Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie

F1 | AlphaTauri: Faenza non si vende e il team si chiamerà Boss

Oliver Mintzlaff, responsabile dei programmi sportivi del Gruppo Red Bull, esclude la cessione dello junior team (c'era stata un'offerta da un miliardo di dollari) e anzi punta alla piena autonomia finanziaria della squadra romagnola: il manager austriaco ha chiuso un accordo di sponsorizzazione con Hugo Boss, l'azienda di abbigliamento in passato legata a McLaren e oggi sponsor di Aston Martin. Dal prossimo anno sarà title sponsor con un impegno finanziario di alto profilo.

Logo Hugo Boss sulla monoposto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Da quando in primavera Helmut Marko ha annunciato che l’AlphaTauri sarà iscritta alla prossima stagione con una differente denominazione, è scattata la caccia al nome dello sponsor che andrà a sostituire la casa d’abbigliamento e del gruppo austriaco.

Secondo informazioni emerse da più fonti nel corso del weekend di Spa, anche il nuovo sponsor dovrebbe essere una casa d’abbigliamento, un nome noto che vanta una lunga militanza in Formula 1. Si tratta di Hugo Boss, azienda in passato legata a McLaren e oggi sponsor di Aston Martin.

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT04

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT04

Photo by: Erik Junius

L’operazione con il team di Faenza è però di altra portata, perché da quanto si è appreso Boss è in trattative avanzate per diventare il title-sponsor della squadra, con una presenza e un impegno finanziario di alto profilo.

L’operazione si colloca nel progetto supportato dal nuovo responsabile dei programmi sportivi del Gruppo Red Bull, Oliver Mintzlaff, che mira a rendere finanziariamente indipendente la struttura di Faenza. Decadono quindi le voci di una possibile cessione della squadra, nonostante diverse proposte di acquisto giunte negli ultimi mesi che secondo rumors avrebbero superato il miliardo di dollari.

Dopo la ristrutturazione che ha portato l’ex direttore sportivo della Ferrari, Laurent Mekies, nel ruolo di team principal, e l'ex segretario generale della FIA, Peter Bayer, in quello di amministratore delegato, proseguono le manovre sul fronte finanziario. Se l’accordo con il gruppo Boss andrà a buon fine, la squadra di Faenza sarà denominata “Boss” o “Boss Orange”, ovvero le due linee di abbigliamento del gruppo.

L’operazione è stata varata dall’amministratore delegato Daniel Grieder, che ha assunto la carica al timone del gruppo Boss nel 2021 dopo una lunga esperienza presso Tommy Hilfiger, azienda per la quale si è occupato dei programmi di marketing ed in particolare del progetto Formula 1 che ha coinvolto Lewis Hamilton.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | La Ferrari prepara sviluppi: nuove pance della SF-23 a Monza
Prossimo Articolo F1 | Ocon: "Le novità funzionano, ma i rivali migliorano rapidamente"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia