Miller: "Le gomme? Evito di commentare, ma sono stufo"

Jack Miller si è detto "stufo" del fatto che le sue qualifiche siano compromesse da problemi con la gomma posteriore soft della Michelin, dopo aver concluso al decimo posto quelle del Gran Premio delle Americhe.

Miller: "Le gomme? Evito di commentare, ma sono stufo"

Jack Miller aveva sbaragliato la concorrenza nella FP3 di sabato mattina, rifilando oltre sei decimi alla concorrenza e guadagnandosi quindi i galloni di favorito per la pole position di Austin.

Dopo aver concluso la FP4 con un crono di 2'04"028 ottenuto con una gomma dura al posteriore, Miller si è migliorato di appena tre decimi in Q2 con una gomma morbida nuova.

L'australiano ha fatto segnare un crono di 2'03"720 con la sua prima gomma, che ha suggerito avesse già qualcosa che non andava, ma poi è stato addirittura un secondo più lento quando è tornato in pista, quindi non è riuscito a fare meglio del decimo tempo. Il tutto mentre il compagno Pecco Bagnaia firmava la sua terza pole di fila.

Miller aveva già avuto dei problemi legati alle gomme in qualifica in questa stagione. Pur senza voler fare un attacco diretto alla Michelin, non ha nascosto la sua rabbia.

"In FP4, con una gomma dura, ho girato a due decimi dal tempo che ho datto in qualifica, dopo che nella FP3 avevo fatto 2'02"9", ha detto Miller quando gli è stato chiesto di spiegare il suo crollo in Q2.

"Quindi, non so. Non è stato perché io non ci abbia provato, posso dirvi questo. Sappiamo però che è un problema che si ripete".

Leggi anche:

Quando gli è stato chiesto da Motorsport.com perché questa cosa sembra colpire lui più di chiunque altro quest'anno, ha aggiunto: "Come hai detto tu, è successo un paio di volte e posso dirti che è una cosa che mi sta stufando".

"Ma comunque andiamo avanti e speriamo che non ricapiti domani. Sto facendo del mio meglio per tutto ciò che è sotto al mio controllo, mantenendo la calma e cercando di fare il mio lavoro in ottica gara".

Poi ha aggiunto: "Anche se vorrei, non è un qualcosa che commenteremo ora. E' solo che oggi non sono stato in grado di fare quello che avrei potuto, questo è tutto".

"Ho guidato in entrambi i run allo stesso modo, completamente uguali, ma nel secondo il mio tempo si è alzatao. Avrei voluto provare a fare un altro giro, ma non ho avuto tempo".

Dopo le qualifiche, però, la Michelin ha rivelato che la sua analisi iniziale ha rivelato che l'out-lap di Miller era stato di 20" più lento del normale nel suo secondo run e che questa cosa potrebbe aver generato i suoi problemi.

"C'è stato un reclamo dopo la Q2, ma sulla base dei dati immediatamente disponibili notiamo che c'è stato un out-lap di 20 secondi più lento del normale per il secondo run, quindi qualsiasi mancanza di prestazioni potrebbe essere attribuita alla successiva riduzione della temperatura e della pressione degli pneumatici (che dobbiamo confermare più tardi dopo un'analisi dettagliata dei dati) per il giro singolo del time attack", ha detto la Michelin.

In ogni caso, Miller non si dà per vinto e si aggrappa alla rimonta che aveva compiuto Andrea Dovizioso due anni fa, chiudendo quarto dopo essere scattato 13esimo.

"Non sarà la gara più facile, ma se guardo a ciò che ha fatto Dovi un paio di anni fa qui, quando abbiamo corso l'ultima volta, sono più ottimista: penso che fosse in Q1 ed è stato in grado di arrivare quarto", ha detto Miller.

"Ci sono state alcune cadute quel giorno, ma sento di avere una buona velocità, un buon potenziale, mi sento bene sulla moto. Abbiamo solo bisogno di una partenza pulita, che è la cosa più difficile là dietro, soprattutto con una curva 1 come questa".

"Poi per il resto basta cercare di dare il massimo per riprendere i ragazzi davanti e rimanere lì".

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mir: "Mi sono spaventato quando si è rotta la moto in FP4"

Articolo precedente

Mir: "Mi sono spaventato quando si è rotta la moto in FP4"

Prossimo Articolo

Marini: "Non ho ancora mostrato il mio potenziale"

Marini: "Non ho ancora mostrato il mio potenziale"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021