Bagnaia: "Non mollo la sfida con Ducati!"

Il pilota del Pramac Racing è convinto che il 2020 possa essere l'anno della svolta per lui in MotoGP e spera di guadagnarsi un posto nel team ufficiale Ducati. Sulle critiche del 2019 invece ha detto: "Inutile perdere tempo".

Bagnaia: "Non mollo la sfida con Ducati!"

La pandemia del Coronavirus sta ritardando il via della stagione 2020 della MotoGP e i piloti sono tutti rinchiusi in casa, in attesa di poter tornare in sella ai loro bolidi.

Questa è una stagione molto importante per Pecco Bagnaia: anche lui avrà a disposizione una Desmosedici GP20 identica alle due Ducati ufficiali, inoltre il suo contratto è in scadenza, come quello della maggior parte dei piloti sullo schieramento di partenza.

Dopo aver invitato tutti a non rischiare e a rimanere a casa, il portacolori del Pramac Racing non ha nascosto che la sua Rossa gli manca parecchio in un'intervista rilasciata a Sky Sport MotoGP.

"Al momento non ci voglio neanche pensare troppo, anche perché la situazione ora è troppo incerta. Da un certo punto di vista, egoisticamente parlando, è meglio che ci sia la quarantena dappertutto così quando ripartiremo saremo tutti allo stesso livello. Mi manca molto andare in moto, la sensazione di miglioramento che avevo provato ai test, di ritmo e in generale di prestazione mi manca molto. Penso che mi mancherà per tanto tempo, è questo che temo, ma bisogna adeguarsi".

Così come bisognerà adeguarsi ad una stagione che rischia di avere molte gare compresse, soprattutto nella parte conclusiva: "Sinceramente penso che sia uguale per tutti, avremo così tanta voglia di ricominciare che sentiremo meno la stanchezza".

 

In casa Ducati c'è chi, come il direttore sportivo Paolo Ciabatti, è convinto che questa sarà la stagione della svolta per Pecco dopo un primo anno di apprendistato su una moto non facile come la Desmosedici GP.

"Me lo auguro, secondo me le premesse ci sono tutte. L'anno scorso è stato tosto, con troppe cadute che non sono da me, se pensi che nei due anni precedenti sono caduto 4 e 6 volte".

"Quest'anno, ai test, sono partito un po' più cauto per ritrovare il feeling con la moto e ora, con la Ducati 2020 e la squadra attorno a me, posso avere tutto quello di cui ho bisogno per raggiungere i risultati che stiamo cercando. Il mio obiettivo è arrivare in Ducati ufficiale nel 2021, per farlo devo meritarmelo".

Anche perché i giudizi su Bagnaia, arrivato in MotoGP da campione del mondo della Moto2, sono stati abbastanza severi anche alla luce di quanto ha fatto l'altro rookie Fabio Quartararo.

"Fabio ha fatto una stagione al di sopra di ogni aspettativa, anche della Yamaha. Ha fatto dei risultati incredibili, come aveva fatto in precedenza Zarco. Detto questo, i commenti negativi arrivano sempre, però sono la cosa che conta meno perché solo tu sai su cosa stai lavorando, sulle tue difficoltà e su come stai cercando di risolverle".

"Inutile perdere tempo sui commenti negativi, soprattutto se arrivano da chi non è neanche dell'ambiente, vai solo fuori di testa. Se i commenti arrivano da Ciabatti, Tardozzi o da qualcuno del mio team o della mia famiglia, allora bisogna crescere e imparare, ma per esempio i social sono pieni di leoni da tastiera".

Il suo stile di guida non è particolarmente adatto alla Ducati, ma Pecco sta cercando un punto di incontro, ripercorrendo in pratica il percorso che ha fatto Jorge Lorenzo qualche anno fa.

"Stiamo cercando di conciliare i miei punti di forza con quelli della Ducati, che sono la percorrenza con la staccata e la trazione in uscita dalle curve. Lorenzo, nel momento in cui è riuscito a capirlo, ha fatto degli enormi passi in avanti e ha vinto due gare. È vero che guardando i due stili di guida sono piuttosto simili sotto certi aspetti. Quando ha capito il meccanismo, ha cominciato a staccare fortissimo ed è un po' quello che è successo a me in Malesia, avevo iniziato a staccare molto forte".

Leggi anche:

In sella alla GP20, nei test, ha fatto ancora dei progessi, anche se non si sente ancora completamente a suo agio.

"Ora devo cercare di essere più costante con le gomme, penso che ci stia riuscendo come successo anche nella simulazione di gara. Non avevo un passo per vincere, ma per stare tra i primi sette. Non ci basta ovviamente, mi mancavano 3-4 decimi e credo che per la gara li avrei avuti perché mi ero confrontato anche con le prestazioni di Dovizioso, Petrucci e Miller. Spero solo che quando ripartiremo ripartirò da qui, anzi ne sono sicuro, perché difficilmente perdo le cose che apprendo. Ci siamo quasi, però non mi sento ancora di dire di essere perfettamente adattato alla Ducati".

Essendo in scadenza, il piemontese potrebbe anche valutare offerte che arrivano al di fuori della Ducati, ma la sua priorità sembra essere quella di continuare con la Casa di Borgo Panigale.

"Sarebbe interessante ma non è quello che voglio, sicuramente le offerte di altri team fanno piacere, ma io ho sposato da subito il progetto della Ducati, ancora prima di cominciare l'ultima stagione di Moto2 e voglio riuscire a portarla al massimo delle sue potenzialità".

"Penso che Ducati stia lavorando tanto per ottenere grandi risultati che sta già raccogliendo, ma non è mai abbastanza. L'anno scorso c'è stato un dominio di Honda e Marquez imbarazzante, l'obiettivo è arrivare vicino a primi sia con i punti sia con i risultati".

"Io ho voluto Ducati, perché era quello che volevo, però non mi sembrerebbe giusto per nessuno mollare questa sfida. Loro hanno investito molto in me, io ho creduto a loro ed è qualcosa che dobbiamo portare avanti insieme".

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
3/15

Foto di: Motogp.com

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
12/15

Foto di: Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing, Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing, Francesco Bagnaia, Pramac Racing
14/15

Foto di: Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing's Ducati
Francesco Bagnaia, Pramac Racing's Ducati
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
#aiutiAMObrescia: c'è anche la Honda RC213V di LCR
Articolo precedente

#aiutiAMObrescia: c'è anche la Honda RC213V di LCR

Prossimo Articolo

Rossi salta la gara virtuale della MotoGP al Mugello

Rossi salta la gara virtuale della MotoGP al Mugello
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021