Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Intervista
Formula 1 GP di Las Vegas

F1 | Vasseur: “Leclerc eccezionale. Vicini a battere la Red Bull”

Il Team Principal della Ferrari ha applaudito l'ottima prestazione di Charles Leclerc durante il Gran Premio di Las Vegas, in cui ha dovuto desistere alla Red Bull di Max Verstappen solo a una decina di giri dalla bandiera a scacchi. Secondo Vasseur, senza la Safety Car gli scenari avrebbero potuto essere differenti, perché la vettura di sicurezza è entrata nel momento peggiore. Positiva anche la rimonta di Carlos Sainz dopo un contatto a inizio gara: contando anche la sesta posizione dello spagnolo, il Cavallino ha recuperato punti importanti sulla Mercedes, riducendo il distacco a sole quattro lunghezze.

Frederic Vasseur, Team Principal e Direttore Generale, Scuderia Ferrari

Ferrari torna da Las Vegas con un secondo posto e ben più di qualche rammarico per una corsa che avrebbe potuto regalare qualche soddisfazione in più senza una Safety Car uscita nel peggior momento possibile. Ne è convinto anche il Team Principal del Cavallino, Frederic Vasseur, il quale ha però voluto sottolineare il grande lavoro della squadra e dei propri piloti in un weekend in cui la SF-23 si è confermata particolarmente veloce e competitiva, sfruttando le caratteristiche favorevoli di una pista ben adatta a esaltare certi punti di forza della monoposto.

A ciò si è aggiunto l’elemento Leclerc, autore di una gara definita “eccezionale” su un tracciato cittadino su cui si è subito trovato a suo agio, come spesso accade su quelle piste dove bisogna trovare il limite sfiorando i muretti. Seppur alla fine vi sia una comprensibile delusione per non aver centrato la vittoria, dato che il monegasco è rimasto in testa per diversi giri, dall’altra parte vi è la consapevolezza che in questa occasione la Rossa è stata in grado di lottare con la Red Bull per quasi tutta la gara.

Senza l’ingresso della vettura di sicurezza poche tornate dopo la sosta del monegasco, che nel frattempo aveva già iniziato a portare in temperatura gli pneumatici duri, la seconda metà di gara avrebbe assunto scenari differenti. Innanzitutto Leclerc avrebbe avuto gomme più fresche rispetto ai rivali, potendo inoltre contare su un gap più ampio nei confronti di Max Verstappen, il quale stava tentando di rimontare dopo la prima sosta anticipata, in cui per altro aveva dovuto scontare la penalità di 5 secondi per aver accompagnato fuori pista proprio il Ferrarista nel primo giro.

Charles Leclerc, Scuderia Ferrari, 2a posizione

Photo by: Sam Bloxham / Motorsport Images

Charles Leclerc, Scuderia Ferrari, 2a posizione

“[Leclerc] Ha fatto una gara eccezionale, ha superato per tre volte una Red Bull, non capita molto spesso di poterlo fare. Abbiamo concluso al secondo posto, il nostro obiettivo era il primo. Ma nel complesso penso che la nostra prestazione sia stata grandiosa. Anche Carlos che ha rimontato fino al sesto posto dopo che era scivolato in diciottesima posizione alla prima curva. È stata una bella prestazione, non abbiamo avuto fortuna con le tempistiche della Safety Car, ma è andata così. Ora concentriamoci sulla prossima gara, siamo soltanto a quattro punti dalla Mercedes”, ha raccontato il Team Principal del Cavallino ai microfoni di Sky Sport, rimarcando anche la rimonta portata a termine da Sainz.

Lo spagnolo, dopo essere partito dodicesimo in seguito a una penalità per la sostituzione della batteria, è stato suo malgrado autore di un contatto nel corso del primo giro che lo ha spedito in fondo al gruppo. Giro dopo giro, nonostante i problemi di surriscaldamento della Power Unit in alcune fasi critiche della corsa quando si trovava nel traffico, il madrileno è poi riuscito a rimontare fino a conquistare un bel sesto posto finale. Grazie a questo risultato, anche il distacco in classifica costruttori dalla Mercedes si è ridotto, scendendo a soli quattro punti alla vigilia dell’ultimo appuntamento della stagione.

Rispetto a Singapore, oggi è mancata la vittoria, ma Vasseur ha sottolineato come vi siano altre differenze. A Marina Bay la Red Bull aveva patito dei problemi piuttosto specifici che l’avevano estromessa dalla lotta per la vittoria dopo una qualifica deludente, mentre a Las Vegas la squadra di Milton Keynes si è dimostrata veloce e competitiva, rendendo la sfida più “viva”: “Quella di Singapore è stata una grande gara per noi, ma è anche vero che la Red Bull era lontana, aveva sbagliato qualcosa. Invece oggi c’era e abbiamo lottato con loro fino all’ultima curva con Charles”.

Carlos Sainz, Ferrari SF-23

Photo by: Erik Junius

Carlos Sainz, Ferrari SF-23

“No, non eravamo distanti dal batterlo [Verstappen], ma anche oggi erano un pochino troppo avanti per noi. Hanno vinto sicuramente, però non eravamo lontani dal batterlo. Se la Safety Car fosse arrivata un giro o due prima, sarebbe stato diverso per noi. Probabilmente il peggior scenario possibile per noi era la Safety Car, perché è capitata proprio quando Charles aveva portato le gomme in temperatura. Però siamo in un buon momento a livello di team e di piloti, Charles e Carlos stanno facendo un lavoro fantastico, sono sicuro che potremo riprendere la Mercedes ad Abu Dhabi”.

Infine, il Team Principal ha elogiato anche l’azione in pista del Gran Premio di Las Vegas, che ha regalato molti sorpassi favoriti dal layout ricco di rettilinei e dall’efficacia del DRS: “Quando sei al muretto è sempre un po’ diverso, non vedi il quadro globale della gara, ma penso sia stata eccezionale. Lo spettacolo è stato bello, ma anche la gara è stata buona, ci sono stati tanti sorpassi, il leader è cambiato molte volte. Penso sia stata una delle gare migliori della stagione. Dobbiamo mantenere questo elemento come standard”.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Verstappen: "Bella gara, ho fatto molti sorpassi per vincere"
Prossimo Articolo F1 | Red Bull: ecco perché Perez ha subito il sorpasso di Leclerc

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia