Doppietta Mercedes in Australia, ma a vincere è Bottas. Ferrari inesistente!

condivisioni
commenti
Doppietta Mercedes in Australia, ma a vincere è Bottas. Ferrari inesistente!
Di:
17 mar 2019, 06:59

Valtteri Bottas conquista la quarta vittoria in carriera con una partenza perfetta che costringe Hamilton al secondo posto. Lewis si deve difendere da Verstappen terzo, mentre la Ferrari soffre fuori dal podio con Vettel e Leclerc

Valtteri Bottas ha sfruttato l'esitazione di Lewis Hamilton che ha fatto patinare le gomme dalla pole e alla prima curva è andato in testa al GP d'Australia: il finlandese da quel momento si è sentito libero di andare all'attacco conquistando la quarta vittoria in carriera e la testa nel mondiale.

La Mercedes piazza una doppietta nella gara di apertura del mondiale, ma la sorpresa è che a vincere è stato Valtteri, poco disposto a far da "scudiero" ad Hamilton che si è trovato nell'insolito ruolo di vassallo. E' bastata un'esitazione del cinque volte campione del mondo per aprire la porta ad una vittoria indiscutibile di Bottas che si candida come sfidante per il mondiale dell'inglese.

Il finlandese ha disputato una gara da campione dettando il passo con continui giri più veloci quasi a voler dimostrare che la W10 si adatta perfettamente al suo stile di guida: Valtteri non si è accontentato e si è preso anche il punto aggiuntivo concesso quest'anno dal giro più veloce senza dover ricorrere al pit stop aggiuntivo sebbene avesse un margine per concedersi la fermata in più per montare gomme fresche, ma il nordico ha sparato un 1'25"580 al 57esimo giro.

Quella di Lewis Hamilton è una sconfitta grave se deve cominciare a guardare nel compagno di squadra come al principale rivale per il titolo, diversamente l'Australia ha mostrato che la Mercedes può guardare al futuro con un certo ottimismo, visto che gli altri sfidanti sono stati piuttosto lontani, ma Valtteri sembra aver indossato la maschera di Nico Rosberg che Lewis lo aveva battuto nel 2017...

Hamilton potrebbe recriminare per essere stato chiamato al pit stop troppo presto per marcare la tattica della Ferrari, ma la squadra di Brackley ha giustamente differenziato la strategia fra i due piloti.

Leggi anche:

Max Verstappen ci ha provato a dare fastidio a Hamilton ma la Red Bull con il motore Honda non ha ancora il passo per mettere in crisi le frecce d'argento, ma l'olandese ha regalato un podio ai giapponesi della Honda, dimostrando che la RB15 è una buona macchina. Verstappen ha fatto un lungo al 49esimo giro, ma lo stesso Max ha ammesso che non ne aveva di più per mettere in crisi il penta-campione.

Melbourne pone la Red Bull come sfidante della Mercedes, perché all'Albert Park è mancata la Ferrari che sta giù dal podio con il quarto posto di Sebastian Vettel e il quinto di Charles Leclerc. Il monegasco si è accodato al tedesco sebbene avesse un passo decisamente superiore, rispettando le gerarchie della squadra.

Vettel non ha mai avuto il passo per lottare per il podio e ha dovuto subire un sorpasso all'esterno da parte di Verstappen decisamente più veloce.

La SF90 del tedesco ha via via perso prestazione e velocità massima, rivelando un calo di potenza alla sua power unit, sebbene Vettel abbia incolpato solo le gomme: un bel problema se si considera che si è alla prima gara. Eppure si è avuta la sensazione che le noie riguardassero il turbo, lo stesso componente che aveva fatto i capricci nei test di Barcellona. Il distacco di quasi un minuto da Bottas non è reale, ma deve far riflettere gli uomini del Cavallino...

La Ferrari esce ridimensionata dall'Australia, una pista anomala per la Rossa. A Maranello devono voltare pagina e guardare che il mondiale inizi dal prossimo appuntamento in Bahrain. Charles Leclerc ha avuto un buon debutto: al via poteva attaccare Vettel, ma ha preferito accodarsi al compagno, restituendo a Verstappen la posizione che aveva guadagnato con un buon avvio. Poi ha fatto un dritto che gli è costato tre secondi e, forse, il quarto posto davanti a Sebastian, ma il ragazzo del Cavallino ha dimostrato di essere affidabile per essere in un top team. Promosso...

 

Dietro ai top team è sbucato Kevin Magnussen che porta la Haas al sesto posto: il team americano festeggia punti importanti, ma si deve disperare per il ritiro di Romain Grosjean: il francese ha accostato la sua VF-19 con l'anteriore sinistra non serrata al pit stop. Proprio come l'anno scorso. Incredibile ma vero!

Magnussen è anche l'ultimo pilota che ha concluso il GP a pieni giri a testimonianza di quanto sia già selettivo questo mondiale. Kevin con le sue ruvidezza nelle prime fasi ha tenuto a bada Nico Hulkenberg con la Renault: la Casa francese è in ritardo e ha puntato a punti importanti con un settimo posto che fotografa il livello attuale del team di Enstone. Non è mai stato in gara Daniel Ricciardo che ha rotto l'ala con un passaggio sull'erba già alla partenza: l'australiano è stato bravo a controllare la R.S.19 dato che l'ala anteriore gli era finita sotto alle ruote anteriori! I detriti sono poi finiti contro la Williams di Kubica che anche lui ci ha rimesso il musetto.

Buona la gara di Kimi Raikkonen con l'Alfa Romeo: Kimi porta a casa un'ottavo posto, ma Iceman poteva ambire a qualcosa di più se non fosse stato il primo ad aprire i pit stop al 12esimo giro, troppo presto, per finire poi nel traffico, ma ha fatto certamente meglio di Antonio Giovinazzi che non ha entusiasmato al debutto con la squadra di Hinwil alle prese con muso e fondo danneggiati già nel primo giro.

Lance Stroll conquista due punti con la Racing Point davanti a Daniil Kvyat che ha chiuso la top 10 con la Toro Rosso: il russo ha tenuto dietro Pierre Gasly che è rimasto fuori dalla zona punti con la Red Bull.

Lando Norris ha chiuso il primo GP al 12esimo posto: l'inglesino ha dimostrato che l'ottava piazza in qualifica l'ha conquistata lui, mentre la McLaren non ha ancora fatto il salto che ci si aspettava. Carlos Sainz, partito molto indietro non è mai entrato in scena, dovendo fare i conti con una perdita di potenza del motore Renault.

Infine la Williams: le FW42 sono delle chicane mobili. Poveri George Russell e Robert Kubica che meriterebbero altro...

Cla   # Pilota Chassis Motore Giri Tempo Gap Distacco km/h Pits Ritirato Punti
1   77 Finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 58 -       1   26
2   44 United Kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 58 20.886 20.886 20.886   1   18
3   33 Netherlands Max Verstappen  Red Bull Honda 58 22.520 22.520 1.634   1   15
4   5 Germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 58 57.109 57.109 34.589   1   12
5   16 Monaco Charles Leclerc  Ferrari Ferrari 58 58.230 58.230 1.121   1   10
6   20 Denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 58 1'27.156 1'27.156 28.926   1   8
7   27 Germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 57 1 lap 1 Lap 1 Lap   1   6
8   7 Finland Kimi Raikkonen  Alfa Romeo Ferrari 57 1 lap 1 Lap 0.000   1   4
9   18 Canada Lance Stroll  Racing Point Mercedes 57 1 lap 1 Lap 0.000   1   2
10   26 Russian Federation Daniil Kvyat  Toro Rosso Honda 57 1 lap 1 Lap 0.000   1   1
11   10 France Pierre Gasly  Red Bull Honda 57 1 lap 1 Lap 0.000   1    
12   4 United Kingdom Lando Norris  McLaren Renault 57 1 lap 1 Lap 0.000   1    
13   11 Mexico Sergio Perez  Racing Point Mercedes 57 1 lap 1 Lap 0.000   1    
14   23 Thailand Alexander Albon  Toro Rosso Honda 57 1 lap 1 Lap 0.000   1    
15   99 Italy Antonio Giovinazzi  Alfa Romeo Ferrari 57 1 lap 1 Lap 0.000   1    
16   63 United Kingdom George Russell  Williams Mercedes 56 2 laps 2 Laps 1 Lap   2    
17   88 Poland Robert Kubica  Williams Mercedes 55 3 laps 3 Laps 1 Lap   3    
  dnf 8 France Romain Grosjean  Haas Ferrari 29         1 Retirement  
  dnf 3 Australia Daniel Ricciardo  Renault Renault 28         2 Retirement  
  dnf 55 Spain Carlos Sainz Jr.  McLaren Renault 9           Retirement
Prossimo Articolo
LIVE F1, GP d'Australia: Gara

Articolo precedente

LIVE F1, GP d'Australia: Gara

Prossimo Articolo

Vettel: "Alla fine ero lento per le gomme, ma oggi non potevamo fare di più"

Vettel: "Alla fine ero lento per le gomme, ma oggi non potevamo fare di più"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Australia
Sotto-evento Gara
Location Melbourne Grand Prix Circuit
Autore Franco Nugnes