Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
Formula 1 GP di Gran Bretagna

F1 | Pirelli dà spazio alle gomme dure sui curvoni di Silverstone

Per concludere il trittico, dopo Spagna e Austria la F1 sbarca in Inghilterra, dove nel weekend si correrà a Silverstone. Quello britannico è uno dei tracciati più impegnativi del mondiale per le monoposto e per le gomme, dati i carichi generati nelle tante curve veloci: per questo Pirelli porterà ancora una volta le mescole più dure della gamma.

Pneumatici Pirelli

Pneumatici Pirelli

Foto di: Pirelli

Dopo Spagna e Austria, la Formula 1 arriva all’ultimo appuntamento di questo trittico che ha messo alla prova non solo le vetture, ma anche tecnici e membri delle varie squadre. Il Circus fa ritorno nella sua culla, il Regno Unito, più precisamente a Silverstone, dove iniziò la sua storia 74 anni fa.

L’appuntamento inglese, tra l’altro, rappresenta il giro di boa del mondiale, essendo la dodicesima delle ventiquattro tappe del campionato 2024. La stagione è stata naturalmente caratterizzata dai successi di Max Verstappen, ma nelle ultime gare la McLaren ha dimostrato di essere cresciuta, arrivando fino a lottare per aggiudicarsi delle vittorie.

Curiosamente, Silverstone arriva in un momento particolare, perché il tracciato britannico è il re delle curve veloci, ovvero proprio la tipologia di curve dove le due scuderie di vertice hanno un vantaggio competitivo. Il circuito è caratterizzato da 18 curve e, con i suoi 5.861 metri, è uno dei più lunghi di tutto il calendario iridato: lo superano solamente Spa-Francorchamps (7,004 km), Gedda (6,175 km), Las Vegas (6,120 km) e Baku (6,003 km).

Pneumatici Pirelli

Pneumatici Pirelli

Foto di: Pirelli

È una delle piste più affascinanti e impegnative, soprattutto per il pacchetto vettura-pneumatici. Alcune combinazioni di curve, come quella formata da Maggotts, Becketts e Chapel, si percorrono ad alta velocità e generano forze laterali sulle gomme e sui piloti superiori ai 5g, per cui non deve sorprendere se il feeling con la vettura è fondamentale per un pilota.

Proprio a causa degli elevati carichi generati sulle coperture in queste curve veloci, per Pirelli è ormai tradizione portare le mescole più dure della gamma, in modo che gli pneumatici possano supportare i valori di energia trasmessi. Anche quest’anno, quindi, la casa italiana ha scelto la C1 come P Zero hard, la C2 come P Zero medium e la C3 come P Zero soft. L’asse anteriore è il più sollecitato e la prevalenza di curve a destra rende l’anteriore sinistra la gomma più soggetta ad usura.

L’estate inglese è sempre caratterizzata da un’elevata variabilità delle condizioni meteorologiche ed è un fattore da tenere sempre in considerazione, anche perché i cambiamenti possono essere molto repentini. L’arrivo della pioggia è sempre dietro l’angolo e questo può cambiare in maniera radicale una sessione o anche lo svolgimento del Gran Premio, rimescolando le carte in tavola.

L’anno scorso la gara si svolse integralmente su pista asciutta, con la Soft come protagonista un po’ a sorpresa: soltanto due squadre non la utilizzarono. La mescola più sfruttata fu comunque la media, con cui fu completata la metà del chilometraggio complessivo. Nonostante gli elevati carichi, fu comunque possibile completare la corsa con una strategia a un singolo pit-stop, per quanto in passato spesso si siano privilegiate le due soste.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Sainz: “Ferrari al lavoro su correttivi già per Silverstone”
Prossimo Articolo F1 | Simulazione Megaride: a Silverstone si temono i carichi laterali

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia