Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
Formula 1 GP di Gran Bretagna

F1 | Haas: dopo aver battuto Ferrari nel veloce, il target è la top 10

Il sesto posto centrato da Nico Hulkenberg nelle qualifiche del GP di Gran Bretagna rappresenta una bella iniezione di fiducia per il team americano, che a Silverstone ha portato un pacchetto volto a migliorare le performance nelle curve veloci, dove è stata in grado di battere Ferrari. Per la gara l'obiettivo è centrare altri punti importanti.

Nico Hulkenberg, Haas VF-24

Nelle qualifiche del Gran Premio di Gran Bretagna non sono certo mancate le sorprese, a partire dalla prima fila targata Mercedes, brava a sfruttare gli errori e le sbavature dei rivali per conquistare una pole position cruciale per centrare un bel risultato in gara. Tuttavia, scorrendo le prime dieci posizioni ci sono altri nomi che meritano di essere citati per le performance mostrate sul giro secco, tra cui quelli di Nico Hulkenberg e Alex Albon.

Andando ad analizzare la performance della Haas, indubbiamente la sorpresa è vedere la VF-24 capace di battere la Ferrari, per quanto l’ultimo tentativo di Carlos Sainz in Q3 sia stato condizionato dal traffico nel giro di preparazione, così come dagli errori poi commessi dallo stesso pilota spagnolo in curva 4 e nella sequenza veloce.

Tuttavia, la performance della scuderia americana non deve totalmente sorprendere, perché dei segnali incoraggianti si erano visti già negli scorsi appuntamenti. A inizio anno, il limite più marcato della VF-24 erano sicuramente le prestazioni nelle curve veloci, dove mancava carico aerodinamico, mentre l’auto brillava nei tratti più lenti. Tuttavia, già con il pacchetto che aveva debuttato tra la Cina e gli Stati Uniti, gli ingegneri erano riusciti a compiere un salto di qualità in quell’area, seppur non fosse emerso in modo così marcato perché mascherato da una serie di tracciati con caratteristiche rivolte più verso curve a medio-bassa velocità, come Imola, Monaco e Canada.

Nico Hulkenberg, Haas VF-24

Nico Hulkenberg, Haas VF-24

Foto di: Sam Bagnall / Motorsport Images

Il weekend di Barcellona ha però mostrato come il passo in avanti compiuto dalla VF-24 nei tratti ad alta velocità fosse superiore alle aspettative: anche se poi non sono arrivati punti, Hulkenberg aveva infatti duellato con le Alpine sino alla bandiera a scacchi, dimostrando il salto di performance anche su piste che, in precedenza, Haas avrebbe temuto. Progressi poi confermati anche dall’ottima prestazione della scorsa settimana in Austria, con una doppia top ten che ha posto la Haas come squadra di riferimento del centro gruppo. Inoltre, lo pilota tedesco sul finale era stato anche in grado di resistere agli attacchi della Red Bull di Sergio Perez, che aveva però la vettura danneggiata su una fiancata, portando a casa un sesto posto preziosissimo in ottica classifica costruttori.

A Silverstone Haas si è presentata con un altro pacchetto di novità tecniche, il secondo della stagione, volto in particolare a migliorare le curve veloci, incrementando allo stesso tempo il carico complessivo. Legato a questo discorso, uno degli obiettivi era quello di migliorare la costanza del carico al retrotreno in fase di percorrenza, riducendo i fenomeni di scivolamento delle gomme posteriori, cosa che avrebbe quindi permesso anche di poter fare un passo in avanti anche sul piano della gestione gomma.

Il concepimento di questi aggiornamenti, infatti, era iniziato quando il team era ancora convinto che il problema principale della vettura fossero le prestazioni nelle curve veloce. Il pacchetto introdotto nella prima parte della stagione aveva però già garantito dei progressi in quell’area, tanto che le limitazioni hanno iniziato a spostarsi verso le curve a media velocità, come spiegato dai piloti qualche settimana fa.

Nico Hulkenberg, Haas VF-24

Nico Hulkenberg, Haas VF-24

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Alla fine, Hulkenberg è riuscito a centrare un bellissimo sesto posto, mentre Magnussen è uscito in Q1 dopo un errore dello stesso danese e una strategia errata da parte del box. “La Q1 è stata molto, molto combattuta. Credo che abbiamo sbagliato un po' i tempi e la bandiera rossa causata da Perez ha complicato la situazione. Poi ho avuto un solo giro a disposizione e siamo stati fortunati a passare”, ha detto il portacolori della Haas.

“La Q2 è stata buona. Il mio ultimo giro non è stato fantastico, credo che ci fosse qualcosa di più, ho preso un po' di sottosterzo alla curva 13 e sono andato un po' largo, ma è stato comunque un ottimo risultato e sono molto contento. Credo che gli aggiornamenti stiano funzionando e che tutti stiano spingendo al massimo e facendo un ottimo lavoro”, ha raccontato il tedesco.

Hulkenberg al venerdì aveva provato gli aggiornamenti solo al pomeriggio, dato che in FP1 il pacchetto nuovo era stato affidato all’esordiente Bearman, lasciando al tedesco il lavoro di comparazione tra le due specifiche. Quando nelle seconde libere sono però state montate le novità anche sulla sua vettura, le sensazioni sono state subito positive: “Penso che ieri, quando li abbiamo montati per la FP2, sia stato generalmente meglio, ho subito sorriso, e questo è un segnale sempre molto positivo. Quando si ha questa sensazione con gli aggiornamenti, credo che migliorerà anche il nostro ritmo di gara”.

Confronto telemetrico tra Hulkenberg e Sainz: si può notare la maggior efficacia della Haas nelle curve ad alta velocità

Confronto telemetrico tra Hulkenberg e Sainz: si può notare la maggior efficacia della Haas nelle curve ad alta velocità

Foto di: Gianluca D'Alessandro

“Le novità hanno subito dato sensazioni positive, hanno avuto davvero un effetto sulle performance, ho potuto sentire un miglioramento, quindi bisogna applaudire il team. Sento più fiducia nella vettura, il che mi permette di spingere durante il giro”.

Il tedesco è riuscito a posizionarsi anche davanti alle due Ferrari, battendo poi Sainz in Q3. Uno dei punti in cui si è vista una differenza prestazionale tra le due vetture risiede proprio nelle curve veloci, uno dei tratti carenti della Rossa, dove invece la Haas, soprattutto sul giro secco, ha saputo sfruttare le novità fino a garantirsi una bella terza fila. Tuttavia, se Hulkenberg non è nuovo a risultati di spicco sul giro secco, dall’altra parte lo stesso pilota della Haas dubita che sarà in grado di tenere alle spalle la Rossa in gara, puntando a battere le altre squadre del midfield per portare a casa punti chiave per il mondiale costruttori.

“Non credo che riusciremo a tenere dietro le Ferrari in gara, hanno un passo superiore, non vedo uno scenario in cui possiamo tenerli dietro. Penso che la nostra vera sfida sia con le Aston Martin, proveremo a batterle, ma credo che non ci dobbiamo nemmeno nascondere, credo che la nostra vettura sia competitiva. Dobbiamo lottare”.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | McLaren: scelto un assetto più carico per il rischio pioggia
Prossimo Articolo LIVE Formula 1 | Gran Premio di Gran Bretagna, Gara

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia