Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

F1 | General Motors valuta ingresso come motorista dal 2027

General Motors, partner del team Andretti nell'offerta presentata sul tavolo per convincere la FIA e la Formula 1 a supportare la propria richiesta d'ingresso nella categoria, sta valutando la possibilità di entrare nel campionato come produttore di Power Unit a partire dalla stagione 2027.

#2 Cadillac Racing Cadillac V-Series.R: Earl Bamber, Alex Lynn, Richard Westbrook

Al fine di ottenere maggior supporto e offrire elementi più appetibili per ottenere il lasciapassare per unirsi alla griglia di Formula 1 nel 2026, l'ex pilota di F1 della McLaren, Michael Andretti, ha stretto un'alleanza con il brand Cadillac del gruppo GM.

Ma, a differenza dell'agguerrita rivale americana Ford, che ha stretto un rapporto di collaborazione con Red Bull Powertrains prevalentemente di tipo commerciale, GM desidera una presenza tecnica più rilevante in F1. Infatti, Ford collaborerà prevalentemente sul lato elettrico delle Power Unit, cercando di fornire il proprio know-how, ma il motore termico, così la maggior parte dell'unità, verrà curato dagli ingegneri Red Bull. 

Il direttore esecutivo di GM Motorsport, Eric Warren, sostiene che questa collaborazione potrebbe tramutarsi in un progetto dalle fondamenta più solide, con la realizzazione di una propria Power Unit per il prossimo ciclo tecnico attualmente in fase di valutazione.

Parlando in esclusiva a Motorsport.com, Warren ha dichiarato: "GM è motivata a essere coinvolta nella vettura e nella progettazione, nell'intero processo. Non si tratta di un'etichetta bianca per un motore [un commento forse rivolto a Ford]. L'interazione tra Cadillac e Andretti riguarderà l'intero veicolo".

Se la forte candidatura presentata alla FIA da Andretti-Cadillac dovesse portare a una partecipazione per il 2026, con Hitech e Panthera Asia anch'esse interessate, la squadra americana dovrebbe però correre con un motore cliente nella sua prima stagione.

In seguito alla creazione di una partnership a lungo termine tra Andretti e Wayne Taylor Racing, la squadra ha ora solidi legami con Honda, uno dei motoristi che ha dato il proprio benestare al programma registrando il proprio interesse. Tuttavia, al momento Honda non ha ancora un cliente, anche se nelle ultime settimane si è ipotizzato un possibile approccio con Aston Martin. Ma senza un cliente certo a lungo termine, difficilmente la casa giapponese potrebbe investire una grande quantità di denaro senza avere le dovute rassicurazioni. Per questo, l'alternativa più concreata sarebbe quella di Renault, che comunque ha da sempre appoggiato la candidatura di Andretti proprio in via di una possibile partnership.

#10 Wayne Taylor Racing Acura ARX-06: Michael Andretti

#10 Wayne Taylor Racing Acura ARX-06: Michael Andretti

Foto di: Michael L. Levitt / Motorsport Images

Attualmente GM è solo in una fase di studio e la Power Unit, semmai fosse effettivamente realizzata, non vedrebbe la luce della pista prima della stagione 2027:  "Guardando oltre il 2026, il nostro punto di vista è che vogliamo gareggiare e assicurarci di essere competitivi, per poi valutare nel 2026 quale sia la soluzione più sensata".

"Potremmo, ovviamente [alla domanda se GM costruirà il proprio motore]. Non possiamo per regolamento, perché i costruttori di propulsori per il 2026 sono stati dichiarati, per cui dovremmo guardare al più presto al 2027".

"È una cosa che stiamo valutando. Stiamo valutando di aderire con un nostro progetto Power Unit. Andretti ha un partner per le Power Unit al momento".

Andretti Cadillac logo

Andretti Cadillac logo

Photo by: Andretti Autosport

Cadillac costruisce già il V8 aspirato da 5,5 litri per il suo prototipo LMDh attraverso il GM Performance and Racing Center di Pontiac, nel Michigan.

"Penso che sia difficile per un costruttore dire che un motore è al 100% di produzione propria. Hanno sempre dei partner tecnici con cui lavorare. Ma credo che le nostre capacità siano sostanziali", ha spiegato Warren quando gli è stato chiesto se Cadillac avesse le risorse per costruire internamente una Power Unit.

"Penso che potremmo farlo, ma se decideremo di farlo e con quali elementi, è ancora da stabilire".

Tuttavia, è ben chiaro che nel caso General Motors volesse effettivamente prendere parte al mondiale come un vero costruttore, e non un semplice nome su un motore rimarchiato, allora la fase dello studio non potrà andare avanti a lungo. I principali costruttori hanno già avviato i lavori, con l'intenzione di far girare le prime unità al banco entro la fine del 2023.

 

Leggi anche:

 

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | GP di Miami: accorciate 2 zone DRS su 3
Prossimo Articolo F1 | Ferrari: a Miami scatta l'operazione conferma

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia