Test MotoGP Misano: Aprilia comanda con Espargaro nel Day 2

Il pilota dell'Aprilia si è migliorato ulteriormente nella sessione pomeridiana, confermandosi in vetta alla classifica davanti ad un Pecco Bagnaia accreditato di un passo davvero notevole. Terzo c'è Mir, che fa progressi con il nuovo telaio ed il motore 2022 della Suzuki. Oggi sulla Honda 2022 c'era Espargaro, sesto, mentre Marquez è decimo. Quartararo prova ancora la M1 2022 ed è settimo, mentre le altre Yamaha sono tutte indietro. Debutto produttivo sulla KTM per i due rookie Fernandez e Gardner.

Test MotoGP Misano: Aprilia comanda con Espargaro nel Day 2

Aleix Espargaro e l'Aprilia hanno chiuso davanti a tutti la seconda giornata dei test collettivi di MotoGP sul tracciato di Misano. Il pilota di Granollers era stato il più rapido anche stamani, ma nel turno pomeridiano è riuscito a ritoccare ulteriormente la propra prestazione di pochi millesimi, scendendo a 1'31"584.

Una giornata positiva per la Casa di Noale, alle prese con prove di aerodinamica ma anche di alcune componenti in ottica 2022, che ha visto fare un passo avanti anche a Maverick Vinales. Lo spagnolo non si è migliorato nel pomeriggio e non è riuscito a scendere sotto all'1'32" per una questione di millesimi, ma comunque si è piazzato all'interno della top 10 con l'ottavo tempo.

Alle spalle di Espargaro si è confermato in un grande momento di forma il vincitore delle ultime gare, Pecco Bagnaia. Il pilota della Ducati, che ieri ha provato una nuova veste aerodinamica, ha concluso la sua giornata al termine della sessione mattutina, molto soddisfatto per il passo che era stato in grado di tenere con le gomme medie, girando con regolarità sotto all'1'32".

In terza posizione troviamo la Suzuki del campione del mondo in carica Joan Mir, finalmente soddisfatto per gli aggiornamenti portati dalla Casa di Hamamatsu. Non solo il nuovo motore per il 2022 sembra aver dato qualche cavallo in più, ma oggi ha portato al debutto un nuovo telaio con inserti in carbonio che pensa potrà rivelarsi una risorsa preziosa già nelle ultime gare del 2021. Più attardato invece il suo compagno Alex Rins, che si è dovuto accontentare del 15esimo tempo.

Quarto tempo per la prima della Honda, quella del giapponese Takaaki Nakagami, che nel pomeriggio è riuscito a limare leggermente il suo crono, scendendo a 1'31"735, giusto qualche millesimo più veloce dell'altra Ducati di Jack Miller, che rispetto a Bagnaia sembra aver apprezzato di più la nuova aerodinamica provata sul tracciato romagnolo, ma si è detto convinto di aver provato anche piccole cose che serviranno per il proseguimento della stagione.

Leggi anche:

Sesta posizione per Pol Espargaro, nel pomeriggio rimasto fermo lungo il tracciato per un problema tecnico. Sarà interessante sentire i feedback del pilota spagnolo, visto oggi è toccato a lui portare in pista il primo prototipo della RC213V 2022 che ieri aveva esordito con il collaudatore Stefan Bradl e con Marc Marquez, oggi decimo a poco più di mezzo secondo, ma anche lui nella schiera dei pochi piloti che sono riusciti a migliorarsi nel pomeriggio.

Solo settima la prima delle Yamaha, che è quella del leader iridato Fabio Quartararo: il francese ha provato nuovamente la M1 2022, rivelando di aver notato un passetto avanti a livello di motore, ma poi si è dato da fare soprattutto con la moto di quest'anno, lavorando sul setting. Le altre M1 sono tutte piuttosto attardate, con il terzetto composto da Franco Morbidelli, Andrea Dovizioso e Valentino Rossi che occupa le posizioni comprese tra la 17esima e la 19esima.

Il nuovo pilota ufficiale della Casa di Iwata, ancora alle prese con il recupero dall'operazione al ginocchio, è anche incappato in due scivolate nel corso della mattinata. Il forlivese ha raggiunto il suo obiettivo di mantenere almeno il passo del gruppo, ma è sempre più convinto che gli servirà parecchio tempo per adattarsi allo stile di guida richiesto dalla M1. Il "Dottore" invece spera di aver trovato qualche soluzione di setting che si possa rivelare utile per salutare la MotoGP con qualche prestazione più all'altezza del suo nome.

In casa KTM il più veloce è stato Miguel Oliveira, nono, che crede di aver almeno in parte posto rimedio ai problemi accusati nelle ultime uscite, portando anche al debutto un nuovo pacchetto aerodinamico per la RC16. Per quanto riguarda la Casa austriaca, però, gli occhi erano puntati soprattutto sul box del team Tech3, nel quale hanno fatto il loro esordio in MotoGP Raul Fernandez e Remy Gardner, ovvero i due contendenti al titolo della Moto2 che saranno i futuri piloti della compagine transalpina.

Leggi anche:

Lo spagnolo è riuscito a scendere sotto al muro dell'1'34", risultando circa sei decimi più veloce rispetto al figlio d'arte australiano, che in mattinata è incappato anche in una scivolata. A terra c'è finito anche Enea Bastianini, che anche oggi è riuscito a completare solo una decina di giri dopo la seconda caduta di questa due giorni. Un peccato, visto che la Ducati gli aveva messo a disposizione un cambio più evoluto. Se l'è cavata bene invece il suo compagno di squadra Luca Marini, che in questi due giorni sembra aver fatto un passo avanti deciso, chiudendo con l'11esimo tempo odierno.

Da segnalare, infine, l'assenza in pista di Johann Zarco, volato in Francia per sottoporsi ad un intervento chirurgico volto a risolvere un problema di sindrome compartimentale. Il francese è stato sostituito sulla Ducati del Pramac Racing dal collaudatore Michele Pirro, che ha chiuso con il 14esimo tempo.

I tempi della sessione pomeridiana

Pos Pilota Moto Tempo Gap Giri
1 Aleix Espargaro Aprilia 1:31.584   37
2 Takaaki Nakagami Honda 1:31.735 0.151 23
3 Joan Mir Suzuki 1:31.873 0.289 33
4 Fabio Quartararo Yamaha 1:31.974 0.390 33
5 Maverick Vinales Aprilia 1:32.035 0.451 52
6 Pol Espargaro Honda 1:32.105 0.521 37
7 Marc Marquez Honda 1:32.151 0.567 36
8 Jack Miller Ducati 1:32.166 0.582 26
9 Luca Marini Ducati 1:32.201 0.617 28
10 Brad Binder KTM 1:32.202 0.618 44
11 Alex Marquez Honda 1:32.259 0.675 44
12 Michele Pirro Ducati 1:32.331 0.747 29
13 Alex Rins Suzuki 1:32.352 0.768 32
14 Jorge Martin Ducati 1:32.624 1.040 12
15 Miguel Oliveira KTM 1:32.898 1.314 24
16 Dani Pedrosa KTM 1:32.959 1.375 31
17 Franco Morbidelli Yamaha 1:32.978 1.394 28
18 Andrea Dovizioso Yamaha 1:33.027 1.443 32
19 Valentino Rossi Yamaha 1:33.656 2.072 12
20 Lorenzo Savadori Aprilia 1:34.043 2.459 38
21 Raul Fernandez KTM 1:34.360 2.776 17
22 Remy Gardner KTM 1:35.086 3.502 14

I tempi della sessione mattutina

Pos Pilota Moto Tempo Gap Giri
1 Aleix Espargaro Aprilia 1:31.599   45
2 Francesco Bagnaia Ducati 1:31.664 0.065 39
3 Joan Mir Suzuki 1:31.707 0.108 35
4 Jack Miller Ducati 1:31.798 0.199 55
5 Takaaki Nakagami Honda 1:31.887 0.288 44
6 Pol Espargaro Honda 1:31.926 0.327 52
7 Fabio Quartararo Yamaha 1:31.959 0.360 44
8 Maverick Vinales Aprilia 1:32.002 0.403 57
9 Miguel Oliveira KTM 1:32.136 0.537 47
10 Luca Marini Ducati 1:32.156 0.557 34
11 Brad Binder KTM 1:32.175 0.576 39
12 Marc Marquez Honda 1:32.246 0.647 33
13 Alex Marquez Honda 1:32.278 0.679 46
14 Alex Rins Suzuki 1:32.371 0.772 45
15 Jorge Martin Ducati 1:32.412 0.813 22
16 Michele Pirro Ducati 1:32.491 0.892 32
17 Franco Morbidelli Yamaha 1:32.635 1.036 10
18 Andrea Dovizioso Yamaha 1:32.830 1.231 47
19 Valentino Rossi Yamaha 1:32.842 1.243 30
20 Enea Bastianini Ducati 1:32.975 1.376 10
21 Dani Pedrosa KTM 1:33.373 1.774 22
22 Raul Fernandez KTM 1:33.988 2.389 34
23 Sylvain Guintoli Suzuki 1:34.141 2.542 33
24 Lorenzo Savadori Aprilia 1:34.367 2.768 22
25 Remy Gardner KTM 1:34.641 3.042 33
condivisioni
commenti
Rossi: "Test futuri? Soltanto se mi mancherà la MotoGP"

Articolo precedente

Rossi: "Test futuri? Soltanto se mi mancherà la MotoGP"

Prossimo Articolo

Morbidelli: "Ho cercato di migliorare il feeling con la M1"

Morbidelli: "Ho cercato di migliorare il feeling con la M1"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021