Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Ultime notizie
Formula 1 GP di Spagna

F1 | Vasseur: "C'è il potenziale per lottare con le Mercedes"

Frédéric Vasseur, team principal della Ferrari, parla in maniera positiva delle novità introdotte sulla SF-23 a Barcellona. "Le novità ci permetteranno di lottare con Mercedes, ma serve costanza".

Carlos Sainz, Ferrari SF-23, Charles Leclerc, Ferrari SF-23

Un doppio podio contro un quinto posto e un arrivo fuori dai punti. Visto in questi termini, ovvero dai risultati del Gran Premio di Spagna 2023 di Formula 1, non si direbbe affatto che Ferrari possa ambire a lottare con la Mercedes per giocarsi il secondo posto nel Mondiale Costruttori. Eppure il team principal della Ferrari, Frédéric Vasseur, pensa sia possibile.

Nel corso degli ultimi 2 eventi di Formula 1, sia il team di Brackley che quello di Maranello hanno fatto debuttare un pacchetto di novità molto consistente per trovare prestazioni dopo un avvio di Mondiale a dir poco deludente, disastroso.

Mercedes, dopo aver provato le novità a Monaco, ha subito tratto beneficio dalle nuove componenti con il secondo posto di Lewis Hamilton e il terzo di George Russell. Una risposta immediata che ha portato i vertici della squadra tedesca a pensare di essere sulla strada giusta dello sviluppo per il 2023 e di avere una buona base per l'anno prossimo.

La Ferrari, in quanto a risultati, non può essere soddisfatta. Eppure Vasseur guarda al bicchiere mezzo pieno della situazione, affermando che in termini di potenziale la SF-23 ora abbia quel qualcosa in più per poter ambire a risultati migliori. Per ora, però, si parla solo di potenziale, perché se il team non riuscirà a rendere la macchina più costante, le convinzioni si dissolverebbero al primo soffio flebile di vento.

"Con gli aggiornamenti abbiamo fatto un passo avanti in termini di potenziale. Il riferimento è Miami. Almeno in qualifica a Barcellona siamo riusciti a mettere Carlos in prima fila. Ed è probabilmente un passo avanti. In gara possiamo dire di aver fatto un passo avanti rispetto alle Aston Martin, ma non è sufficiente".

"Abbiamo ancora un enorme divario in termini di prestazioni con la Mercedes, dalla qualifica alla gara. E' lì che dobbiamo concentrare tutta l'attenzione dell'azienda e se vogliamo tornare a fare delle buone gare la domenica in modo da siglare buoni bottini di punti".

Frederic Vasseur, Team Principal e Direttore Generale, Scuderia Ferrari

Frederic Vasseur, Team Principal e Direttore Generale, Scuderia Ferrari

Photo by: Ferrari

Vasseur ritiene che la Ferrari sarà in grado di sfidare la Mercedes quando avrà risolto i suoi problemi: "Penso che non appena riusciremo a sbloccare la situazione con costanza potremo immaginare di lottare con le Mercedes per tutta la gara".

"Con la Red Bull, invece, è un'altra storia. Soprattutto con Max. E' ancora molto più veloce di noi sia in qualifica che in gara".

"Mercedes non sta dormendo affatto. Tra Miami e Barcellona hanno portato un grande aggiornamento. Questo significa che sono svegli. Ma quello che possiamo vedere da parte nostra è che ciò che abbiamo portato in Spagna ha dato i suoi frutti in termini di prestazioni pure. Se facciamo un confronto tra Miami, prima dell'aggiornamento Mercedes, e la situazione attuale, credo che abbiamo fatto un passo avanti in termini di prestazioni. E lo ha fatto anche Mercedes".

"Probabilmente siamo un po' più veloci in qualifica, ma troppo incostanti in gara. Se guardiamo ancora a Miami, credo che il primo stint di gara di Sainz sia stato buono. E il secondo stint molto scarso. E' davvero difficile prevedere da una pista all'altra dove saremo performanti o meno".

"Stiamo iniziando ad avere un quadro migliore della vettura e sappiamo dove siamo performanti. Penso che non sia una questione legata al layout della pista o all'asfalto. Miami era completamente diversa, almeno per quanto riguarda l'asfalto, e avevamo esattamente lo stesso quadro tra le qualifiche e la gara".

"Miami era una pista completamente diversa, almeno per quanto riguarda l'asfalto, e avevamo esattamente la stessa situazione tra le qualifiche e la gara. Mercedes è un buon riferimento perché a Monaco ha introdotto un grande pacchetto di novità e il delta è quasi lo stesso. Significa che ciò che ha pagato per noi in termini di prestazioni c'è. Penso che abbiamo fatto un passo avanti, ma manca ancora la costanza".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Horner: “Titolo più distante, ora Perez avrà meno pressione”
Prossimo Articolo F1 | Pirelli svela le mescole per i GP di Canada, Austria e UK

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia