Esteban Guerrieri e la Honda brillano in Gara 1 a Marrakech

condivisioni
commenti
Esteban Guerrieri e la Honda brillano in Gara 1 a Marrakech
Di:
06 apr 2019, 16:45

L'argentino si tiene dietro al via la Lynk & Co di Björk e festeggia il successo, con il suo compagno Girolami terzo. Vernay rovina la gara di Priaulx e viene penalizzato, sorridono Tarquini quarto e Monteiro sesto. Nono il grintoso Ceccon con l'Alfa Romeo, malissimo le Volkswagen.

Esteban Guerrieri centra una grande vittoria in Gara 1 del FIA WTCR a Marrakech, sfruttando nel migliore dei modi la pole position conquistata in qualifica e conducendo per tutti i 18 giri previsti senza cedere alle pressioni degli avversari.

Il pilota della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport al via non era stato irresistibile e Thed Björk lo ha affiancato all'esterno, ma sfruttando la traiettoria favorevole l'argentino ha mantenuto la sua Honda Civic Type R costruita dalla JAS Motorsport davanti alle Lynk & Co 03 dello svedese e di Andy Priaulx, che ha sua volta ha dovuto lottare parecchio con l'altra Honda della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport, quella di Néstor Girolami, che andando largo alla curva 3 ha lasciato la quarta piazza a Jean-Karl Vernay.

Il francese del Leopard Team WRT ha però commesso una sciocchezza al giro 5 toccando con la sua Audi RS 3 LMS nel posteriore Priaulx, facendo crollare l'inglese della Cyan Racing al sesto posto. L'episodio è stato analizzato dai commissari di gara, i quali hanno comminato 5" di penalità a Vernay retrocendendolo al settimo posto.

Intanto Guerrieri ha mantenuto nervi saldi e testa della classifica, tagliando il traguardo davanti a Björk e all'amico Girolami.

Quarto posto d'oro per il Campione in carica Gabriele Tarquini, alle prese con una Hyundai i30 N gravata di un Balance of Performance negativo, ma capace di tenere il passo del gruppetto di testa. Dietro al "Cinghiale" ci sono Priaulx e Tiago Monteiro con la Honda Civic Type R della KCMG, per la prima volta a punti dopo il rientro in gara dall'incidente del 2017.

Detto di Vernay settimo, bisogna ancora segnalare (sic) che il Circuit Moulay El Hassan è assolutamente inadeguato per le corse turismo, obbligando la categoria a noiosi trenini e ai piloti ad azzardare staccate fra i muretti del cittadino del Marocco. In questo senso non ha corso alcun rischio Yann Ehrlacher, ottavo con la terza Lynk & Co della Cyan Racing, così come suo zio Yvan Muller, che era stato costretto a partire dalla pit-lane per la sostituzione del motore e non ha voluto rovinare la macchina, terminando lontano dalla zona punti.

Chi ha mostrato le unghie e i denti è stato Kevin Ceccon, autore del nono posto con l'Alfa Romeo Giulietta Veloce del Team Mulsanne-Romeo Ferraris, grintoso ad infilare la Hyundai i30 N di Nicky Catsburg (BRC) al giro 9 e poi a battagliare anche con Mikel Azcona.

Carico anche il Campione del TCR Europe in carica, che ha però toccato nel retrotreno la Hyundai i30 N di Norbert Michelisz (BRC) allo stesso modo di Vernay, dunque anche per il ragazzo della PWR Racing è arrivata la sanzione di 5" che lo fa scivolare con la sua Cupra fuori dalla Top15, promuovendo Ceccon al nono posto davanti a Catsburg, Michelisz e a Rob Huff (Sébastien Loeb Racing), unica Volkswagen Golf GTI degna di nota.

Completano la zona punti le Audi RS 3 LMS di Frédéric Vervisch (Comtoyou Racing) e Gordon Shedden (Leopard Team WRT), rispettivamente 13° e 15° divisi dalla Hyundai i30 N di Augusto Farfus (BRC).

Gara da dimenticare per gli altri piloti della Sébastien Loeb Racing: Johan Kristoffersson sono finiti fuori per i vari contatti del primo giro che hanno danneggiato le rispettive Volkswagen Golf GTI.

K.O. anche le Cupra della Comtoyou Racing condotte da Tom Coronel ed Aurélien Panis, così come il loro compagno Niels Langeveld (Audi RS 3 LMS) e Daniel Haglöf (PWR Racing), mentre lo svedese manteneva la sua Cupra in Top10. Non ha visto la bandiera a scacchi nemmeno Ma Qing Hua, rientrato ai box del Team Mulsanne-Romeo Ferraris per alcuni guai ai freni accusati dalla sua Alfa Romeo Giulietta Veloce.

Pos # Pilota                                    Auto                 Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1 86 Argentina Esteban Guerrieri Honda 18 26'18.929     122.4   25
2 11 Sweden Thed Björk Lynk & Co 18 26'19.567 0.638 0.638 122.4   20
3 29 Argentina Néstor Girolami Honda 18 26'21.110 2.181 1.543 122.4   16
4 1 Italy Gabriele Tarquini Hyundai 18 26'21.894 2.965 0.784 122.3   13
5 111 Guernsey Andy Priaulx Lynk & Co 18 26'23.227 4.298 1.333 122.2   11
6 18 Portugal Tiago Monteiro Honda 18 26'23.902 4.973 0.675 122.5   10
7 69 France Jean-Karl Vernay Audi 18 26'24.734 5.805 0.832 122.6   9
8 68 France Yann Ehrlacher Lynk & Co 18 26'30.784 11.855 6.050 122.0   8
9 31 Italy Kevin Ceccon Alfa Romeo 18 26'31.978 13.049 1.194 122.2   7
10 88 Netherlands Nick Catsburg Hyundai 18 26'32.622 13.693 0.644 121.9   6
11 5 Hungary Norbert Michelisz Hyundai 18 26'33.836 14.907 1.214 122.0   5
12 12 United Kingdom Robert Peter Huff Volkswagen 18 26'34.368 15.439 0.532 121.9   4
13 22 Belgium Frédéric Vervisch Audi 18 26'34.789 15.860 0.421 122.3   3
14 8 Brazil Augusto Farfus Hyundai 18 26'35.182 16.253 0.393 122.3   2
15 52 United Kingdom Gordon Shedden Audi 18 26'35.865 16.936 0.683 122.2   1
16 96 Spain Mikel Azcona Seat 18 26'36.233 17.304 0.368 122.0    
17 33 Germany Benjamin Leuchter Volkswagen 18 26'39.617 20.688 3.384 121.8    
18 100 France Yvan Muller Lynk & Co 18 27'09.142 50.213 29.525 121.4    
19 9 Hungary Attila Tassi Honda 18 27'10.827 51.898 1.685 122.9    
20 37 Sweden Daniel Haglöf Seat 18 27'35.280 1'16.351 24.453 122.4    
  10 Netherlands Niels Langeveld Audi 13 20'04.198 5 Laps 5 Laps 121.7 Retirement  
  21 France Aurélien Panis Seat 10 15'47.870 8 Laps 3 Laps 121.4 Retirement  
  55 China Ma Qing Hua Alfa Romeo 8 12'15.129 10 Laps 2 Laps 122.1 Retirement  
  14 Sweden Johan Kristoffersson Volkswagen 2 3'13.106 16 Laps 6 Laps   Retirement  
  25 Morocco Mehdi Bennani Volkswagen 1 1'43.537 17 Laps 1 Lap   Retirement  
  50 Netherlands Tom Coronel Seat 1 2'09.199 17 Laps 25.662   Retirement  
Prossimo Articolo
Guerrieri vola a Marrakech e regala alla Honda la pole position per Gara 1

Articolo precedente

Guerrieri vola a Marrakech e regala alla Honda la pole position per Gara 1

Prossimo Articolo

Vervisch sorprende tutti a Marrakech e porta l'Audi in pole position per Gara 3

Vervisch sorprende tutti a Marrakech e porta l'Audi in pole position per Gara 3
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie