Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

F1 | Colpo di scena Mercedes: Allison torna direttore tecnico!

L'anticipazione di Motorsport.com viene ora ufficializzata dalla squadra di Brackley: l’ex ferrarista torna a tempo pieno sull’evoluzione della W14 che arriverà dal GP dell’Emilia Romagna, mentre Mike Elliott erediterà il ruolo di CTO che era affidato a James, dopo aver proposto lui stesso l'avvicendamento. John Howen resta il capo del progetto, ma Giacomo Tortora diventa il responsabile dell'ufficio tecnico, in una struttura più funzionale ai vincoli dettati dal budget cap.

James Allison, Technical Director, Mercedes AMG

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Tanto tuonò che alla fine piovve. È proprio il caso di dirlo: la Mercedes ha ufficializzato un importante cambiamento nello staff tecnico nel team di Brackley. James Allison torna a occuparsi a tempo pieno di Formula 1 avendo riassunto il ruolo di direttore tecnico, mentre Mike Elliott eredita l’incarico di CTO che è stato lasciato libero dall’ex ferrarista.

Parlando della mossa, il team principal della Mercedes, Toto Wolff, ha dichiarato a Motorsport.com: “Questo è un processo  he è nato da Mike Elliott e abbiamo invertito i ruoli. Mike è passato a essere CTO, mentre James Allison è tornato alla posizione di direttore tecnico, e riporteràa a Mike".

Nel precedente ruolo di CTO, Allison era attivo solo tre giorni alla settimana, mentre Elliott sarà impegnato a tempo pieno. James, inoltre, manterrà un livello di coinvolgimento nel progetto dell'America's Cup a cui stava lavorando.

Mike Elliott, nominato CTO di Mercedes-AMG, lascia il ruolo di direttore tecnico

Mike Elliott, nominato CTO di Mercedes-AMG, lascia il ruolo di direttore tecnico

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

“Mike - prosegue Wolff - avrà il compito di orientare la costruzione della squadra verso le esigenze future che prevedono il coinvolgimento anche dell'intelligenza artificiale, per porre le basi a una struttura che possa avere successo per molti anni a venire".

Modifiche all'ufficio progettazione

L'avvicendamento fra Allison e Elliott non è il solo cambiamento nei piani Mercedes: per adeguare l'organizzazione alle esigenze del budget cap il capo progettista, John Owen, che era oberato da una tonnellata di mansioni extra, non ultima il controllo dei costi. Abbiamo deciso di dividere il ruolo: John rimane il capo progettista, ma abbiamo incaricato [il suo vice] Giacomo Tortora alla conduzione dell'ufficio tecnico. L'ex ferrarista è in forza a Brackley dal luglio 2020 e si è fatto apprezzare per le sue doti umane e tecniche.

"Significa che John può concentrarsi sulle specifiche del design dell'auto, e Giacomo si occupa dell'ufficio design e dello sviluppo organizzativo".

L’evoluzione della W14, che farà il suo debutto nel GP dell’Emilia Romagna a Imola, sarà una monoposto che avrà l’impronta di James Allison: Toto Wolff non ha avuto dubbi nel dare una sterzata a un gruppo di lavoro tecnico che si era incaponito con le pance “zero-pod”.

Evidentemente è in corso un riallineamento dei ruoli che non può essere considerato una rivoluzione, ma all'interno della squadra tanto il gesto di Elliott che quello di Allison, che aveva chiesto di fare un passo indietro, è stato molto apprezzato.

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W14

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W14

Photo by: Jake Grant / Motorsport Images

Vedremo una freccia nera decisamente più tradizionale nel tentativo di rimettersi in lotta per il titolo mondiale: lo stesso Allison dopo il GP d’Australia aveva ammesso che il pacchetto di aggiornamento sulla W14 non avrebbe riguardato soltanto l’aerodinamica, ma sono previsti degli interventi che riguardano anche la sospensione posteriore.

L’obiettivo è di deliberare una mappa aerodinamica che consenta alla Mercedes di correre con una minore altezza da terra rispetto a quello che la vettura di Brackley è riuscita a fare finora. Gli interventi saranno dei palliativi utili a migliorare un progetto che è nato, come la deludente W13 dello scorso anno, con una diversa distribuzione dei pesi che porta l’abitacolo del pilota a essere spostato troppo in avanti rispetto alla Red Bull RB19 che domina la scena.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Analisi: cosa raccontano i dati sul dominio della Red Bull
Prossimo Articolo Video F1 | Mercedes: cosa comporta il ritorno di Allison?

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia