverstone abbiamo avuto bouncing, ma oggi le cose sono andate meglio. Penso che potremo portare questi miglioramenti nel prossimo fine settimana".

Oggi Hamilton, uno dei due piloti Ferrari dal 2025, è tornato alla vittoria. Un buon segnale anche per voi...
"Sono contento per Lewis, ma sono concentrato su questa stagione. Abbiamo già abbastanza problemi e discussioni in questo momento. Lo accoglieremo più avanti. Ora dobbiamo ritrovare la stessa dinamica nella prima parte della stagione, perché siamo ancora secondi nel Mondiale e se riusciremo a tornare a punti con due macchine sono certo che la situazione potrà migliorare".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Sainz: "Le novità non funzionano, persi 2 mesi di sviluppo"
Prossimo Articolo F1 | Hamilton torna a colpire ancora ora che la Mercedes c'è

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia