Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Ultime notizie
Formula 1 GP di Miami

F1 | Liberty Media vuole 10 weekend con la Sprint nel 2024

Il nuovo format provato a Baku sembra aver convinto dal punto di vista dello spettacolo, inoltre gli organizzatori locali sono pronti a pagare un extra per ospitare la doppia gara. Resta da capire però come reagiranno squadre e piloti, perché dietro alla facciata non sarebbero tutti così contenti...

Charles Leclerc, Ferrari SF-23, Sergio Perez, Red Bull Racing RB19, George Russell, Mercedes F1 W14, Max Verstappen, Red Bull Racing RB19

Liberty Media va avanti per la sua strada. Anche se sarà impossibile ottenere il totale consenso di addetti ai lavori ed appassionati, il format della Sprint Race sembra aver convinto i detentori dei diritti commerciali della Formula 1 a puntare su questa tipologia di weekend.

Si parla già di 2024, e da informazioni raccolte nel paddock di Miami sembra che l’obiettivo sia quello di portare da 6 a 10 gli appuntamenti ‘Sprint’ nel prossimo calendario, con un format in linea con quello che ha esordito a Baku lo scorso fine settimana.

In attesa di poter disporre dei riscontri complessivi degli share televisivi (sarà analizzato a fine stagione), un dato certo è che gli organizzatori locali che hanno ottenuto il format ‘Sprint’ si sono impegnati a versare un extra in più rispetto a chi ospita il programma tradizionale. Nel 2024 ci sarà il ritorno del Gran Premio di Cina, che porterà a 24 le gare in calendario, e con l’aggiunta di 10 gare sprint, saranno 34 le gare previste nell’arco della stagione.

Charles Leclerc, Ferrari SF-23, Max Verstappen, Red Bull Racing RB19, Sergio Perez, Red Bull Racing RB19, Carlos Sainz, Ferrari SF-23

Charles Leclerc, Ferrari SF-23, Max Verstappen, Red Bull Racing RB19, Sergio Perez, Red Bull Racing RB19, Carlos Sainz, Ferrari SF-23

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Ora si tratterà di capire quali saranno le piste disposte a spendere un extra per avere il weekend con doppia qualifica e gara, ed in quale periodo dell’anno saranno concentrati. I vantaggi finanziari nel breve periodo sono garantiti, ma restano dei dubbi sull’effetto che potrà avere un aumento di gare di questa portata nel corso degli anni. Nel paddock quasi nessuno di esprime pubblicamente in modo negativo su questa prospettiva, ma a microfoni spenti qualche dubbio emerge.

“C’è il rischio di saturazione – ha commentato un addetto ai lavori – oggi non abbiamo strumenti per provarlo, ma ci sono altri sport che sono incappati in questo errore. La Formula 1 deve restare un evento, come lo è la Champions League nel calcio, e non come i campionati nazionali che ormai propongono partire quasi tutti i giorni togliendo un po' il gusto dell’esclusività”.

Dopo Baku la maggioranza dei piloti e diversi team principal si sono espressi favorevolmente sul nuovo format, lasciando al solo Verstappen il ruolo di voce fuori dal coro. Ma dietro la facciata la maggioranza dei ‘pro’ non è così schiacciante.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Ferrari: a Miami scatta l'operazione conferma
Prossimo Articolo F1 | Allarme Sainz: "Sta diventando di nuovo difficile stare in scia"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia