Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
MotoGP Test ufficiali al Mugello

MotoGP | Honda non ha ancora una "risposta chiara" ai suoi problemi

Attualmente in fondo alla classifica della MotoGP, la Honda effettua valutazioni tecniche a ogni test e persino a ogni Gran Premio per uscire dalla sua crisi.

Joan Mir, Repsol Honda Team

Honda continua a lavorare sodo per superare l'attuale crisi di prestazioni in MotoGP. Per il momento, questo si sta traducendo in varie prove tecniche e di componentistica da parte della casa dell'ala dorata, nei test ed anche nei Gran Premi, con le moto spesso modificate per individuare la strada da seguire in ogni settore.

Al GP di Catalogna, Johann Zarco ha fatto debuttare una nuova aerodinamica, una delle tre che potranno essere omologate nel corso della stagione grazie al nuovo sistema di concessioni. I piloti Repsol l'hanno adottata invece al Gran Premio d'Italia, dove avevano anche una configurazione del motore diversa da quella del fine settimana precedente. Joan Mir, che ha spiegato che si presentava al weekend del Mugello con un pacchetto tecnico mai utilizzato prima, non ha nascosto di essere un po' spaesato.

Se a questo aggiungiamo la wild card di Stefan Bradl a Barcellona, dove ha guidato una RC213V ancora più diversa, possiamo farci un'idea del lavoro svolto dagli ingegneri Honda. Per Alberto Puig, si tratta di un altro segno della strada che il marchio giapponese deve percorrere e dello sforzo che si sta facendo per raggiungerla.

"Siamo sempre alla ricerca di risposte, ma è anche vero che stiamo testando molte parti diverse, molte cose. Ma di solito, quando si testano molte cose, significa che non si ha ancora una risposta chiara ai propri problemi", ha dichiarato il team manager della HRC al sito ufficiale della MotoGP dopo il Mugello.

"È per questo che si vedono così tante specifiche, così tante parti. Come abbiamo detto all'inizio dell'anno, stiamo cercando di sfruttare i test che abbiamo, le concessioni, ed è per questo che stiamo portando molte cose nuove, per vedere come funziona", ha aggiunto lo spagnolo. Questo lavoro essenziale continuerà nelle prossime settimane, soprattutto perché le voci indicano l'introduzione di un nuovo motore in estate.

D'altra parte, se guardiamo al numero di chilometri percorsi lunedì durante il test ufficiale dei team MotoGP al Mugello, caratterizzato da pioggia e maltempo, possiamo notare che, mentre i piloti Ducati hanno completato solo 11 giri, i piloti Honda ne hanno totalizzati 122.

Tuttavia, le poche migliorie viste sulle RC213V consistevano in un nuovo copriserbatoio sulla moto di Luca Marini, che sta lavorando sulla sua posizione di guida. Anche se la Honda continua a lavorare in vista della pausa estiva, sembra che non ci saranno ulteriori sviluppi importanti fino ad allora, dato che non si unirà alla Yamaha nei test privati del team di Iwata a Valencia.

Nonostante la pioggia, i piloti ufficiali HRC hanno cercato di fare delle valutazioni utili sulle loro moto e Marini ha dichiarato di aver lavorato su "cose interessanti, cose nuove. Non so dirvi quali", ha detto, "ma migliorano un po’ le prestazioni della moto. Non è ancora abbastanza, è impossibile dire quanti progressi siano stati fatti con queste cose. Il feeling è un po' migliore, ma dobbiamo ancora lavorarci".

Pur essendo contento di aver potuto provare nonostante la pioggia, l'italiano ha avvertito che non cambierà drasticamente la situazione. "Ma noi siamo così, facciamo piccoli passi avanti, l'importante è fare tanto. Tanti piccoli passi ne fanno uno grande", ha osservato con un sorriso.

Luca Marini s'est montré le plus actif lors du test de lundi, au Mugello.

Luca Marini s'est montré le plus actif lors du test de lundi, au Mugello.

Photo de: Repsol Media

I 40 giri completati dal fratello di Valentino Rossi, l'uomo più attivo in pista lunedì, gli sono serviti anche per fare esperienza e cercare di migliorare uno dei principali punti deboli della Honda: le prestazioni sul bagnato.

"Se miglioriamo la nostra situazione sul bagnato, avremo sicuramente dei vantaggi sull'asciutto", ha spiegato. "Credo che la Ducati, in particolare, sia la moto che mette più carico sul pneumatico posteriore e che fatica con quello anteriore, perché ha così tanta deportanza sul posteriore che distrugge il pneumatico anteriore".

"Quindi devono fare molta attenzione alla mescola anteriore e non a quella posteriore. Per noi è il contrario. Il nostro pneumatico anteriore va sempre bene, abbiamo un buon feeling e non abbiamo problemi di usura, mentre con il posteriore sì. Dobbiamo quindi investire un po' di più su questo, perché la Michelin ha molto talento quando si tratta di produrre pneumatici posteriori".

Mir ha anche cercato di ottimizzare la sua prova in base alle condizioni. "Abbiamo cambiato completamente i nostri piani. Abbiamo provato alcune cose con l'elettronica sul bagnato", ha spiegato il maiorchino, che si è detto comunque soddisfatto. "Quest'anno non abbiamo avuto molte sessioni sul bagnato.E con questa nuova moto è importante trovare le giuste regolazioni, che è quello che abbiamo provato nei pochi giri che ho fatto".

"Ma la verità è che non è stato molto produttivo, perché la pista si è asciugata molto velocemente, poi una volta asciutta ha ricominciato a piovere, e così via per tre volte. Quindi non si può dire che sia stata una giornata sprecata, ma quasi", ha concluso il campione 2020.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Lorenzo: "Non sono certo che Marc batterà sempre Pecco"
Prossimo Articolo MotoGP | Perché l'unione tra Pramac e Yamaha è la soluzione migliore per tutti

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia