MotoGP
25 mar
Prossimo evento tra
26 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
48 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
61 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
75 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
89 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
96 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
110 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
131 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
166 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
201 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
257 giorni

Mir: "La vittoria è arrivata al momento giusto"

Il pilota della Suzuki si gode la domenica trionfale della sua prima vittoria in MotoGP nel GP d'Europa, che vale anche una bella fetta di Mondiale.

condivisioni
commenti
Mir: "La vittoria è arrivata al momento giusto"

Joan Mir si è liberato di un peso e probabilmente non avrebbe potuto farlo in un momento migliore, perché la sua prima vittoria in MotoGP ha messo probabilmente un sigillo anche su quello che tra 7 giorni potrebbe essere il suo primo titolo iridato nella classe regina.

Il pilota della Suzuki si è imposto nel Gran Premio d'Europa, spuntandola proprio sul compagno di box, ed era i due portacolori della Casa di Hamamatsu sono primo e secondo anche nel Mondiale. Mir però ha dalla sua parte un bottino di 37 punti. Un gap importante quando in palio ce ne sono solo 50.

Subito dopo la gara, parlando ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD, il maiorchino non ha nascosto che questa vittoria è stata una bella liberazione, visto che ormai le domande riguardo alla possibilità che fosse campione senza successi si ripetevano quasi come un disco rotto.

"Lo sapevo che era solo questione di aspettare un po', perché eravamo stati competitivi in tutte le gare, quindi questa vittoria doveva arrivare. Sono contento per come è arrivata, perché è il momento giusto" ha detto Mir.

"Forse poteva arrivare anche prima senza la sfortuna dell'Austria, però oggi non abbiamo vinto perché gli altri hanno sbagliato, lo abbiamo fatto perché eravamo i più veloci" ha aggiunto.

Leggi anche:

Il momento chiave della corsa è arrivato a 11 giri dal termine, quando il suo compagno Rins è andato lungo in staccata per un problema in scalata e questo gli ha permesso di infilarlo. Poi ha sfruttato la differenza di ritmo che c'era a suo favore.

"Quando ero dietro ad Alex, lui aveva un buon ritmo, quindi ho deciso di seguirlo, anche perché passarlo poteva essere un po' rischioso e c'è tanto rispetto tra di noi per quanto riguarda i sorpassi.

"Quando ho visto che è andato un po' lungo, ho sfruttato l'opportunità ed ho cominciato a spingere. A quel punto avevo un paio di decimi di margine e questo mi ha permesso di vincere".

Passando poi ai microfoni di DAZN, Mir ha raccontato la maturazione che lo ha portato a lottare per il titolo al suo secondo anno nella classe regina.

"Non so da dove mi arriva questa capacità di gestire il campionato. Sono sicuro che essere arrivato qui così velocemente mi ha fatto maturare e magari ho qualcosa in più rispetto a piloti che sono stati in MotoGP cinque anni. Dobbiamo approfittare del momento e del modo in cui stanno andando le cose".

Riguardo ai 37 punti di margine, pur riconoscendo che si tratta di un vantaggio importante, ha spiegato di non avere intenzione di cambiare il suo atteggiamento per la seconda gara al Ricardo Tormo di Valencia.

"E' una buona differenza: se nella prossima gara riuscirò a stare nei primi cinque, il titolo sarà nostro. Ma attenzione (ride), correremo proprio come abbiamo fatto oggi e alla fine della gara vedremo come saremo messi".

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
2/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
8/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
10/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro: "Ho dato tutto, ma ora le Suzuki sono imbattibili"

Articolo precedente

Pol Espargaro: "Ho dato tutto, ma ora le Suzuki sono imbattibili"

Prossimo Articolo

Rins: “Se avessi avuto il passo, avrei attaccato Mir”

Rins: “Se avessi avuto il passo, avrei attaccato Mir”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Europa
Sotto-evento Gara
Location Valencia
Piloti Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Matteo Nugnes
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021
KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber" Prime

KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber"

La Casa austriaca prova a cambiare filosofia, schierando quelli che ritiene essere due team ufficiali a tutti gli effetti. Dopo le tre vittorie del 2020, le ambizioni sono elevate, ma i quattro piloti ne saranno all'altezza?

MotoGP
15 feb 2021
Andrea Dovizioso e l'impareggiabile esperienza di 19 anni nei GP Prime

Andrea Dovizioso e l'impareggiabile esperienza di 19 anni nei GP

Mai assente da un Gran Premio dal 2002, Andrea Dovizioso sta chiudendo un capitolo che rappresenta più della metà della sua vita e che gli ha regalato lezioni di incomparabile valore.

MotoGP
11 feb 2021
Ducati: riuscirà Bagnaia dove hanno fallito Rossi e Dovizioso? Prime

Ducati: riuscirà Bagnaia dove hanno fallito Rossi e Dovizioso?

Pecco Bagnaia è il settimo pilota italiano che arriva a correre con il team ufficiale Ducati in MotoGP. Quattro di questi hanno vinto delle gare, ma nessuno ha centrato il titolo. Riuscirà all'ex campione del mondo di Moto2 quell'impresa che non è riuscita neanche a due mostri sacri come Valentino Rossi ed Andrea Dovizioso?

MotoGP
10 feb 2021